Sandra Lavorel, pioniera dell'ecologia funzionale, Medaglia d'Oro del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica

Sandra Lavorel, pioniera dell'ecologia funzionale, Medaglia d'Oro del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica

Sandra Lavorel, direttrice della ricerca ed esperta di biodiversità di Grenoble, riceverà la medaglia d'oro del CNRS nel 2023 per il suo lavoro nell'ecologia funzionale. In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, un ritratto di questa donna ispiratrice: una scienziata pioniera in un campo reso essenziale dal cambiamento climatico.

Società quotidiana

Dalla vita di tutti i giorni ai grandi temi, ogni giorno alle 16 scopri i temi che plasmano la tua comunità locale: giustizia, istruzione, salute e persino famiglia.

France Télévisions utilizza il tuo indirizzo email per inviarti la newsletter “La Quotidienne Société”. Potrai cancellarti in ogni momento tramite il link in fondo a questa newsletter. La nostra politica sulla privacy

Da bambina, Sandra Lavorel faceva spesso escursioni sulle Alpi, esplorando la natura e creando erbari. È stato mandato da suo padre ed è lui stesso un ricercatore “Missione normale” Per tenerlo occupato e dargli il tempo di scrivere i suoi articoli scientifici. Lyonnaise nei giorni feriali, savoiarda e alta savoiarda nei fine settimana e nei giorni festivi. Molto presto, gli ecosistemi alpini sono diventati il ​​suo parco giochi e, quando è cresciuta, ha voluto preservarli.

“Fin dall’adolescenza mi sono sempre interessato alle questioni ambientali”.Dice.

“Molto ispirato da ottimi insegnanti di biologia.”Sono passato prima al diploma di ingegneria agraria. Ma lei lo vuole “Lavorare per proteggere la natura, soprattutto nei parchi nazionali”.. Dopo la formazione, ho continuato con una tesi “E una cosa tira l'altra”diventa un ricercatore.

Nel 1991, quando Sandra Lavorel difese la sua tesi, l’ecologia non aveva ancora raggiunto lo status che ha oggi nella società e nella comunità scientifica. “Non venivamo presi sul serio, non sempre.”“, ammette sorridendo il ricercatore. “Ad esempio, rispetto alle persone che studiavano genetica, la nostra credibilità era molto più bassa in quel momento.”Dice.

Poi è venuta alla ribalta Sandra Lavorel. Ha riportato l'idea della classificazione delle piante da tre anni di lavoro post-dottorato in Australia.Non secondo la loro identità, ma secondo il loro lavoro. Grazie a questa nuova etichetta, desideri “Modella interi ecosistemi e analizza la loro risposta al cambiamento climatico”.

Mentre altri partivano per studiare la foresta amazzonica, Sandra Lavorel è entrata nel 1994 al Centro nazionale di ricerca scientifica di Montpellier, per poi tornare naturalmente in montagna per studiare gli ecosistemi alpini che erano, per lei, “Ottimo ambiente”. È entrata a far parte del Laboratorio di Ecologia Alpina di Grenoble nel 2003.

READ  Véronique (Amore nella prateria) è irriconoscibile dopo la rottura con Charles: è avvenuto un grande cambiamento fisico

“Gli ecosistemi e la biodiversità hanno valore di per sé, senza l'uomo. L'uomo è solo un elemento. Nonostante tutto questo, l'idea di questa ricerca è quella di rivelare alla società i valori degli ecosistemi.” Spiega il mondo.

“La prima cosa che ricordiamo sempre è che l'aria che respiriamo non sarebbe in grado di respirare se sulla Terra non ci fossero organismi che convertono tutti i gas dell'atmosfera in ossigeno e piante che continuano a farlo ogni giorno”, dice. .

“Tutto il nostro cibo proviene dagli ecosistemi e ci sono altre funzioni: ad esempio la protezione dai pericoli, come la regolazione delle inondazioni. Qui nelle Alpi, queste sono questioni molto importanti per la stabilità delle piante contro frane e valanghe”, Lei continua.

“Ci saranno anche servizi come l’impollinazione degli insetti, essenziali per più di tre quarti del cibo che consumiamo”. Sandra Lavorel ricorda.

Ma la scienza non si ferma qui. Combina biologia, botanica e discipline umanistiche. I suoi dettagli sono i seguenti: “Servizi culturali” Ciò che la natura ci regala : “La realtà di trarre beneficio dalla natura camminando, il suo contributo alla nostra salute mentale e alle nostre connessioni sociali”. “È importante in molti aspetti della qualità della vita”. Dice.

È un pioniere, almeno in Francia e in Europa, nel lavoro sull'interfaccia tra le scienze naturali e le scienze umane e sociali.Lo conferma Eric Garnier, del Centro di Ecologia Funzionale ed Evolutiva da Montpellier, Sul sito del CNRS.

Soprattutto da quando Sandra Lavorel, fin dall’inizio del suo lavoro, nella valle dell’Alta Romanca, nell’Isère, o nel Col de Loutaret, nelle Alte Alpi, si è concentrata sulla scienza partecipativa. Crea think tank composti da attori locali e agricoltori.

READ  Una delegazione del Consiglio di sicurezza in Mali per fare pressione sulle autorità militari – Gerusalemme

“Non possiamo lavorare dal nulla, letteralmente, e questo è molto motivante per me.”Dice.

“Non ha senso proporre cambiamenti se non abbiamo il sostegno delle popolazioni che vivono nelle zone. Cerchiamo il più possibile di coinvolgerle nelle nostre ricerche, di scambiare conoscenze e idee e magari di far accettare i percorsi di modifica.”litigare.

Perché il cambiamento è adesso. “Quello che stiamo osservando è una variabilità climatica molto significativa, il che significa che abbiamo ecosistemi che sono sotto questa pressione”.“, spiega il ricercatore.

“Per alcuni tipi di piante e insetti, possiamo osservare un aumento dell’altitudine nelle nostre regioni e un aumento verso nord, in Francia ed Europa”.lei spiegò.

Ma per Sandra Lavorel, “C’è solo un fattore che è più importante nei cambiamenti nella biodiversità”, “Tutto ciò è l’uso del territorio”.Dice.

agricoltura e urbanizzazione, “Ha effetti molto più pronunciati e rapidi e oggi può essere misurato molto bene.”. Modificare e ridurre le aree di habitat per le specie vegetali e animali e la capacità degli ecosistemi di sequestrare il carbonio per regolare il clima: ““Dipende ancora molto da come gestiamo il suolo.”Lo sottolinea l'ambientalista.

Al Col du Loutaret, a 2.400 metri di altitudine, sta studiando questi effetti sulle praterie alpine.

“Per i prati di montagna, è abbastanza chiaro che lo sfruttamento intensivo è negativo: se facciamo troppa fertilizzazione e troppa irrigazione, ciò è del tutto inappropriato per la biodiversità, la salute dell’ecosistema e il sequestro del carbonio”..

Oltre a chiedere il ritorno alla natura, Sandra Lavorel, membro dell’Accademia delle Scienze dal 2013, chiede anche un ritorno alla natura. “Immaginare i nostri paesaggi come un mosaico.”.

“Certo, abbiamo bisogno di mangiare, quindi dobbiamo avere luoghi per la produzione, ma non è solo questo. Non dovrebbero esserci solo luoghi per lo sviluppo naturale o terre desolate, dovremmo davvero sapere come gestire le miscele nel paesaggio.”. Riportiamo quindi la parola “biodiversità” al suo significato originario.

READ  Un missile nucleare che potrebbe viaggiare su Marte

Sandra Lavorel, esperta riconosciuta a livello internazionale, è una delle scienziate autrici dei rapporti dell’IPBES, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici per la biodiversità: una piattaforma scientifica e politica intergovernativa sulla biodiversità e sui servizi ecosistemici.

“Ciò che conta per me sono le soluzioni, non solo i problemi.”Dice. “Ecco perché lavoro con le parti interessate e cerco di pensare all'idea di servizio ecosistemico. Ciò equivale a evidenziare ciò che la natura fa per gli esseri umani e, in particolare, lavoro molto sul modo in cui gli ecosistemi aiutano gli esseri umani ad adattarsi ai cambiamenti climatici.”.

Se “Le cose sono già irreversibili.”,ecco lei “L’urgenza di agire per limitare gli impatti, quelli che ancora possono essere ridotti, e anche cercare di non generarne di più”..

“La transizione energetica è difficile per tutti, è molto difficile a livello sociale, ma uno dei motivi per cui è difficile è che abbiamo già aspettato troppo a lungo. Più aspettiamo, più diventa complicata, sia a livello umano che globale.” “Il lato normale. È ancora molto preoccupante.”Il mondo denuncia.

Ma “Dimostrando le funzioni della biodiversità agli esseri umani, potremmo avere maggiori possibilità di sensibilizzare l’intera società e soprattutto i decisori sulla necessità di conservare questa biodiversità”.Dice.

Nel suo lavoro e nell'allenare i suoi team, Sandra Lavorel lavora sotto diversi profili. Se l’ecologia è un campo scientifico che attrae sempre più donne, secondo lei c’è ancora molta strada da fare nel mondo della scienza.

Fedele alla sua convinzione di trarre vantaggio da una pluralità di conoscenze e prospettive, lei lo crede “La soluzione migliore è la parità. Perché ci sono ottime complementarità nei modi di essere, nelle competenze, nei punti di forza e di debolezza. Le cose dovrebbero essere facili per le donne come lo sono per gli uomini, e ci dovrebbe essere un buon ascolto e una buona comprensione. Questo vale per tutti differenze. Per me l’elemento più importante è rispettare le differenze”.conclude la medaglia d'oro del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *