‘Grande orgoglio’: Ramaphosa rende omaggio al primo sudafricano nominato alla Corte internazionale di giustizia

‘Grande orgoglio’: Ramaphosa rende omaggio al primo sudafricano nominato alla Corte internazionale di giustizia

Il giudice Dire Tladi è il primo sudafricano ad essere nominato membro della Corte internazionale di giustizia.

  • Diri Tladi è il primo sudafricano ad essere eletto giudice della Corte internazionale di giustizia.
  • Il presidente Cyril Ramaphosa si è congratulato con lui in una dichiarazione venerdì.
  • Tladi è stato nominato da Dirkko per far parte della Corte internazionale di giustizia ed è stato approvato dal governo a maggio.

Il presidente Cyril Ramaphosa si è congratulato con il primo sudafricano eletto dalle Nazioni Unite come giudice presso la Corte internazionale di giustizia dell’Aia.

La Presidenza dell’Assemblea Generale e del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha annunciato giovedì sera la selezione del professor Diri Tladi per un mandato di nove anni alla Corte Internazionale di Giustizia.

Dopo l’annuncio, Tladi è andato sulla sua pagina X e ha detto:

Grazie mille a tutti… è travolgente… lo è davvero.

Tladi è stato eletto insieme a Bogdan Lucian Aurescu della Romania, Hillary Charlesworth dell’Australia, Sarah Hall Cleveland degli Stati Uniti e Juan Manuel Gomez Robledo Verduzco del Messico.

In una dichiarazione di venerdì, Ramaphosa si è congratulato con Tladi. A maggio, il Consiglio dei Ministri ha approvato la sua nomina da parte del Ministero delle Relazioni Internazionali e della Cooperazione (Dirco) a far parte della Corte Internazionale di Giustizia.

“L’elezione del professor Tladi a giudice della Corte internazionale di giustizia è un risultato personale eccezionale che la nazione condivide con grande orgoglio. Apprezziamo la fiducia espressa dalle Nazioni Unite nelle capacità del professor Tladi”, ha detto il Presidente.

“È diventato l’ultimo membro della confraternita globale di cittadini sudafricani che ricoprono posizioni di servizio alla comunità internazionale e danno un contributo importante al mondo migliore che cerchiamo di costruire. Auguriamo ogni bene al professor Tladi mentre si prepara a contribuire alla corte e la sua giurisprudenza dal Palazzo della Pace all’Aia, Paesi Bassi.”

READ  Tredici adorabili gattini dai piedi neri sono nati in un rifugio a Glen Rose

Tladi è professore di diritto internazionale all’Università di Pretoria, e l’università e la sua facoltà di giurisprudenza venerdì gli hanno augurato ogni bene. L’università ha affermato che la sua elezione alla Corte internazionale di giustizia è stata “importante e lodevole”.

“Il college è orgoglioso di lui e sa che ci rappresenterà bene”, ha detto il decano di giurisprudenza Elsap Schumann.

In un’intervista di settembre con Newzroom Afrika sulla sua nomina, Tladi ha detto di essere stato sorpreso di ricevere una telefonata da Dirkko che lo informava del processo di nomina di qualcuno per far parte dell’ICJ e se sarebbe stato interessato.

“E ovviamente ho detto: ‘Sì, sarei interessato'”, ha detto.

Nell’intervista ha indicato che il Consiglio dei ministri ha preso in considerazione altre due persone, ma è stata presa la decisione di accordarsi con lui.

“È stata una sorpresa, in parte, perché è qualcosa che ho sempre sperato, ma ho sempre pensato di farlo più tardi. Quindi, ho sempre sperato di poterlo fare, nei prossimi tre o quattro anni, mi rivolgo personalmente al governo e dico: ti dispiacerebbe nominarmi? “Quindi, è stato sorprendente che mi sia stato chiesto all’improvviso, ed ero molto felice.”

Quando gli è stato chiesto su cosa si sarebbe concentrato se fosse eletto, Tladi ha risposto che era “guidato dal concetto di solidarietà nel diritto internazionale” – e che il sistema legale internazionale deve concentrare la sua attenzione sui più emarginati.

READ  Un uomo Mzungu visita perplesso un villaggio keniota dopo aver ricevuto l'acqua nel lavandino per lavarsi: "Come?"

Leggi | Dire Tladi e Stacey Abrams hanno entrambi scritto thriller

Egli ha detto:

Ora, non spetta alla Corte creare questo sistema giuridico, non spetta alla Corte stabilire regole, ma penso che la Corte possa, attraverso le sue sentenze, favorire un’atmosfera in cui questo tipo di diritto internazionale venga gradualmente creato.

“Questo è il contributo che spero di dare alla Corte, tra le altre cose. Penso che la cosa più importante sia che il personale della Corte sia obiettivo, ma sempre con questa idea di ‘cosa può creare il nostro diritto internazionale?’ ‘”

Tra i suoi numerosi successi, Tladi è stato consigliere legale della missione diplomatica sudafricana a New York e consigliere speciale dei ministri delle relazioni internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *