I buchi nelle ruote di Curiosity sono enormi e non potranno che peggiorare

I buchi nelle ruote di Curiosity sono enormi e non potranno che peggiorare

A poco a poco, le ruote del rover Curiosity si sono erose sulla superficie di Marte. Normale. Ma dobbiamo preoccuparci quando vediamo i grandi buchi che il rover ha fotografato a fine gennaio su queste strutture?

Dieci anni dopo Marte Nell’agosto 2022, la coraggiosa navicella Curiosity celebrerà un anniversario simbolico, il primo anniversario del suo decennio trascorso sul ponte. pianeta rosso. Dal suo arrivo, il rover ha viaggiato Più di 27 km lamento. Ma su Marte non ci sono strade pianeggianti e non ostruite. Nel tempo, le ruote di Curiosity si consumano inevitabilmente.

Di recente, il robot è stato inviato sulla Terra diverse immagini delle sue ruote. Catturato il 27 gennaio 2022 con MAHLI (“Mars Hand Lens Imager”), una delle tante fotocamere di Curiosity. Questo è installato sul braccio robotico del rover. Viene utilizzato principalmente per studiare la formazione delle rocce, ma può anche fotografare il rover.

Sì, questo è il pianeta che vedi attraverso le ruote

Vedendo queste immagini ottenute a fine gennaio, si tende a essere molto preoccupati per la missione: le ruote di Curiosity appaiono perforate con grossi fori! È vero che quando inizi a vedere il pianeta attraverso le ruote, qualcosa non va, non è normale Lo conferma Nomirama William Rabin, ricercatore presso il National Center for Scientific Research presso l’Institute for Research in Astrophysics and Planetary Science. Curiosità sovrapposta 6 ruote con un diametro di 50 cmTutti sono dotati di un proprio motore. È realizzato in alluminio, con viti e molle.

In effetti, la loro forza è stata testata da quando Curiosity ha orbitato per la prima volta su Marte. ” Il problema delle ruote è un problema di vecchia data e ci ha sorpreso molto rapidamenteIl mondo ricorda. Siamo su un pianeta di cui sappiamo molto poco. Quello che sappiamo su Marte, lo dobbiamo Veicoli itineranti precedentiche erano aree esplorative più piccole selezionate per una vasta area della loro area di atterraggio. »

READ  Nuove specie di stelle piumate a 20 braccia scoperte in Antartide

Le rocce taglienti possono “tagliarti le scarpe”

La curiosità è stata posta nel Cratere Gale, scelto per la diversità delle sue rocce. Ma questo ha avuto la sua controparte, continua Willam Rabin. ” La rivoluzione con Curiosity è che siamo arrivati ​​a una posizione molto più ripida di prima. Abbiamo avuto la possibilità di atterrare in modo più accurato grazie ai sistemi di guida. Siamo atterrati nei pressi di una montagna molto alta, in una zona sconosciuta. Lì abbiamo scoperto nuovi tipi di rocce. “Le rocce che si sono dimostrate particolarmente affilate, sin dal primo anno della missione su Marte.” Devi immaginare che non piove da miliardi di anni. Le rocce sono state scolpite dal vento. […] Se sono sul pavimento, non devi calpestarli, potrebbero tagliarti le scarpe! »

Eh si comunque. //fonte: NASA/JPL-Caltech/MSSS

All’inizio della missione, Curiosity ha intrapreso un breve percorso per eseguire l’analisi. Poi riprese il suo viaggio e le miglia percorse. Sebbene fosse previsto un movimento relativamente rapido (per un rover, poche decine di metri in meno di un’ora), Curiosity ha dovuto invece rallentare. ” Abbiamo scoperto che le ruote erano danneggiate da alcuni tipi di roccia e abbiamo imparato a conviverci. riassume il mondo. I team non avevano altra scelta che affrontare questi sassi, che rischiavano di creare problemi alle ruote del rover.

Pertanto, si è deciso di non utilizzare il sistema di navigazione automatico, che ha permesso a Curiosity di avanzare in modo indipendente. Non ha abbastanza destrezza per individuare rocce aguzze. Quindi sono umani, Autisti Rover “Chi ogni giorno sceglie la rotta del rover e sa, per esperienza, anticipare i problemi alle ruote.

READ  I campioni prelevati dall'asteroide Ryugu sono più unici del previsto

“È chiaro che le cose andranno peggio”.

Anche se le immagini delle ruote dell’agrifoglio sono impressionanti, Curiosity dovrebbe comunque avere la possibilità di decollare presto su Marte, assicura William Rabin. ” Quando vedi il danno, inizia a non essere molto carino ovviamente. Ma le ruote hanno ancora un telaio, i motori sono potenti e funzionano bene. Poiché sappiamo come controllare i danni nel tempo, sappiamo di avere abbastanza tempo. Con anni ed esperienza, i team hanno ora perfezionato il modo in cui le ruote si consumano su Marte.

E così gli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA mappano i danni, inclusa ogni piccola barra di metallo. ” Certo, andrà solo peggio.L’esperto intervistato da Numirama avverte, Ma sappiamo che non è un rover senza tempo. Abbiamo degli obiettivi in ​​mente e abbiamo tutto il tempo per raggiungerli. Questi buchi inizieranno a diventare più impressionanti, ma a priori ne avremo la padronanza. »

“Sappiamo che la curiosità non è immortale.”

William Rabin, ricercatore del CNRS

E se un giorno le ruote fossero così danneggiate che Curiosity non potesse più muoversi? La missione può continuare (supponendo che il resto del rover continuerà a funzionare)? ” La NASA considererà sicuramente di terminare la missione dopo un po’Così pensa William Rabin. Probabilmente non avrai molto tempo extra, perché mantenere questa missione è molto costoso. Tutto dipende anche da dove è installato il rover: se la sua leva funziona e il luogo è di interesse scientifico, allora possiamo fare le analisi.

Ma sembra probabile che uno dei componenti del rover possa essersi guastato, prima che le ruote si fossero guastate. Ad esempio il computer di bordo: si è dovuto infatti passare alla seconda copia, in “Backup”, per problemi di memoria di qualche anno fa. ” Sentirai parlare di problemi diversi dalle ruote nei prossimi mesi o anni, è una macchina complessa. »

Per più

Curiosità

Soprattutto, Curiosity ha più che mai bisogno delle sue ruote mentre scala il Monte Sharp, la montagna al centro del Cratere Gale. ” Facciamo molto affidamento sulle ruote, ora che siamo arrivati ​​su questa montagna alta 6 kmconclude il mondo. È tempo di brillare! Ogni metro che saliamo ci aiuta a ricostruire la storia di Marte. Ci è voluto del tempo per avvicinarsi a questo edificio, e ora tutte le scale acquisite sono ulteriori conoscenze sulla storia dello sviluppo dei climi pre-marziani. Abbiamo molto da guadagnare dall’essere in grado di continuare a cavalcare questa montagna. »

READ  Il persistente rover ha un grosso sassolino nella ruota, è grave?

Trovate tutte le nostre notizie relative ad a pianeta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *