Grandi laboratori promettono di fornire 3,5 miliardi di dosi di vaccino ai paesi poveri

Salute


3 minuti

I produttori di vaccini Covid-19 Pfizer / BioNTech, Moderna e Johnson & Johnson si sono impegnati venerdì durante il vertice del G20 a fornire o ridurre 3,5 miliardi di dosi ai paesi più poveri nel 2021 e 2022.

La pandemia ha ucciso più di 3,4 milioni di persone in tutto il mondo dalla sua comparsa alla fine di dicembre 2019, secondo l’ultimo rapporto dell’Agence France-Presse.

Credito: Dr.

Si prevede che quest’anno saranno consegnate circa 1,3 miliardi di dosi e il resto nel 2022. Pfizer fornirà due miliardi di dosi, Moderna fino a 995 milioni e Johnson & Johnson fino a 500 milioni.

I responsabili del laboratorio hanno dichiarato al Virtual Health Summit organizzato dalla Presidenza italiana del G20 e dalla Commissione Europea che sarà disponibile al costo per i paesi a basso reddito e con uno sconto per i paesi a reddito medio.

Poco prima, l’Unione europea ha annunciato in apertura di questo vertice che avrebbe fornito 100 milioni di dosi.

“Tutti, ovunque dovrebbero avere accesso alle vaccinazioni”, ha detto Ursula von der Leyen. “Il team europeo intende somministrare almeno 100 milioni di dosi ai paesi a basso e medio reddito entro la fine del 2021”, ha affermato.

Da parte sua, l’Italia si è impegnata a sbloccare ulteriori 300 milioni di euro per sostenere i paesi più vulnerabili nelle loro campagne di vaccinazione, mentre il presidente Emmanuel Macron ha annunciato che la Francia darà a Kovacs “almeno 30 milioni di euro. Una dose” entro la fine del 2021.

L’accesso dei paesi più vulnerabili ai vaccini, la solidarietà internazionale e la prevenzione di future epidemie è al centro di questo vertice dei capi di Stato e di governo del G20, a cui partecipano Commissione Europea, Paesi africani e Asia, oltre a 12 organizzazioni e istituzioni private.

‘Trasferimento di tecnologia, condividi la licenza’

La dichiarazione finale, nota come “Dichiarazione di Roma”, dovrebbe sottolineare in particolare l’impegno dei paesi più ricchi a incrementare la produzione di vaccini in Africa attraverso il trasferimento tecnologico.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha avvertito: “Mentre ci prepariamo per la prossima pandemia, la nostra priorità deve essere quella di assicurarci di superare insieme l’attuale epidemia. Dobbiamo vaccinare il mondo, e rapidamente”.

Tuttavia, il testo non dovrebbe sostenere la controversa nozione della sospensione temporanea dei brevetti brevettuali delle aziende farmaceutiche per i vaccini, ma piuttosto sostenere la “partecipazione volontaria alle licenze” e l’eliminazione delle barriere alle esportazioni.

Washington incoraggia la sospensione dei diritti di brevetto esclusivo, ma i 27 paesi hanno già espresso i loro dubbi, citando la lunghezza e la complessità del processo.

D’altra parte, chiedono agli Stati Uniti, che è un grande produttore ma non ha rilasciato quasi nessuna dose, di revocare le restrizioni sull’esportazione di vaccini.

Mario Draghi e Ursula von der Leyen sono a Roma mentre altri partecipanti, tra cui Bill Gates, l’Organizzazione mondiale della sanità, l’Unione africana, l’Organizzazione mondiale del commercio e la Banca mondiale, stanno intervenendo tramite il collegamento video.

Anche il presidente cinese Xi Jinping si è rivolto ai partecipanti e ha promesso 3 miliardi di dollari in aiuti nei prossimi tre anni per sostenere il controllo dell’epidemia e la ripresa economica.

Il Vertice di Roma si svolge alla vigilia della Settantaquattresima Assemblea Mondiale della Sanità (dal 24 maggio al 1 giugno), il cui tema principale è la riforma dell’Organizzazione mondiale della sanità e la sua capacità di coordinare la risposta alle crisi sanitarie globali e prevenire future epidemie.

Un rapporto di una commissione indipendente pubblicato la scorsa settimana ha stabilito che l’Organizzazione mondiale della sanità ha impiegato troppo tempo per lanciare l’allarme e che il disastro descritto come “Chernobyl del ventunesimo secolo avrebbe potuto essere evitato”.

L’epidemia ha ucciso più di 3,4 milioni di persone in tutto il mondo dalla sua comparsa alla fine di dicembre 2019, secondo l’ultimo rapporto pubblicato da Agence France-Presse da fonti ufficiali.

READ  Il caso della raffineria di Augusta: mandato d'arresto internazionale per i principali imputati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *