Pianeta economico | La grande seduzione in Africa

È l’evento dell’anno nel mondo minerario. La Conférence Investing in African Mining Indaba, che eu lieu au Cap, in Africa du Sud, the mois dernier, a été le theater d’une grande offensive for les Etats-Unis et leurs allies desireux de securiser leurs approvisionments en métaux et minéraux da il futuro.


Il continente africano, ricco di risorse, non ha mai attirato così tanta attenzione da parte di governi e aziende che si preparano alla transizione energetica, in particolare alla rivoluzione dei veicoli elettrici.

Un veicolo elettrico richiede minerali come grafite e cobalto sei volte di più rispetto a un veicolo a benzina. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, la domanda per la maggior parte dei cosiddetti minerali vitali quadruplicherà, almeno, nei prossimi anni. Per alcuni di essi, come il litio e la grafite, le previsioni di crescita della domanda sono più elevate.

Molti di questi minerali non sono rari. Si trovano negli Stati Uniti e in altre parti del mondo, ma la Cina domina scandalosamente la raffinazione e la conversione di queste risorse.

Questo rialzo è diventato insopportabile per gli Stati Uniti e per molti Paesi che ora vogliono ad ogni costo diversificare le loro forniture e ridurre la loro dipendenza dalla Cina.

La parola che inizia con C non è stata pronunciata dagli inviati americani a Città del Capo. La loro retorica ai capi di stato africani in cerca di capitale per lo sviluppo si è concentrata maggiormente sullo sviluppo sostenibile e su ESG, ovvero ESG.

Jose Fernandez, il portatore di messaggi dell’amministrazione Biden, responsabile tra l’altro del cambiamento climatico e della sicurezza della catena di approvvigionamento, ha sabotato il capitale disponibile, ma anche la volontà degli Stati Uniti di sviluppare non solo il settore dell’estrazione delle risorse minerarie dell’Africa, ma anche l’intera catena del valore che lo accompagna e che la Cina ha finora monopolizzato senza dirlo.

Jose Fernandez ha persino citato il Papa per sostenere la sua tesi. Il capo della Chiesa cattolica, durante la sua visita di pochi giorni fa nella Repubblica Democratica del Congo, aveva denunciato il colonialismo economico che ha scatenato l’Africa e ha privato questo Paese ei suoi vicini di beneficiare delle proprie risorse. “Il Papa mi ha dato ragione”, ha detto nel suo discorso.

La Cina ha investito molto in Africa per anni. Il caso della Repubblica Democratica del Congo non è stato scelto a caso. Questo Paese ha un accordo con la Cina che prevede finanziamenti cinesi per costruire strade e ospedali in cambio del controllo di una joint venture che sfrutta rame e cobalto.

Questo accordo, concluso sotto il precedente governo congolese, è ora condannato dall’attuale governo, che considera ingiusto nei confronti del proprio paese.

La Repubblica Democratica del Congo attualmente fornisce la maggior parte del fabbisogno di cobalto della Cina.

Club del compratore americano

Gli Stati Uniti non sono i soli a cercare di sedurre l’Africa. Il rappresentante degli Stati Uniti ha sottolineato che il suo Paese, insieme a diversi altri Paesi, ha formato un gruppo pronto a investire nel rafforzamento delle proprie filiere di minerali importanti, e non solo in alcun modo.

L’obiettivo del progetto MSP [Minerals Security Partnership] è garantire che i minerali critici siano prodotti, lavorati e riciclati in un modo che aiuti i paesi a fare pieno uso delle loro risorse geologiche per lo sviluppo economico”, ha affermato il gruppo, che comprende Canada, Australia, Francia, Unione Europea, Giappone, Finlandia, Norvegia, Corea del Sud, Regno Unito e Italia oltre agli Stati Uniti.

Il Critical Metals Buyer’s Club of America potrebbe beneficiare della sua generositàLegge sulla riduzione dell’inflazione al governo Biden e miliardi di dollari in aiuti finanziari, secondo i resoconti dei media statunitensi, ma non confermati.

Che ne sera peut-être pas suffisant per rattraper la Cina, che s’attiva nel continente africano depuis des années, mais c’est une occasione rêvée per les pays d’Afrique de faire grimper les enchères pour tirer un meilleur parti de risorse naturali.

READ  Italia: parziale allentamento della moderazione e cautela delle politiche di DW

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *