Il gruppo BRICS accetta le valute locali per le esportazioni di pesce ed esclude il dollaro USA

Il gruppo BRICS accetta le valute locali per le esportazioni di pesce ed esclude il dollaro USA

Il gruppo BRICS cerca di dominare il settore delle colture alimentari e agricole e di limitare il predominio del dollaro USA negli accordi commerciali. La Russia ha recentemente proposto un piano che consentirebbe ai paesi di regolare gli scambi commerciali nelle valute locali per le esportazioni di grano. Il piano, chiamato “Grain Exchange”, consente alle società di importazione ed esportazione di acquistare cereali direttamente dai produttori e dalle aziende agricole. Il processo di cambio può iniziare con le valute locali a scapito del dollaro USA. Ma il gruppo BRICS è ora andato oltre e prevede di utilizzare lo stesso meccanismo per le esportazioni di pesce, dove le valute locali saranno il principale mezzo di pagamento e non i dollari statunitensi.

Leggi anche: 10 paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai pronti ad abbandonare il dollaro USA nel commercio

La Cina, membro del gruppo BRICS, è il secondo maggiore esportatore di pesce al mondo, esportando prodotti ittici per un valore di 10,40 miliardi di dollari. Anche la sua controparte, l’India, esporta circa il 17% dei suoi prodotti ittici e frutti di mare in tutto il mondo. Il valore totale delle esportazioni di pesce indiano è di circa 4,6 miliardi di dollari all’anno. La Russia sta cercando di trarre vantaggio finanziario dalle esportazioni globali di pesce della sua controparte BRICS per ridurre il dominio del dollaro USA.

Leggi anche: BRICS: l'inizio dell'abbandono della dollarizzazione… Il 52% del commercio in Cina si svolge in yuan

BRICS: La Russia cerca di proporre valute locali per le esportazioni di pesce, marginalizzando il dollaro USA

Il gruppo BRICS accetta le valute locali per le esportazioni di pesce ed esclude il dollaro USA
Fonte: iStock

Ministro dell'Agricoltura russo Oksana Lotto Ha detto che il paese prevede di aggiungere le esportazioni di pesce insieme ai cereali agli accordi in valuta locale. “I paesi BRICS ora costituiscono circa il 30% della terra arabile totale del mondo. Insieme produciamo circa il 40% dei raccolti cerealicoli mondiali, il 50% del pesce e il 50% dei prodotti lattiero-caseari mondiali costituiscono Una piattaforma chiave per garantire la sicurezza alimentare globale. Lot ha detto.

READ  Storia del cambiamento climatico sulla Grande Barriera Corallina

Leggi anche: BRICS: il dollaro USA causa ingenti danni alle valute locali

Ma la proposta non è ancora stata cristallizzata ed è ora agli inizi. Nessuno dei paesi BRICS ha accettato la proposta avanzata dalla Russia. La sua accettazione sarà nota solo dopo che la proposta diventerà ufficiale con una serie di norme e regolamenti in vigore. Il gruppo BRICS dovrà quindi decidere se accettare l’utilizzo delle esportazioni di pesce e grano in valute locali o in dollari statunitensi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *