Il pane preistorico più antico del mondo scoperto in Turchia risale a 8.600 anni fa

Il pane preistorico più antico del mondo scoperto in Turchia risale a 8.600 anni fa

La scoperta archeologica a Çatalhöyük, un sito neolitico situato nella provincia di Konya in Turchia, ha segnato un importante punto di svolta nella nostra comprensione delle origini dell’agricoltura e della nutrizione umana. Dopo approfondite analisi condotte presso il Centro di Ricerca e Applicazione della Scienza e della Tecnologia Università Necmettin ErbakanI ricercatori hanno identificato quello che si ritiene sia il pane più antico mai scoperto, risalente a 8.600 anni fa. Questa scoperta, svelata in uno spazio chiamato “Mekan 66” all’interno di Çatalhöyük, sfida la nostra precedente conoscenza delle pratiche culinarie delle prime società sedentarie ed evidenzia l’importanza dell’innovazione alimentare nello sviluppo delle società umane.

Viaggio nel tempo a Çatalhöyük

Il distretto di Çatalhöyük si trova nel cuore della provincia di Konya in Turchia. Si distingue come un gioiello archeologico, testimonianza dei primi inizi di urbanizzazione nel Neolitico. Questo sito abbraccia un periodo compreso tra il 7400 e il 6200 a.C. Fornisce una finestra aperta su una società complessa e strutturata, dando forma ai modelli urbani che conosciamo oggi.

La vita a Çatalhöyük mostrò un'organizzazione sociale notevolmente avanzata e soprattutto unica. Le case in mattoni costituivano un denso tessuto urbano. Erano costruiti molto vicini tra loro, condividendo muri comuni, e non c'era spazio libero tra loro per i corridoi a livello del suolo. Pertanto, i tetti fungevano da vie di circolazione pubblica. Hanno permesso ai residenti di spostarsi in tutta la comunità. Entravano nelle loro case attraverso le aperture in alto. Questa organizzazione spaziale riflette un ingegnoso adattamento all'ambiente e alle esigenze sociali dell'epoca. Ha massimizzato l’uso dello spazio disponibile in una delle più antiche forme di vita urbana densa.

READ  L'economia può diventare una scienza - analisi?

I circa 8.000 residenti di Çatalhöyük condividevano non solo uno spazio di vita comune, ma anche tradizioni alimentari, credenze e pratiche che hanno attraversato migliaia di anni per arrivare fino a noi.

Gli archeologi infatti hanno scoperto un antico forno, parzialmente distrutto. Attorno al forno in gran parte distrutto sono stati rinvenuti semi di grano, orzo e piselli. Ma scoprirono anche qualcosa delle dimensioni di una palma, che sembrava essere del pane avanzato. Sarà la copia più antica mai ritrovata.

>>Leggi anche: In che modo le abitudini alimentari hanno contribuito all’evoluzione del cervello umano due milioni di anni fa?

L'analisi del pane ne rivela il patrimonio culinario

Il lavoro di ricerca condotto dall'Università Necmettin Erbakan di Konya ha svolto un ruolo decisivo nella verifica scientifica della scoperta di Çatalhöyük. Utilizzando tecniche analitiche avanzate, i ricercatori sono stati in grado di datare con precisione il pane al 6600 a.C. Si scopre che questi resti spugnosi, per la loro composizione, sono pane lievitato, il che attesta l'esistenza di pratiche di panificazione avanzate.

Questa impresa d'arte permette di rintracciare le pratiche culinarie nelle società neolitiche. Sembra più facile comprendere gli stili di vita e le innovazioni dei nostri antenati. Il professor Ali Umut Turkkan, che guida la squadra di scavo, ha sottolineato il ruolo di Çatalhöyük come pietra angolare nel campo dell'archeologia alimentare.

Resti di pane lievitato, rinvenuti vicino al forno di Çatalhöyük. ©AA

Questa specialità esplora le abitudini alimentari delle antiche civiltà ed è sempre più importante. Permette infatti di decifrare gli aspetti sociali, culturali ed economici che stavano alla base della produzione, preparazione e consumo del cibo nel passato. La scoperta, effettuata nell'area denominata “Place 66”, traccia i contorni di una società in cui il cibo già giocava un ruolo centrale nella coesione e nell'identità della comunità.

READ  Sappiamo di più sulla comunicazione vocale dei topi

>>Leggi anche: La vita quotidiana di un uomo di Neanderthal è stata svelata grazie ai suoi denti sporchi

Il pane è un enorme patrimonio culturale e spirituale

La scoperta del pane a Çatalhöyük va oltre il semplice fascino per l'antichità. Rivela le basi dei sistemi alimentari all’interno dei primi insediamenti umani. Questa scoperta attesta l'esistenza di tecniche di preparazione e conservazione del cibo molto più elaborate di quanto precedentemente ipotizzato per questo periodo, offrendo una nuova prospettiva sulle abitudini alimentari che accompagnarono l'emergere delle società organizzate. Ci invita anche a riconsiderare la nostra comprensione della nutrizione preistorica. Suggerisce diversificazione e sviluppo della cucina in linea con le sfide poste da uno stile di vita sedentario.

Queste società addomesticarono i cereali, svilupparono metodi di fermentazione e adattarono la loro dieta alle risorse disponibili. Questa capacità di innovazione culinaria riflette una profonda comprensione del proprio ambiente e il desiderio di migliorare continuamente la qualità della vita. La scoperta di Çatalhöyük non getta quindi luce solo sul passato. Sottolinea l’importanza del cibo nello sviluppo culturale e tecnologico dell’umanità.

In effetti, gli esperti considerano questo sito un centro di credenze religiose, arte e commercio del Neolitico. Le pareti delle case sono decorate da affreschi, alcuni dei quali raffigurano scene di caccia, animali, motivi geometrici e figure umane. Testimoniano una ricca vita spirituale e artistica. Furono scoperte anche statue femminili, interpretate da alcuni come dee madri o simboli di fertilità. Strumenti di pietra, perline, conchiglie e tessuti completano ancora il sito. Le sepolture rinvenute sotto i pavimenti delle abitazioni indicano pratiche funerarie complesse, con corpi spesso accompagnati da offerte.

>>Leggi anche: A Türkiye è stata scoperta un'imponente statua risalente al Neolitico

READ  Questa vela solare ruota con successo da oltre 2,5 anni

fonte : Agenzia dell'Anatolia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *