Il Kenya guida una campagna globale per raccogliere 322 trilitri di tasse sul clima

Il Kenya guida una campagna globale per raccogliere 322 trilitri di tasse sul clima
Le tasse e le tariffe proposte comporteranno ulteriori sofferenze per i consumatori. [iStockphoto]

Una task force globale presieduta dal Kenya ha proposto di imporre pesanti tasse e tariffe agli inquinatori.

Si prevede che vari paesi adottino una proposta per raccogliere trilioni di dollari ogni anno da destinare all’adattamento e alla mitigazione del clima.

Se adottate, tasse e dazi su settori come quello petrolifero e dei viaggi aerei potrebbero comportare maggiori sofferenze per i consumatori di tutto il mondo, compresi i keniani.

Sebbene i prezzi alla pompa locale siano diminuiti negli ultimi mesi, sono ancora elevati rispetto allo scorso anno.

La task force fiscale internazionale, guidata e co-presieduta da Kenya, Barbados e Francia, mira a raccogliere ogni anno 2,4 trilioni di dollari (322 trilioni di scellini al tasso di cambio attuale) in nuove tasse sul clima sulla ricchezza, sui viaggi aerei privati, sulle transazioni finanziarie, sui combustibili marittimi e danni derivanti dal carbonio, profitti dai combustibili fossili e reinvestimento dei sussidi ai combustibili fossili nel tentativo di evitare gli effetti negativi del cambiamento climatico.

Il denaro raccolto attraverso queste tasse e commissioni potrebbe fornire significative entrate aggiuntive e rendere il sistema finanziario più giusto ed equo, ha affermato la task force.

La Task Force fiscale internazionale, che si è riunita mercoledì a Washington, D.C., alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), è stata istituita dal presidente William Ruto, dal suo omologo francese Emmanuel Macron e dal primo ministro delle Barbados Mia Mottley, per mobilitare finanziamenti per un clima equo. giustizia.

Nell’ultimo anno e mezzo ha condotto ricerche e condotto consultazioni pubbliche.

“La task force è desiderosa di trovare soluzioni pratiche che consentano di raccogliere i finanziamenti tanto necessari per affrontare il cambiamento climatico con un impatto minimo sulla gente comune. L’obiettivo è sviluppare fonti di finanziamento innovative che possano” essere implementate da qualsiasi paese che voglia fare la differenza. ”

READ  Xi sottolinea di non rallentare la campagna per combattere l'inquinamento atmosferico » Capital News

Alcune delle categorie fiscali previste includono una tassa sui combustibili fossili o una tassa sui danni da carbonio che verrebbe imposta ai produttori di combustibili fossili, che potrebbe raccogliere 210 miliardi di dollari (27 trilioni di scellini) all’anno.

Si sta inoltre prendendo in considerazione un’imposta sui profitti imprevisti dei combustibili fossili durante i periodi di aumenti eccezionali dei prezzi. Il comitato stima che un’imposta del 10% sugli utili del 2022 avrebbe raccolto 300 miliardi di dollari (39 trilioni di scellini).

I membri del comitato stanno inoltre esplorando la possibilità di eliminare gradualmente i sussidi ai combustibili fossili, con l’obiettivo di convertire i sussidi esistenti in un fondo globale per perdite e danni.

Le principali province stimano che ciò potrebbe generare fino a 43,91 miliardi di dollari (5,7 trilioni di scellini) all’anno per colmare il gap di finanziamento del clima.

Altre misure fiscali includono un’imposta sulle transazioni finanziarie a livello globale o limitata alle economie avanzate, che contribuirebbe con 418,8 miliardi di dollari (54,4 trilioni di scellini) all’anno e una tassa speciale sui passeggeri aerei volta a raccogliere circa 150 miliardi di dollari (19,5 trilioni di scellini). Propongono anche una tassa sul carburante marittimo per l’uso di combustibili fossili nel trasporto marittimo, e si stima che questa frutterà 80 miliardi di dollari (10,4 trilioni di scellini) all’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *