La Banca centrale europea tiene il passo con il supporto per sostenere la ripresa

La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde dopo la riunione dell’Eurogruppo a Lisbona il 21 maggio 2021 (CARLOS COSTA / AFP / Archivi)

La Banca centrale europea ha rinnovato giovedì la sua dose anticrisi per stare al passo con la prevista ripresa economica dopo la pandemia, mentre crescono gli interrogativi sul futuro di questa generosa politica monetaria nel contesto del ritorno dell’inflazione.

Come previsto, la fondazione guidata da Christine Lagarde, che ha riunito il suo consiglio di amministrazione, ha deciso di mantenere un alto tasso di acquisti di debito pubblico e privato.

La Banca Centrale Europea vuole quindi garantire bassi tassi di interesse a famiglie e imprese al fine di sostenere un rilancio dell’attività con l’auspicata uscita dalla pandemia di Covid-19.

Questi acquisti di asset fanno parte del suo Contingency Plan (PEPP) lanciato all’inizio della crisi sanitaria con una dotazione di $ 1.850 miliardi e del suo precedente Quantitative Easing Program (QE).

L’istituto effettuerà acquisti “significativamente” sopra la media quest’estate, dopo aver registrato “significativamente” rialzi da marzo, al fine di contrastare le tensioni sui prezzi delle obbligazioni, secondo il comunicato diffuso dopo l’incontro.

I principali tassi a breve termine della Banca centrale europea, che erano ai livelli più bassi da settembre 2019, rimarranno, secondo la consueta formula, “ai livelli attuali oa livelli inferiori”.

L’ultimo “ballo delle colombe”

Jens Weidmann, presidente della Bundesbank, a Berlino, 23 settembre 2020
Jens Weidmann, presidente della Bundesbank, Germania, a Berlino, 23 settembre 2020 (Kay Nietfeld / POOL / AFP / Archivi)

Christine Lagarde ha indicato all’inizio di giugno l’impegno della BCE a mantenere “condizioni di finanziamento favorevoli” fino a quando l’economia non si riprenderà in modo sostenibile.

I francesi si sono così schierati con le “colombe”, che sono la maggioranza nel Consiglio direttivo della Bce, aderenti di ampio sostegno all’economia, rispetto ai “falchi” che favoriscono una politica monetaria restrittiva.

Inoltre, durante la conferenza stampa del presidente, dalle 12:30 GMT, i mercati finanziari presteranno attenzione a qualsiasi affermazione che possa indicare un graduale cambio di rotta da settembre.

READ  L'Europa lancia la sua campagna di vaccinazione

L’incontro di giovedì potrebbe essere stato “l’ultimo ballo delle colombe”, secondo Holger Schmieding, economista di Berenberg.

Con un previsto ritorno alla crescita e all’inflazione, i “falchi” monetari, in particolare dai paesi del nord della zona euro, “oggi hanno i migliori argomenti” per ridurre l’ala dei riacquisti del debito, afferma Friedrich Heinemann, economista presso lo ZEW Institute tedesco.

La Banca centrale europea può far dipendere questo sviluppo dai dati economici, dalle condizioni di finanziamento o persino dall’evoluzione della situazione sanitaria.

I pronostici sono registrati

Ignazio Visco, Governatore della Banca d'Italia, a Londra, 27 febbraio 2020, alla Conferenza sul clima
Ignazio Visco, Governatore della Banca d’Italia, a Londra, 27 febbraio 2020, durante la conferenza sul clima (Tolga Akmen/POOL/AFP/Archivi)

Giovedì la Banca centrale europea non ha rilasciato una serie aggiornata di previsioni economiche per il 2023.

In termini di crescita, si prevede un aumento delle aspettative almeno per il 2021, sulla scia di una ripresa del clima imprenditoriale che fa presagire un’accelerazione della ripresa nella seconda parte dell’anno.

L’attività sarà già più forte senza grandi ritardi nella catena di approvvigionamento e difficoltà nel riavviare alcune fabbriche per soddisfare la domanda.

L’inflazione dell’Eurozona, trainata anche dal rialzo dei prezzi dell’energia, ha raggiunto il 2% a maggio in un anno, più velocemente di quanto previsto dalla Banca Centrale Europea.

Quindi gli osservatori prevedono che le aspettative di inflazione aumenteranno nel 2021, attualmente all’1,5%. D’ora in poi la curva dei prezzi dovrebbe rimanere al di sotto del target di rialzo “sotto il 2% ma vicino ad esso”.

La Banca centrale europea vede l’attuale aumento dei prezzi come un fenomeno temporaneo che non richiede una risposta monetaria. I recenti interventi pubblici dei suoi leader hanno allentato le tensioni sui tassi del debito sovrano.

Queste tensioni potrebbero riemergere rapidamente se la BCE fosse sorpresa da commenti che preannunciassero un inasprimento più rapido del previsto della sua politica ultra-allentata.

READ  La Commissione mantiene la validità della clausola di salvaguardia generale nel 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *