I parchi naturali africani affrontano minacce climatiche e infrastrutturali

MOMBASA, Kenya (AP) – I parchi nazionali africani, che ospitano migliaia di specie selvatiche come leoni, elefanti e bufali, sono sempre più minacciati da piogge mediocri e da nuovi progetti infrastrutturali.


Cosa hai bisogno di sapere

  • I parchi nazionali africani, che ospitano migliaia di specie di animali selvatici come leoni, elefanti e bufali, sono sempre più minacciati da piogge mediocri e da nuovi progetti infrastrutturali.
  • un Siccità prolungata nella maggior parte del continente orientaleesacerbato dai cambiamenti climatici e da sviluppi su larga scala, tra cui Esplorazione petrolifera Il pascolo del bestiame ostacola gli sforzi di conservazione nelle aree protette, affermano molti esperti ambientali
  • I parchi vulnerabili si estendono dal Kenya a est – sede dei parchi nazionali di Tsavo e Nairobi – a sud fino ai parchi Mukumazi e Serengeti in Tanzania, ai parchi Quirimbas e Gorongosa in Mozambico e al famoso Parco nazionale Kruger in Sud Africa, e a ovest delle riserve di Kahuzi Biega, Salonga e Virunga nel Congo
  • Si stima che circa il 38% delle aree di biodiversità dell’Africa siano gravemente minacciate dal cambiamento climatico e dallo sviluppo delle infrastrutture
  • Gli ambientalisti hanno affermato che la crescita della popolazione urbana e gli edifici di accompagnamento, come nuove strade, reti elettriche, gasdotti, porti e ferrovie, hanno esercitato maggiore pressione sui parchi.

un Siccità prolungata nella maggior parte del continente orientaleesacerbato dai cambiamenti climatici e da sviluppi su larga scala, tra cui Esplorazione petrolifera Il pascolo del bestiame sta ostacolando gli sforzi di conservazione nelle aree protette, affermano molti esperti ambientali.

I parchi vulnerabili si estendono dal Kenya a est – sede dei parchi nazionali di Tsavo e Nairobi – a sud fino ai parchi Mukumazi e Serengeti in Tanzania, ai parchi Quirimbas e Gorongosa in Mozambico e al famoso Parco nazionale Kruger in Sud Africa, e a ovest delle riserve di Kahuzi Biega, Salonga e Virunga nel Congo.

READ  Il Sudafrica conferma 10.000 nuovi casi al giorno a causa dell'"epidemia di Omicron"

La migrazione annuale di animali selvatici dal Parco Nazionale del Serengeti della Tanzania alla Riserva Nazionale del Masai Mara del Kenya può essere vista da un drone nel Masai Mara, il 22 luglio 2020. I parchi nazionali dell’Africa, che ospitano migliaia di specie selvatiche, sono sempre più minacciati da precipitazioni inferiori al tasso e nuovi progetti infrastrutturali, mettendo sotto pressione gli habitat e le specie che da essi dipendono. (Foto AP/Joe Mwihia, file)

I parchi non solo proteggono piante e animali, ma agiscono anche come pozzi naturali di carbonio, immagazzinando l’anidride carbonica rilasciata nell’aria e riducendo gli effetti del riscaldamento globale.

Si stima che circa il 38% delle aree di biodiversità dell’Africa siano seriamente minacciate dal cambiamento climatico e dallo sviluppo delle infrastrutture, ha affermato Ken Mwathe di Birdlife International.

“Nel corso degli anni, le aree chiave della biodiversità sono state considerate dagli investitori, soprattutto in Africa, dormienti e pronte per lo sviluppo”, ha affermato Mwathe. “I governi assegnano terreni in queste aree per lo sviluppo delle infrastrutture”.

Ha aggiunto: “Le linee elettriche e altre infrastrutture energetiche causano la collisione degli uccelli con gli uccelli a causa della scarsa visibilità. Il bilancio delle vittime in questo modo non è piccolo”.

Nella loro ricerca per migliorare il tenore di vita e raggiungere obiettivi di sviluppo sostenibile, come l’accesso ad acqua pulita e cibo, promuovere posti di lavoro e crescita economica e migliorare la qualità dell’istruzione, i governi africani hanno puntato su grandi progetti di costruzione, molti dei quali finanziati da investimenti esteri, in particolare dalla Cina.

la proposta Oleodotto dell’Africa orientaleper esempio, che secondo il governo ugandese potrebbe aiutare milioni di persone a uscire dalla povertà, corre attraverso la valle del Kidepo in Uganda e le impenetrabili cascate di Murchison e Bwindi, minacciando specie e Ha suscitato critiche da parte dei sostenitori del clima.

READ  Primo arrangiamento ebraico stampato con traduzione inglese - sito Datili News

Gli ambientalisti hanno affermato che la crescita della popolazione urbana e gli edifici di accompagnamento, come nuove strade, reti elettriche, gasdotti, porti e ferrovie, hanno esercitato maggiore pressione sui parchi.

Ma aggiungono che sostituire la fauna selvatica con le infrastrutture è un approccio sbagliato alla crescita economica.

“Dobbiamo avere un futuro in cui la fauna selvatica sia inseparabile dall’uomo”, ha affermato Sam Shaba, direttore del programma presso la Honeyguide Foundation in Tanzania, un’organizzazione ambientale senza scopo di lucro.

Un leone riposa nel Kruger National Park, in Sud Africa, martedì 25 agosto 2020. I parchi nazionali africani, che ospitano migliaia di specie di animali selvatici, sono sempre più minacciati da precipitazioni mediocri e da nuovi progetti infrastrutturali, che mettono sotto pressione gli habitat e le specie che dipendono su di essi. (Foto AP/Kevin Anderson, file)

“Quando le persone iniziano a vedere che vivere con la fauna selvatica fornisce la risposta allo sviluppo sostenibile… questo è il punto di svolta”, ha detto Shaba.

La maggior parte dei parchi naturali in Africa sono stati istituiti tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo da regimi coloniali che hanno recintato le aree e ordinato alla popolazione locale di rimanere all’aperto. Gli ambientalisti stanno ora scoprendo che un approccio più olistico alla gestione dei parchi e la ricerca sull’esperienza delle comunità indigene che vivono intorno ai parchi possono aiutare a proteggerli, ha affermato Ademola Agagbe, Direttore Regionale di The Nature Conservancy in Africa.

Simon Concel, consulente di Survival International, ha affermato.

“L’Africa viene descritta come un luogo per la fauna selvatica in cui le persone non vivono e questa narrazione deve cambiare”, ha affermato.

“Se non prestiamo attenzione ai bisogni sociali delle comunità, alla salute, all’istruzione e al luogo in cui ottengono l’acqua, ci sfugge la cosa principale”, ha affermato John Kasuna, direttore esecutivo dello sviluppo rurale integrato presso The Nature Conservancy in Namibia.

READ  ไทยคว้าแชมป์! เมืองที่น่า Workation ทำงานไป-เที่ยวไป แห่งปี ติดอันดับ 3 เมือง

Anche gli effetti del deterioramento delle condizioni meteorologiche nei parchi nazionali a causa del cambiamento climatico non dovrebbero essere ignorati, hanno affermato gli esperti.

Un recente studio condotto nel Kruger National Park ha collegato gli eventi meteorologici estremi alla perdita di flora e fauna, all’incapacità di far fronte a condizioni difficili e alla carenza d’acqua dovuta alla lunga siccità e alle alte temperature.

Philip Wandera, un ex sceriffo del Kenya Wildlife Service e ora docente di gestione sul campo presso l’Università Cattolica dell’Africa orientale, ha affermato che la siccità sta minacciando seriamente specie come rinoceronti, elefanti e leoni poiché riduce la quantità di cibo disponibile.

Una coppia di ippopotami si rinfresca nel fiume Nilo vicino alle cascate del Murchison Falls National Park, nel nord-ovest dell’Uganda, il 21 febbraio 2020. I parchi nazionali in Africa, che ospitano migliaia di specie selvatiche, sono sempre più minacciati da precipitazioni al di sotto della media e nuove . Progetti infrastrutturali, incentrati sugli habitat e sulle specie che da essi dipendono. Molti esperti ambientali affermano che il cambiamento climatico e gli sviluppi su larga scala, comprese le trivellazioni petrolifere e il pascolo del bestiame, stanno ostacolando gli sforzi di conservazione nelle aree protette. (foto AP, file)

L’intensa gestione del parco e la rimozione delle recinzioni che impediscono alle specie di migrare verso aree meno vulnerabili alla siccità sono primi passi importanti per proteggere la fauna selvatica, ha affermato Wandera.

Ha aggiunto che l’assistenza finanziaria per “sostenere le comunità dentro e intorno ai parchi nazionali” aiuterà anche a preservarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.