Gli zimbabwani difendono Hubert Engel, rivendicano un documentario volto a screditare il posto dell’ambasciatore

Gli zimbabwani difendono Hubert Engel, rivendicano un documentario volto a screditare il posto dell’ambasciatore

I cittadini dello Zimbabwe difendono Aubert Angell

Gli zimbabwani si sono mobilitati dietro l’ambasciatore Hubert Engel, inviato presidenziale del paese e ambasciatore generale in Europa e nelle Americhe, per difenderlo dalle accuse di contrabbando d’oro e riciclaggio di denaro nel documentario di Al Jazeera “The Gold Mafia”. Credono che l’ambasciatore Engel sia stato specificamente preso di mira nel tentativo di screditare la sua nomina ad ambasciatore-at-large.

L’Ambasciatore Hubert Engel e il Presidente Emmerson Mnangagwa [Image Credit: Twitter/@UebertAngelAmb]

L’ambasciatore Angel ha negato le accuse

L’angelo che è anche profeta e capo dell’ambasciata spirituale – Chiesa della Buona Novella E Jubert Angel Ministries, ha negato con forza le accuse di contrabbando di oro e riciclaggio di denaro nei suoi confronti. Insiste sul fatto di non essere mai stato coinvolto in alcuna forma di contrabbando di oro o riciclaggio di denaro.

Rivelazione dell’angelo per l’operazione Sting

Inoltre, l’ambasciatore Angel ha confermato che stava effettivamente conducendo un’operazione sotto copertura in collaborazione con i servizi di intelligence e di sicurezza dello Zimbabwe. L’avvocato dell’ambasciatore, il professor Lovemore Maduku, ha dichiarato:

“In questo documentario, tutto sommato, nessuno è stato contattato, la First Lady o Henrietta Rushawaya erano bufale ambientate in un’operazione di intelligence. Quindi anche le dichiarazioni che senti non sono reali.

“Se dovessi dirlo in modo molto audace o dolce, stavano agendo di concerto, ed è un peccato che secondo la versione che stiamo utilizzando, è un peccato che siano le questioni di sicurezza nazionale che vengono portate allo scoperto a causa dell’agenda di queste persone e poi forzare problemi che normalmente non vengono portati sul tavolo.” .

L’ambasciatore Hubert Engel e il presidente del Malawi Lazarus Chakwera [Image Credit: Twitter/@UebertAngelAmb]

Accuse di sostenitori dell’ambasciatore Hubert Engel

Alcuni cittadini dello Zimbabwe hanno difeso Angel, sostenendo che il documentario era stato appositamente progettato per screditare la sua nomina ad ambasciatore generale.

L’utente dei social media Une Mujoe ha twittato,

“Sto iniziando a credere che l’intero documentario sia stato realizzato per combattere la nomina di @UebertAngel.”

Allo stesso modo, Mbenga Dzimonya ha twittato,

“Un documentario che mira a eliminare un solo uomo dall’intera sceneggiatura e storia”.

Un altro utente di Twitter, Bernard Thandazani, ha twittato,

“È molto più chiaro ora che l’intero documentario era incentrato su un uomo e dai tuoi sforzi sembra che tu stia cercando così duramente di screditare Angel e la sua posizione di ambasciatore come se avessi una vendetta personale”.

Altri cittadini dello Zimbabwe hanno difeso l’importanza del ruolo dell’Ambasciatore Angel nel Paese, sottolineando come abbia ricevuto il sostegno di colleghi diplomatici.

Ngonidzashi Sande (@ngoni_sande_zw):

Un realista con un apprezzamento pratico per l’arte di governo sa che lo Zimbabwe ha bisogno di un ambasciatore. Aubert Angell. Biden, che ha tenuto il vertice arabo nel 2022 per i petroli del Medio Oriente, garantisce facilmente il mio messaggio. #Al Jazeera_Documentario

Kudzai Mutisi (KMutisi):

Il Regno di Eswatini risponde al film documentario di propaganda dell’isola.

Uno scatto molto interessante di un portavoce del governo di Eswatini!

L’ambasciatore Angel, ancora una volta, riceve più “supporto diplomatico”…

L’ambasciatore Hubert Engel continua a servire come inviato presidenziale in Zimbabwe e ambasciatore generale in Europa e nelle Americhe. Sostiene la sua innocenza e insiste che stava conducendo un’operazione sotto copertura per conto dei servizi segreti dello Zimbabwe.

I suoi sostenitori ritengono che il documentario avesse lo scopo di mettere in dubbio la sua nomina a inviato presidenziale e ambasciatore generale.


Ottieni nuovi mix DJ

Seguici su Google News per ricevere aggiornamenti istantanei

READ  Felix Placencia ha accusato la Colombia di essere un portavoce degli Stati Uniti prima di Celac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *