Gli scontri con i jihadisti intorno a una prigione siriana hanno già ucciso almeno 120 vittime

Giovedì, la prigione di Guajran controllata dalle SDF è stata attaccata da più di 100 militanti e hanno anche sequestrato le armi ivi immagazzinate. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, che utilizza le sue risorse in Siria, almeno 77 membri dell’ISIS, 39 combattenti curdi, comprese le guardie, e sette civili sono stati uccisi nei combattimenti che ne sono seguiti al suo quartier generale e nelle immediate vicinanze. I combattimenti sono continuati domenica. I combattenti delle SDF dall’aria sono supportati dalle forze della coalizione guidate dagli Stati Uniti.

Galleria fotografica (3)

Zodroj: Caschi Bianchi SITA/Protezione Civile Siriana via AP

Le forze curde sono riuscite a catturare più di 100 prigionieri che hanno cercato di scappare. Tuttavia, molti altri sono ancora in fuga e il numero esatto è sconosciuto. Secondo varie fonti, tra 3.500 e 5.000 presunti membri e sostenitori dell’Isis sono stati detenuti in carcere. Una dichiarazione rilasciata domenica sera da Amak, legato all’ISIS, afferma che i jihadisti hanno sequestrato un deposito di armi nella prigione e rilasciato centinaia di prigionieri.

combattere i jihadisti

Galleria fotografica (3)

Zdroj: Forze democratiche siriane guidate da SITA/curdi tramite Associated Press

Nell’estate del 2014 lo Stato Islamico ha dichiarato il califfato in vaste aree della Siria e dell’Iraq. Con il supporto militare degli Stati Uniti e di altri paesi, le forze di sicurezza irachene sono state in grado di sconfiggere i jihadisti. Nel marzo 2019, le forze a guida curda hanno catturato l’ultima roccaforte dello Stato Islamico in Siria. Ma i resti dei jihadisti sono tornati nelle zone desertiche da cui continuano le loro incursioni.

READ  بريطاني يفوز بـ 168 مليون دولار من تذكرة يانصيب

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.