Il Botswana vuole il suo posto tra i movimenti di liberazione in Sud Africa

Presidente Mokwetsi Masisi. (AFP)

  • Presidente del Botswana Mokgoetsi Masisi Vuole riconoscere il ruolo del suo paese nella decolonizzazione dell’Africa meridionale.
  • Masisi ha fatto le osservazioni durante la sua visita di Stato Il presidente del Mozambico Filipe Nyusi.
  • Il Mozambico e il Botswana stanno lavorando per rafforzare i legami nei settori dell’agricoltura, della difesa, della giustizia, delle arti e della cultura.

Il Botswana dice che dovrebbe prendere il suo posto tra i movimenti di liberazione del Sud Africa, anche se non ha ottenuto l’indipendenza attraverso la lotta armata come molti dei suoi vicini.

“Il Botswana e la sua gente hanno dato sostegno ai movimenti di liberazione nella regione, diventando così un passaggio sicuro per molti combattenti per la liberazione”, ha affermato il presidente Mokgweetsi Masisi.

Masisi ha pronunciato le osservazioni durante la visita di Stato del presidente mozambicano Filipe Nyusi in Botswana, che si conclude oggi.

“Ecco perché abbiamo dovuto rivendicare il nostro posto al tavolo dei movimenti di liberazione. Sì, non abbiamo preso le armi, ma abbiamo giocato un ruolo importante nella liberazione del Sud Africa”, ha detto Masisi.

Il Botswana ha ottenuto l’indipendenza grazie alle pressioni dei partiti politici di massa nel 1966. Angola, Mozambico, Namibia, Sud Africa e Zimbabwe hanno ottenuto l’indipendenza attraverso la lotta armata e il Botswana è stato un rifugio sicuro e di transito per i rifugiati e i guerriglieri di questi paesi.

Leggi | Il Botswana trasporta 500 elefanti in Mozambico

Masisi con Nyusi ha aperto giovedì il Museo Samora Machel a Pelling a Lupatsi, una cittadina nel sud-est del Botswana, 70 chilometri a sud della capitale, Gaborone.

READ  "코로나는 거짓말" 폭언에 병원 습격…'코비디어트'에 시달리는 英의료진

Machel è stato il primo presidente del Mozambico dopo che il paese ha ottenuto l’indipendenza dal Portogallo nel 1975. Masisi ha detto che il museo sarà anche in onore del defunto John Kjabusele, sindaco di Pelling a Lupatse nel 1966 e politico del Partito popolare del Botswana (BPP).

Durante il suo periodo come consulente a Lobatse, negli anni ’60, Kgaboesele ospitò Machel, che all’epoca era un rifugiato politico in Botswana.

Nella visita di Nyusi in Botswana, Masisi ha affermato che l’obiettivo è “rafforzare, approfondire e consolidare le relazioni storiche di fratellanza, amicizia, solidarietà e cooperazione esistenti tra i due Paesi”.

I due Paesi hanno rafforzato le relazioni bilaterali che vedranno la cooperazione nei settori dell’agricoltura, della difesa, della giustizia, delle arti e della cultura.


Il News24 Africa Desk è supportato dalla Fondazione Hanns Seidel. Le storie prodotte attraverso l’Africa Bureau e le opinioni e le dichiarazioni che possono essere contenute nel presente documento non riflettono le opinioni e le dichiarazioni della Fondazione Hans Seidel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.