Gli affreschi romani rubati sono tornati nel parco archeologico

Sei pezzi di dipinti murali sono tornati al Parco Archeologico di Pompei dopo essere stati contrabbandati negli anni ’70 e trafugati dalle rovine di antiche ville romane, tre delle quali risalgono al I secolo d.C. E proviene da Stavia, a sud-ovest di Pompei.

Un murale raffigura una ballerina che tiene un cilindro, l’altro un cherubino che suona il flauto e il terzo una testa di donna.

La polizia ha trovato il relitto durante un’indagine più ampia sul contrabbando di manufatti nel 2020 e ha scoperto che è stato acquistato da rivenditori americani, svizzeri e britannici negli anni ’90.

Gli altri tre affreschi provenivano da una villa a Civita Juliana, a circa 700 metri a nord-ovest del Parco Archeologico di Pompei, e sono stati trovati dalla polizia sul sito nel 2012 dopo che non erano stati trasportati attraverso scavi illegali. Nella villa di Civita Juliana sono stati ritrovati i resti di due vittime dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Gli scavi sono iniziati nella villa nel 2017, ma prima i ladri sono stati in grado di entrare nel sito e rubare i reperti. “I manufatti tornano al loro posto” dopo le operazioni di polizia, ha detto Roberto Ricardi, capo del gruppo italiano per la tutela dei beni culturali.

“Lavorare con le autorità per combattere gli scavi illegali e il commercio illecito di antichità”, ha detto Gabriel Zouchtergel, che ha assunto la direzione del Parco Archeologico di Pompei a febbraio, in sostituzione di Massimo Osana, che ora è Direttore Generale dei Musei presso il Ministero Italiano Cultura: “Lavorare con le autorità per combattere gli scavi illegali e il traffico illecito di antichità. Massimo Osana, sarà la“ best practice ”che il parco seguirà in futuro.

READ  Sull'austerità, l'Europa ha cambiato i suoi programmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *