I cittadini irlandesi fuggiti dal conflitto di Gaza arrivano a Dublino – The Irish Times

I cittadini irlandesi fuggiti dal conflitto di Gaza arrivano a Dublino – The Irish Times

I cittadini irlandesi che sono fuggiti da Gaza negli ultimi giorni sono arrivati ​​all’aeroporto di Dublino sabato pomeriggio e hanno parlato di sentirsi “sicuri” e “fortunati” a tornare in Irlanda.

Ci sono state scene emozionanti all’aeroporto, dove sono stati accolti da familiari e amici che portavano bandiere e sciarpe palestinesi e cantavano: “Libera, libera, Palestina”.

Tra coloro che sono arrivati ​​dal Cairo, dopo aver attraversato il confine di Rafah, ci sono Ibrahim Al-Agha, sua moglie Hamida e i loro tre figli, Sami (8 anni), Eileen (4 anni) e Omar (3 anni), che vivono a Blanchardstown, a ovest di Dublino.

Anche Saeed Adly Sadiq (21), che studiava a Gaza, era nel gruppo e ora tornerà a Ko Mayo.

“Finalmente mi sento al sicuro ora. Da quello che ho visto, avevo paura di essere ucciso, o di essere ucciso da un attacco aereo israeliano. Dopo essere arrivato in Irlanda ora mi sento sicuro e in grado di continuare a vivere la mia vita come una persona normale”, ha detto.

“Per 40 giorni a Gaza non abbiamo avuto elettricità, non abbiamo avuto abbastanza cibo, acqua e rifornimenti. È stato un disastro, un disastro. Ora potrò continuare la mia vita”.

Sadiq, figlio dell’ex scrittore e diplomatico palestinese Adly Sadiq, ha detto che intende visitare uno psicoterapeuta per aiutarlo a “dimenticare tutto ciò che ho visto a Gaza”.

“Ho visto corpi ovunque e attacchi aerei ovunque”, ha detto.

“Per un momento ho pensato che non sarei riuscito a uscire sano e salvo da Gaza a causa della solidarietà filo-irlandese con la Palestina e Gaza… Ho pensato che non saremmo riusciti a uscire. Ho visto persone provenienti dagli Stati Uniti , Germania, Belgio e Francia, che sono scesi e se ne sono andati prima di noi. Finalmente ora posso tornare a casa mia.” A Co Mayo.”

READ  Gli inviati degli Stati Uniti e della Sierra Leone difendono le relazioni bilaterali “incredibilmente produttive”.

Sadiq ha aggiunto di sentirsi “molto dispiaciuto” per la sua famiglia e i suoi amici perché ha dovuto lasciarlo a Gaza.

“Sono colpevoli solo di essere palestinesi e non hanno passaporti stranieri, quindi rimarranno a Gaza”, ha detto.

“Non verranno evacuati da Gaza e non so in futuro se potrò rivederli. La mia famiglia, i miei cugini e mia nonna, sono tutti ancora a Gaza in questo momento. Sono fortunato, sono felice, ma allo stesso tempo mi dispiace molto per loro.” “.

Nisreen Abu Odeh, di Tallaght, e sua figlia Sarah di un anno erano tra coloro che sono arrivati ​​a Dublino.

“Sono così felice di arrivare in Irlanda, vedere la mia famiglia e abbracciarla”, ha detto.

“Allo stesso tempo, sono molto triste di aver lasciato la mia famiglia allargata a Gaza: la situazione è difficile a Gaza, con intere famiglie che vengono spazzate via. Ciò che sta accadendo a Gaza è un genocidio… Ora mi sento al sicuro qui in Irlanda Ma sono ancora preoccupato per la mia famiglia che è a Gaza, mio ​​padre, mia madre, mio ​​fratello e mia sorella”.

La signora Abu Odeh è stata ricevuta da sua figlia Rima e ha detto di essere “felice” del ritorno di “mia madre e della mia sorellina”.

“Sono passati più di 40 giorni. Eravamo preoccupati e stressati e non c’erano contatti. Non sapevamo come stesse la famiglia, se stessero bene o no”, ha detto.

Resta inteso che il signor Alagha si è recato direttamente dall’aeroporto ad una marcia pro-Palestina che ha avuto luogo nel centro di Dublino sabato pomeriggio.

READ  in immagini | Omicron sta soffocando i festeggiamenti di Capodanno in tutto il mondo, ma Londra fa festa in TV

Sua madre, Marwa, e suo padre, Sami, hanno detto di essere “molto felici” di vedere la loro famiglia tornare in Irlanda. Il fratello del signor Alagha, Abdullah, ha detto: “Sono molto emozionato, tutti sono molto emozionati, molto felici, molto felici di rivedere tutta la famiglia.

“Ero preoccupato che non sarebbe tornato. L’ambasciata stava facendo del suo meglio e ci voleva così tanto tempo che non sapevamo se ci sarebbero riusciti o meno.

“Tutti erano così preoccupati per loro e se li avremmo rivisti o meno.”

Nel frattempo, l’irlandese-palestinese Zak Haniyeh rimane intrappolato a Gaza, dopo che il resto della sua famiglia ha lasciato la Striscia per il Cairo venerdì.

Il signor Haniyeh è a Khan Yunis, in attesa di notizie dal Ministero degli Esteri su quando potrà lasciare Gaza attraverso il valico di Rafah. Ha detto che il resto della sua famiglia – sua moglie Batoul e i loro figli di origine irlandese Mazen, Ismail, Ahmed e Nour – arriveranno a Dublino nei prossimi giorni.

“Sto solo aspettando il Dipartimento di Stato, perché mi hanno detto che ci stanno lavorando. “Lo spero”, ha detto sabato sera in un messaggio vocale WhatsApp.

“A dire il vero non mi sento bene, mi sento triste, perché siamo separati, e anche i bambini sono tristi, sconvolti, sono preoccupati per me.

E ha aggiunto: “Vedremo cosa succederà nei prossimi due giorni”.

Il signor Hania, ricercatore e traduttore, si è trasferito in Irlanda nel 1998 e ha vissuto per un periodo a Castleknock, a ovest di Dublino. È tornato a Gaza circa dieci anni fa.

Il Ministero degli Esteri ha confermato che 24 cittadini irlandesi e le persone a loro carico sono riusciti a lasciare Gaza al valico di Rafah per entrare in Egitto venerdì notte, portando a 50 il numero delle persone aiutate a partire negli ultimi giorni.

READ  Saudi Activist Jailed For Approximately 6 Yrs | സ്ത്രീകള്‍ക്ക് വാഹനമോടിക്കാനുള്ള അവകാശത്തിനായി പോരാടിയ സൗദി വനിതാ വിമോചക പ്രവര്‍ത്തക ഹത്ത്‌ലോലിന് ആറ് വര്‍ഷം തടവ്

Ha detto che solo un piccolo numero di cittadini irlandesi e delle loro famiglie che avevano espresso il desiderio di andarsene sono rimasti a Gaza e che il ministero era in contatto con loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *