Google durante la diagnosi di un sito WordPress deindicizzato

Google durante la diagnosi di un sito WordPress deindicizzato

John Mueller di Google ha risposto a una domanda su un sito WordPress che è stato completamente deindicizzato dalla ricerca di Google dopo essere passato a una diversa piattaforma di web hosting. La risposta di Mueller chiarisce da dove cominciare a indagare sul perché ciò accade.

È stato eliminato dall'indice dopo la migrazione del sito

Una domanda inviata al podcast di Google Office Hours riguardava il fatto che il loro sito fosse scomparso dalle pagine dei risultati dei motori di ricerca dopo la migrazione del sito da WordPress all'”autopubblicazione” e che il sito fosse stato successivamente deindicizzato.

La domanda potrebbe significare che stavano ospitando il sito sulla piattaforma WordPress fornita da WordPress.com e quindi hanno migrato il loro sito su un altro host web, comunemente indicato come self-hosting.

La migrazione di un sito WordPress su un altro host web richiede alcuni passaggi relativamente semplici, ma qualcosa può andare storto in quasi ogni fase del processo.

Maggiori informazioni sulla migrazione del sito WordPress in seguito poiché sono pertinenti alla domanda.

John Mueller risponde alla domanda

Mueller ha risposto alla domanda dal punto di vista dell'analisi del sito stesso, che in questo caso particolare è il punto di partenza migliore. Il motivo è che la domanda indica che è ancora possibile accedere al sito online.

questa è la domanda:

“Dopo che il sito è stato spostato da WordPress all’autopubblicazione, quasi tutti i post sono scomparsi dall’indice. I risultati della ricerca sono “0”.

John Mueller ha risposto:

“Se il tuo sito web esce dai risultati di ricerca e non è più indicizzato, al momento della migrazione, penso che il tuo nuovo sito web stia in qualche modo bloccando i motori di ricerca, o almeno bloccando Google. Comincerei analizzando i dati in Search Console “E poi andare avanti da lì.”

La Search Console potrebbe visualizzare la data esatta in cui le pagine hanno iniziato a essere eliminate dall'indice di Google e il motivo. I motivi tipici potrebbero essere che le pagine non sono state trovate (404) o che a Google è stata impedita la scansione da parte del file robots.txt. Questi sono i punti di partenza per determinare cosa sta succedendo a Google.

READ  Trucco WhatsApp | Che succede in chat: un bel trucco da sapere!

Diagnostica se WordPress sta bloccando Google

Questo tipo di problema si verifica solitamente quando un sito WordPress è impostato per essere nascosto dai motori di ricerca, il che significa che è presente una voce nel file robots.txt che impedisce ai motori di ricerca di indicizzare il sito.

Google Search Console ti dirà quando ciò accade attraverso un rapporto sull'indicizzazione della pagina che mostrerà che il sito è bloccato da robots.txt nella colonna del rapporto etichettata “Perché le pagine non vengono indicizzate”.

Se è così, puoi vedere che questo è già il caso nel file robots.txt che in genere si trova nella radice del tuo dominio, /robots.txt (esempio.com/robots.txt).

Se la pagina è bloccata da un file Robots.txt, è probabile che ad un certo punto durante la migrazione sia stata applicata un'impostazione di WordPress per impedire l'indicizzazione della ricerca.

Questa è la configurazione nativa del pannello di amministrazione di WordPress a cui è possibile accedere qui:

Settings 🡪 Reading.

Lì troverai un'impostazione chiamata “Visibilità dei motori di ricerca” con una casella di controllo chiamata “Scoraggia i motori di ricerca dall'indicizzare questo sito”.

Screenshot delle impostazioni di visibilità di WordPress

Cerca le impostazioni di visibilità in WordPress

Se è così, deseleziona questa casella e il gioco è fatto.

Se una voce del file robots.txt blocca i motori di ricerca ma la casella sopra non è selezionata, potrebbe essere un altro plugin a farlo, come un plugin SEO o un plugin di paging. In caso contrario, tutti coloro che hanno contribuito a eseguire questo passaggio probabilmente hanno inserito questa voce, nel qual caso è facile scaricare il file robots.txt, modificare il file in un editor di file di testo e quindi caricarlo di nuovo.

READ  10 app per controllare la temperatura del computer

Altri problemi potrebbero essere un mancato aggiornamento delle impostazioni DNS per puntare al nuovo servizio di hosting web o potrebbe esserci qualcosa di sbagliato sul lato del tuo host web. Iniziare la tua indagine in Google Search Console è un buon consiglio.

Ascolta la risposta di Google qui al minuto 7:24:

Immagine in primo piano di Shutterstock/Roman Samborski

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *