Gli occhiali da sole Adaptive Focus 32°N passano dalla modalità distanza alla modalità lettura

Gli occhiali da sole Adaptive Focus 32°N passano dalla modalità distanza alla modalità lettura

Chiunque può modificare la prescrizione dei propri occhiali con un semplice tocco con gli occhiali da sole 32°N della società tecnologica DeepOptics.

Gli occhiali da sole con messa a fuoco adattiva utilizzano la tecnologia Deottica Richiede obiettivi a cristalli liquidi (LC) con pixel.

Queste lenti contengono migliaia di pixel, che in questo caso sono minuscoli controlli elettronici che modificano le proprietà ottiche degli occhiali.

La nuova tecnologia potrebbe avere molte applicazioni, ma con il suo primo prodotto l’azienda israeliana si rivolge alle persone affette da presbiopia, una condizione che colpisce tutti con l’avanzare dell’età, rendendo progressivamente più difficile la messa a fuoco degli oggetti vicini.

Gli occhiali da sole 32°N hanno lenti con messa a fuoco adattiva

Mentre le persone colpite in genere sperimentano il passaggio tra due paia di occhiali mentre sono fuori – un paio di occhiali da sole e un paio di occhiali da lettura – con 32°NBasta avvicinare la leva della montatura alla tempia per effettuare il cambio della lente.

“Con le lenti dinamiche, le lenti possono cambiare dinamicamente la loro prescrizione – il loro potere ottico – per correggere distanze diverse”, ha detto a Dezeen Yariv Haddad, CEO e co-fondatore di DeepOptics.

Ha spiegato che sebbene esistano altre tecnologie per l’ottica a fuoco dinamico, quasi nessuna di esse è adatta agli occhiali perché si basa su parti mobili.

“Il cristallo liquido è un materiale che può modificare le sue proprietà ottiche elettronicamente, senza spostarlo o modificarne la forma, ed è quindi essenziale per consentire questa nuova generazione di occhiali adattivi”, ha affermato.

Donna di mezza età in abito di lino leggero e occhiali da sole in piedi sulla spiaggia e guardando il suo telefono.  Il dito di una mano era alzato sulla stanghetta della montatura degli occhiali
Chi li indossa scorre il lato degli occhiali per passare da una modalità di visualizzazione all’altra

La tecnologia non aggiunge quasi alcun peso o ingombro agli occhiali, ha affermato, e ha l’ulteriore vantaggio di essere aggiornabile con nuovi profili di ingrandimento nel tempo.

READ  2021 Porsche 911 GT2 RS con Manthey Performance Kit batte il record di produzione per il Nürburgring

Nella presbiopia, la prescrizione di una persona aumenta gradualmente fino a stabilizzarsi intorno ai 65-70 anni, il che significa che di solito si indossano diverse paia di occhiali, ma la prescrizione per gli occhiali da sole 32°N viene impostata tramite un’app complementare e può essere aggiornata. Più tardi, se necessario.

Questa caratteristica dovrebbe consentire agli occhiali 32°N di rimanere in uso più a lungo di molti occhiali normali, anche se l’aggiunta dell’elettronica spesso riduce la vita del corpo.

Il segreto di questa tecnologia è la lente a cristalli liquidi, che secondo Haddad è progettata e realizzata in modo simile a una versione trasparente dei display a cristalli liquidi (LCD) utilizzati nei televisori e negli smartphone e presenta uno strato di cristalli liquidi su una matrice di pixel.

Ritratto di un uomo dai capelli argentati con una camicia hawaiana che legge un libro di carta su una sedia a sdraio all'esterno
Gli occhiali sono progettati per le persone che hanno difficoltà a leggere le lettere minuscole

“Questi pixel sono in realtà piccoli controlli elettronici che applicano una tensione locale allo strato di cristalli liquidi che a sua volta ne modifica l’indice di rifrazione”, ha detto Haddad.

“Quando sono accesi, generano una bobina elettrica bidimensionale molto precisa e complessa che ricorda la forma di una lente, influenzando il cristallo liquido in modo diverso in ogni punto.”

I pixel possono essere pensati come un “disegno” della forma della lente sullo strato di cristalli liquidi, con diversi piccoli voltaggi che determinano le istruzioni che forniscono, dice Haddad.

Un microprocessore, una batteria e un chip Bluetooth sono incorporati nel telaio in polimero iniettato per far funzionare il prodotto, con solo una piccola quantità di energia necessaria per attivare le lenti con messa a fuoco adattiva.

READ  Gurman: Apple prepara l'evento iPhone 14 preregistrato e Apple Watch Series 8
Foto di una coppia di mezza età seduta sui gradini del parco con indosso gli occhiali da sole 32 North.  Uno sta leggendo una rivista e l'altro guarda lontano
Questa invenzione evita alle persone che soffrono di presbiopia di portare con sé più paia di occhiali

Gli occhiali da sole 32°N sono stati selezionati ai Dezeen Awards di quest’anno. DeepOptics prevede poi di portare la tecnologia delle lenti LC sugli occhiali per le persone affette da miopia e presbiopia, in modo che possano passare dalle prescrizioni per la distanza alla lettura.

In questo caso le persone spesso indossano lenti bifocali o progressive, ma possono avere i loro svantaggi perché dividono la lente in diverse sezioni per molteplici usi.

L’azienda sta anche lavorando su un modello che cambia modalità automaticamente anziché manualmente, utilizzando i dati dei sensori di tracciamento oculare nella montatura degli occhiali per misurare se chi lo indossa sta guardando qualcosa di vicino o lontano.

Altre recenti innovazioni nel campo degli occhiali includono occhiali intelligenti per lo streaming di video ovunque di Viture e montature appositamente progettate per adattarsi ai volti neri di Reframd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *