Gli anni di Berlusconi – Quando Calciu corrisponde alla politica

Il ventesimo presidente del Milan, Silvio Berlusconi, in 20 anni avrà arricchito la sua carriera politica e la palla in … ma anche la magistratura. La reputazione solforosa del Cavaliere supererà i giochi pre-box e sarà una finestra essenziale nella sua ascesa. Calciomio esamina l’uso del lucernario sportivo come dimostrazione politica di questo personaggio colorato.

Quando la mafia era grassa

La leggenda vuole che l’impero della famiglia berlusconiana sia iniziato con Luigi, il padre di Silvio. Come banchiere, era il broker perfetto per una mafia affamata di investimenti immobiliari il cui obiettivo era riciclare denaro su larga scala. Il gruzzolo conservato durante queste vicende permetterà al giovane Silvio di realizzare progetti immobiliari su larga scala.

La base della sua fortuna verrà dall’ex stabilimento di Nihilo della regione milanese, che è un mega-progetto. Ma la mafia e il materialismo spesso vanno bene in Italia, e gli oppositori dell’imprenditore non cesseranno di puntare il dito contro le sue interazioni con l’organizzazione criminale, e questo dagli inizi della sua leadership.

Craxy, Moon Ami

Quindi il cittadino milanese si impadronirà dei media creando il primo canale privato del Paese. Doveva essere trasmesso nel Quartiere Moderno di Milano 2. Il successo dei suoi contenuti (intrattenimento e belle donne), gioverà ai suoi canali per inondare completamente il cuore dell’Italia. Ma la legge ha vietato a un canale privato di trasmettere a livello nazionale.

È qui che entra in gioco il socialista Bettino Cracci. Berlusconi si avvicina al premier, che liberalizzerà i media e aprirà le porte ai canali privati. Il magnate di Arcore per valorizzare i suoi contenuti raccoglierà il calcio, il nuovo oppio per il popolo. Per espandere ulteriormente la sua espansione, ha acquisito Milano il 20 febbraio 1986, sotto il naso e la barba di Dino Armani, che gridava per intrighi politici mentre puntava il dito contro le pressioni dell’entourage di Craxie.

READ  Italia: Raduno studentesco per le scuole aperte - "Nessun procrastinazione"

Il ” Rivoluzione liberale »

Nel bel mezzo della marea nera di Mani Politi del 1993, Berlusconi è entrato in politica. Stanco della corruzione e della politica contorta, Cavalier arriva in tempo e diventa presidente del consiglio di amministrazione nel 1994. Nel bel mezzo della campagna elettorale, il Milan ufficializza il trasferimento di Marcel Desaiy per 11 miliardi di lire, per convincere la gente della delusione.

Il fascino e il fascino del Milan di questo club leggendario è diventato uno spettacolo perfetto per Berlusconi. Se la sua ascesa non è stata solo un rapporto causale, niente è meno certo, e se no, il mito del leader di Forza Italia gli farà ripetere il processo. L’anno successivo, il 1995, la crisi del governo lo estrometterà dal potere e si terranno nuove elezioni per eleggere il Presidente.

Regali e uomini

L’estate prima di queste elezioni ha fatto due regali ai tifosi rossoneri: George Weah e Roberto Baggio. Gli stessi effetti non hanno le stesse conseguenze. Forza Italia è davanti alla coalizione guidata da Prodi. Ma il partito liberale conquista voti e si insedia definitivamente sulla scena politica italiana.

Una volta non è un’abitudine. Nel 2001 Berlusconi è diventato il nuovo presidente del Consiglio e in dono ai suoi sostenitori e sostenitori lo ha reclutato per cifre record, Rui Costa dalla Fiorentina e Pepo Inzaghi dalla Juventus. Nel 2008 Due volte ripetutamente, Alla sua terza residenza Palazzo SheigiGli viene offerto il club, Beckham, per riportare Shevchenko e catturare il miracolo di Ronaldinho.

Preso dalla pattuglia

Nel 2009, Kakà si è ritrovato in una strana storia. Mentre la campagna elettorale per le elezioni legislative si intensifica, Berlusconi rifiuta di vendere il giocatore brasiliano al Manchester City per 100 milioni di euro, per paura della delusione dei suoi tifosi e della perdita di voti. Ma questa decisione continuerà fino all’annuncio della sua sconfitta … che manderà il mio amato San Siro al Real Madrid.

READ  Sophia Korma, leader dello spettacolo del 25 marzo - Start Media Corfu TV

Gli enormi costi finanziari che sono stati pompati in 20 cause contro di lui (quasi 500 milioni di euro) e cinque anni di reclusione (cosa che non avrebbe fatto a causa della sua età) sarebbero stati grazie al suo attivismo politico, anche all’interno della sua “Forza Italia”, che non poteva più La sua rappresentanza, oltre che all’interno del suo club, il Milan, che cederà nel 2017, dopo un contratto nero con il Milan, entrato a far parte delle sue fila.

Leggi anche nel dossier “Milan, anni Berlusconi”:

1. 1986, l’inizio (1/4)
2. Sacchi e la Riforma (2/4)
3. Quando funziona fa rima con Calcio (3/4)
4. Revisione politica (4/4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *