I giganti della tecnologia sono esenti dall’imposta societaria minima

Il timore è che molte aziende non restituiscano il gettito fiscale alle casse dello Stato, o perché subiscono perdite o perché i loro utili ante imposte sono inferiori alla soglia del 10% specificata.

È stato salutato da politici ed economisti come un passo importante verso la riforma del sistema fiscale globale e uno sviluppo storico nella lotta all’evasione fiscale da parte delle multinazionali e alla fine della concorrenza fiscale tra i paesi. Tuttavia, l’accordo raggiunto nell’ambito del G7 su un’imposta minima sulle società del 15% a livello globale e sulla tassazione delle società multinazionali sembra presentare alcune scappatoie. Ed è possibile che alcune aziende tecnologiche della Silicon Valley possano colmare queste lacune ed evitare di essere tassate. Tra questi ci sono aziende multimiliardari come Uber, Tesla, Twitter e Snap.

Il testo dell’accordo, accusato di essere una “porta di servizio”, non è altro che il diritto concesso dall’accordo ai governi di tassare “il 20% degli utili generati su un margine di profitto superiore al 10% per la più grande e redditizia multinazionale”. corporazioni”. Quando le multinazionali hanno vendite nei loro paesi, ovviamente. Gli esperti fiscali sottolineano che molte aziende, tra cui Uber, Tesla, Twitter e Snap, non restituiranno le entrate fiscali alle casse statali, perché subiscono perdite o i loro utili ante imposte sono inferiori al 10%. Secondo un rapporto del Financial Times, i ministri delle finanze del G7 hanno concentrato la loro attenzione su Amazon, che temeva in particolare che potesse finire sotto il “radar” dell’accordo. Gigante del retail, del valore di 1,6 trilioni di dollari. Dollari, non ha registrato guadagni significativi fino al 2017 e nessuno dei suoi guadagni è sempre stato al di sotto della soglia del 10%.

READ  I conigli pasquali portano speranza

Ma secondo fonti che hanno parlato con il Financial Times a condizione di anonimato, gli esperti dell’OCSE intendono trattare l’unità di servizi cloud di Amazon come un’entità indipendente. Questa misura assicurerà che Amazon paghi le tasse appropriate in un certo numero di paesi europei, tra cui Francia, Germania, Gran Bretagna e Italia. Questo perché le entrate di questa unità di Amazon sono aumentate del 47% lo scorso anno, a $ 13,5 miliardi, il che significa che il suo margine di profitto è salito al 30%. E tutto questo mentre i servizi di vendita al dettaglio di Amazon sono ancora redditizi solo per il 3%. Ecco perché, quando è stato annunciato il contenuto dell’accordo, gli esperti si sono affrettati a dire al Guardian che Amazon sarebbe stata in grado di farla franca e ha ritenuto inadatto il margine di profitto del 10%.

Secondo il Financial Times, le previsioni per le “società più grandi e redditizie” assicurano che tutti i giganti della tecnologia senza eccezioni saranno catturati nella “rete” dell’accordo fiscale del G7. Va notato che l’unità Internet di Amazon è stata fondata nel 2006 e la società non ha separato i suoi risultati finanziari da quelli del settore della vendita al dettaglio fino al 2015. Il fatturato totale di Amazon è aumentato del 30% lo scorso anno e ha raggiunto i 45,4 miliardi di dollari. E, naturalmente, dal momento in cui ho iniziato ad annunciare i risultati finanziari dell’unità dei servizi Internet, la sua quota ha raggiunto … la stratosfera, registrando un salto nello spazio del 700%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *