Il CDC per l’Africa e l’OMS intendono affrontare il problema del peso delle malattie

Il CDC per l’Africa e l’OMS intendono affrontare il problema del peso delle malattie
Il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa, entra a far parte del consiglio mentre il dottor Jean Cassia, direttore generale del CDC per l’Africa, osserva la conferenza CPHIA 2023 a Lusaka, in Zambia. Immagine gentilmente concessa/Africa CDC

Kampala, Uganda | Ronald Musoke | I Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa CDC) e l’Organizzazione mondiale della sanità hanno collaborato per fermare l’epidemia di malattie comuni in tutto il continente.

Ogni anno, in tutta l’Africa vengono segnalati circa 100 focolai di malattie, secondo una ricerca condotta dai Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie, un’agenzia indipendente all’interno delle strutture dell’Unione africana la cui missione è rafforzare la capacità dei paesi di rispondere rapidamente ed efficacemente alle malattie. minacce in tutto il mondo, in tutto il continente.

Africa CDC e OMS hanno un piano strategico per rafforzare i centri operativi di emergenza sanitaria pubblica. In tutto il continente.

“Questo (piano strategico) mira a realizzare il nostro impegno condiviso di istituire almeno il 90% dei centri operativi di emergenza sanitaria pubblica negli Stati membri dell’Africa e della regione del Mediterraneo orientale”, ha affermato il 29 novembre.

Il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa, ha affermato che il piano concettuale mira a istituire centri operativi di emergenza sanitaria pubblica (PHEOC) pienamente operativi in ​​almeno 50 paesi africani. Ha affermato: “Questa iniziativa strategica rappresenta un passo avanti verso il rafforzamento della preparazione e della risposta sanitaria a livello regionale”.

Tenutosi sotto il tema “Rompere le barriere: riposizionare l’Africa nell’architettura sanitaria globale”, la conferenza ha attirato migliaia di esperti e leader sanitari da tutto il continente. Hanno convenuto che l’apprendimento e la pianificazione delle epidemie precedenti garantirebbe una preparazione proattiva nell’affrontare le future sfide sanitarie.

Un potenziale punto di svolta

Gli esperti di sanità pubblica hanno accolto con favore la strategia come un “potenziale punto di svolta” per la preparazione e la risposta sanitaria regionale in Africa.

READ  Il Giappone sale leggermente nella classifica 2024 del divario di genere

“Questo è un passo fondamentale per garantire che l’Africa sia più sicura e più sana”, ha affermato il dottor Francis Ohanedo, ricercatore di sanità pubblica presso il West African Institute of Public Health.

“Il ritmo crescente delle emergenze sanitarie pubbliche sta gravando sul nostro continente”, ha affermato la Dott.ssa Fiona Braca, capo della squadra per le operazioni di emergenza presso l’Ufficio regionale dell’OMS per l’Africa.“I governi identificano le priorità e i problemi (e) come partner, (dovremmo) riunitevi per sostenerli”. “È una situazione che richiede tutti gli sforzi perché affrontare solo questo problema non è realizzabile”, ha affermato.

Nel maggio di quest’anno, il CDC per l’Africa e l’OMS hanno lanciato un piano d’azione congiunto quinquennale di preparazione e risposta alle emergenze (JEAP) che sottolinea la visione condivisa delle due principali istituzioni sanitarie pubbliche africane: rafforzare la preparazione e la risposta alle emergenze e i sistemi sanitari nel continente .

“Il JEAP rafforzerà i nostri sforzi collettivi per combattere le emergenze sanitarie pubbliche, salvare vite umane e proteggere le nostre comunità”, ha affermato il dottor Moeti a maggio.

Le aree d’azione prioritarie nell’ambito del JEAP includono: potenziamento della sorveglianza, dell’intelligence e del sequenziamento genetico per un rilevamento più rapido, stoccaggio di forniture di emergenza in centri subregionali di nuova creazione per migliorare le operazioni di risposta alle emergenze (il 70% delle attività di risposta durante le emergenze si riferisce a queste misure della catena di approvvigionamento) , I primi soccorritori vengono schierati entro 24-48 ore dall’epidemia.

JEAP intende fungere da luce guida per interventi mirati di risposta alle emergenze e incarna l’importanza della cooperazione globale, della condivisione delle conoscenze e della mobilitazione delle risorse.

READ  La Missione di transizione dell'Unione Africana in Somalia (ATMIS) forma i giornalisti del Jubaland nel giornalismo turistico

Nel 2022, durante un incontro a Lusaka, in Zambia, per rafforzare i centri operativi di emergenza sanitaria pubblica in Africa, Moussa Faki Mahamat, presidente della Commissione dell’Unione Africana, ha affermato, alla luce dei limiti di risorse – finanziarie, infrastrutturali, scientifiche e altro – che è È inoltre importante che l’Africa rifletta nell’unire i propri sforzi e i propri approcci.

“Piuttosto che lavorare in silos individuali separati, sarebbe più vantaggioso lavorare in termini di centri regionali che soddisfino le esigenze di molti paesi della regione e massimizzino tutti gli sforzi e le opportunità per un maggiore successo”, ha affermato.

Ha affermato che i vantaggi di efficaci centri operativi di emergenza sanitaria pubblica sono stati dimostrati nell’identificazione rapida e nella lotta contro epidemie di malattie come l’Ebola, la poliomielite, la febbre gialla, il colera e altre. Ha affermato che i centri saranno responsabili della raccolta e della produzione di dati e prove per risposte rapide alle minacce di malattie.

“Costituiranno la spina dorsale dei nostri sistemi di allarme rapido in modo che a qualsiasi epidemia non sia permesso di diffondersi e danneggiare ampi segmenti della nostra popolazione”, ha aggiunto.

Uno degli obiettivi principali dei centri operativi di emergenza sanitaria pubblica è quello di garantire che entro la fine dei prossimi cinque anni almeno il 90% della popolazione africana abbia accesso ai servizi sanitari pubblici, ha affermato il dottor Wissam Mankula, capo dell’Africa Emergency del CDC. Centro operativo Funzionale. Centri di emergenza.

“È giunto il momento di assumerci la responsabilità di uno sforzo coordinato utilizzando il piano congiunto di preparazione e risposta alle emergenze”, ha affermato il dottor Rajabu Bigirimana, capo del programma African Volunteer Corps (AVoHC) presso CDC Africa.

READ  華人中領館前抗議 給中共送「黑棺」 | 紐約 | 大紀元

“Dobbiamo sfruttare il potere della creatività umana per costruire sistemi sanitari resilienti”, ha affermato il dottor Paul Ngwakum, consulente sanitario regionale dell’UNICEF per l’Africa orientale e meridionale.

Gli esperti dell’Africa CDC affermano che il clamore per i centri operativi di emergenza sanitaria pubblica è stato in parte una risposta all’epidemia di Ebola nell’Africa occidentale nel 2014 e nel 2016. All’epoca si notava che i paesi colpiti da febbri emorragiche non investevano nell’allerta precoce. Sistemi, monitoraggio, analisi dei dati e risposta. Di conseguenza, durante le due epidemie morirono quasi 11.000 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *