Giappone e Filippine tengono i primi colloqui di sicurezza “2+2” nel Mar Cinese Meridionale

Gli Stati Uniti e il Mar Cinese Meridionale Illustrazione: Chen Xia / GT

Sabato il Giappone e le Filippine hanno concordato nei loro primi colloqui sulla sicurezza “bilaterali più due” di stringere legami di difesa più stretti mentre esprimono “gravi preoccupazioni” per la situazione nel Mar Cinese orientale e meridionale, citando “i tentativi unilaterali della Cina di cambiare lo status quo” nelle regioni.

Gli esperti hanno notato che mentre il Giappone è diventato più provocatorio su questo tema con la reale intenzione di espandere la sua influenza regionale e compiacere gli Stati Uniti, le Filippine hanno una posizione più pragmatica e conservatrice, poiché non vogliono far arrabbiare e corrompere la Cina in modo aggressivo. Ha vinto relazioni amichevoli con la Cina.

I ministri degli Esteri e della Difesa del Giappone e delle Filippine sabato hanno siglato un accordo a Tokyo dedicato a facilitare esercitazioni congiunte e visite reciproche delle loro forze poiché “il perseguimento sempre più deciso della Cina di rivendicazioni di sovranità nelle acque territoriali ha sconvolto i suoi vicini”, ha riferito Kyodo News.

Il nuovo trattato che i due paesi asiatici stanno cercando si chiama ufficialmente Accordo di accesso reciproco. Aiuterà ad allentare le restrizioni al trasferimento di armi e forniture per la formazione congiunta e le operazioni di soccorso in caso di calamità tra i due paesi.

Sebbene il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi non si riferisse direttamente alla Cina, all’inizio dei colloqui ha affermato che “i tentativi unilaterali della Cina di cambiare lo status quo sulla base del suo potere continuano nel Mar Cinese orientale e meridionale”.

Il Giappone ha proposto principalmente il Trattato del sabato, riflettendo la sua crescente volontà di intervenire nelle questioni del Mar Cinese Meridionale, non solo in termini di misure più severe come azioni militari, ma anche in termini di creazione di meccanismi di cooperazione più frequenti con i paesi del sud-est asiatico, Chen Xiang Miao , ricercatore associato presso il National Institute for South China Sea Studies, ha detto domenica al Global Times.

READ  [Chronique] Le « coup d’État » de Trump, digne d’un despote africain

Le intenzioni del Giappone sono chiare nell’ampliare la propria presenza in materia. In primo luogo, gli analisti hanno affermato di non voler vedere diminuire le controversie tra Cina e Filippine e di non volere che la Cina controlli la situazione nel Mar Cinese Meridionale. Intende attirare le Filippine nella sua cricca e allo stesso tempo dimostrare lealtà agli Stati Uniti.

La disinformazione sui conflitti nel Mar Cinese Meridionale aiuterà il Giappone a frenare la potenza militare cinese nel Mar Cinese Orientale e nel nordest asiatico, alleviando la sua pressione. Inoltre, fondendo insieme le questioni del Mar Cinese Orientale e Meridionale, aiuterà il Giappone a espandere la sua influenza militare e politica tra i paesi dell’ASEAN, ha affermato Qin.

Nel gennaio 2015, il Giappone ha firmato un accordo con le Filippine per stabilire legami di difesa più stretti e da allora ha condotto quasi 20 esercitazioni navali congiunte. Nel 2021 hanno anche condotto esercitazioni congiunte per l’Air Force.

Tuttavia, le Filippine hanno preso una posizione diversa sulla parte finale dell’accordo di sabato, poiché non volevano far arrabbiare la Cina e danneggiare il suo sudato rapporto amichevole con la Cina.

Durante il presidente filippino Rodrigo DuterteDurante il suo regno, ha mantenuto un approccio pragmatico nell’affrontare le sue relazioni sia con la Cina che con gli Stati Uniti. Pur rafforzando le partnership con la Cina sulla prevenzione del COVID-19 e le industrie marittime, da un lato, non ha abbandonato nemmeno la cooperazione in materia di difesa con gli Stati Uniti o il Giappone.

Gli Stati Uniti e le Filippine ne hanno appena concluso uno Il più grande allenamento per le articolazioni degli ultimi anni In un’area descritta dai media statunitensi come una sfida a Taiwan e al Mar Cinese Meridionale. Nome in codice Balikatan 2022, l’esercitazione militare congiunta comprende 3.800 filippini e 5.100 soldati statunitensi, il che la rende la più grande iterazione delle esercitazioni congiunte Filippine-USA dal 2015.

READ  Covid-19. A situação ao minuto do novo coronavírus no país e no mundo

Anche con le imminenti elezioni presidenziali filippine di maggio, Duterte Chen ha detto che deve agire con fermezza sulla questione del Mar Cinese Meridionale in modo che le voci dall’interno del paese non lo attacchino perché è “debole”.

Gli esperti hanno avvertito che se il panorama politico cambia dopo le elezioni filippine, il Paese sudorientale diventerà una pedina degli Stati Uniti.

Durante una conversazione telefonica con il presidente cinese Xi Jinping venerdì, Duterte Ha affermato che le Filippine sono pronte a gestire adeguatamente le questioni del Mar Cinese Meridionale con la Cina per dare l’esempio nella risoluzione pacifica delle controversie e nella salvaguardia della pace regionale. Le Filippine sono anche disposte a svolgere un ruolo attivo nella promozione delle relazioni ASEAN-Cina.

Xi ha sottolineato che lo sviluppo dell’attuale situazione internazionale ha dimostrato ancora una volta che la sicurezza regionale non può essere raggiunta rafforzando le alleanze militari. La parte cinese è pronta a collaborare con le Filippine e altri paesi della regione per sostenere la visione di una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile, mantenere fermamente l’egemonia della sicurezza regionale nelle nostre mani e lavorare insieme per salvaguardare le difficoltà del paese. guadagnato pace e stabilità. Al fine di promuovere la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.