Germania: cosa c’è di sbagliato nella seconda ondata di epidemie?

Le misure del governo tedesco annunciate all’inizio di novembre per rispondere alla seconda ondata di epidemia avevano lo scopo di fungere da “frangiflutti” contro il massiccio aumento del numero di casi. Ristoranti, bar, teatri, cinema, palestre e altri luoghi sono stati chiusi. Tuttavia, negozi, scuole, asili e asili sono rimasti aperti. L’idea centrale di alcune delle chiusure è stata quella di ridurre il più possibile le aree di intrattenimento e di svago e sostenere l’economia in senso stretto. I dipendenti continueranno a lavorare normalmente e trascorreranno il loro tempo libero a casa.

Nel frattempo, quest’anno lo shopping natalizio, nella sua forma tradizionale, non avrà luogo. Tuttavia, molti proprietari di ristoranti stanno approfittando delle scappatoie nella legge sulla protezione dalle infezioni e hanno iniziato a vendere al di fuori dei negozi. Il vino di Natale “da asporto” è già un successo in molte città tedesche. Da Stoccarda e Colonia ad Amburgo e Colonia, molti negozianti offrono il famoso negozio Glühwein insieme a piccoli piatti fuori dai loro negozi per guadagnare qualche euro in più. I soldi che non provengono dagli aiuti di Stato.

Irregolarità e mancato rispetto delle misure

Nell’esempio di bancarelle natalizie individuali allestite in alcune città tedesche per sostituire i mercatini di Natale, ci sono effettivamente dei problemi. Particolarmente tardi, quando l’alcol era già stato consumato, è stato notato che le distanze nelle liste di attesa non sono state rispettate. Alcune persone si arrabbiano quando gli viene detto di non riunirsi davanti ai sedili. In molti casi la polizia è dovuta intervenire. E così in Baviera, dove l’epidemia sta ancora mostrando la sua faccia dura, il consumo di alcol all’aperto è vietato. La Baviera sta facendo un altro passo per inasprire le restrizioni e ora sta attuando un coprifuoco. Misure simili si applicano o dovrebbero essere applicate nel Baden-Württemberg e in Sassonia.

READ  Angelos Dionysiou: risponde se otterrà un vaccino contro il coronavirus

In Germania, la responsabilità della protezione contro le infezioni spetta a L.nder. I governi locali prendono decisioni sulle misure. Il governo federale ha poca influenza su questo. Il cancelliere, che è favorevole alle misure di austerità, ha avuto lunghe e intense discussioni con i primi ministri locali. Alla fine, ha dovuto ammettere la sconfitta. Pertanto, ciò che si applica per affrontare l’epidemia varia da paese a paese e talvolta è contraddittorio. Un esempio più recente è il disaccordo su quali misure verranno applicate nel periodo che precede il Natale.

Il metodo di chiusura parziale non funziona

Secondo il portavoce del governo Stephen Seibert, il numero di nuovi contagi in Germania è “motivo di preoccupazione”. Come ha detto lunedì, “Questo è ben diverso dall’inversione di tendenza che ci aspettavamo”. Il blocco parziale è già stato prorogato due volte, fino al 10 gennaio. Pochi credono che siano stati gli ultimi tratti. Nella prima ondata della pandemia, la Germania era un modello, ma allo stesso tempo è lontana da quel quadro. Mentre il numero massimo di infezioni al giorno in primavera ha raggiunto 6000, ora sembra quadruplicare. Più di 4.000 pazienti con coronavirus vengono trattati in unità di terapia intensiva – 2.850 pazienti in primavera nei giorni peggiori. Secondo la Società tedesca dei medici di terapia intensiva, muore un paziente su due trattato nell’unità di terapia intensiva assistita respiratoria.

“Non possiamo accettare l’elevato numero di morti in Germania”, ha detto il primo ministro bavarese Markus Zinder. D’altra parte, è anche un dato di fatto che non c’è indignazione pubblica per il numero assoluto in Germania. I fatti non sono più motivo di preoccupazione. Gli psicologi conoscono questo fenomeno e lo collegano all’abitudine. Anche una catastrofe può portare a un certo grado di familiarità.

READ  Coronaios: "Campane" pesanti per l'attenzione e l'intrattenimento - prove video dai social media

Qual è il meglio per la Germania alla fine?

Secondo un sondaggio dell’ARD, il 44% dei tedeschi critica le misure rilassanti durante le vacanze. La domanda è: è meglio per la Germania imporre un rigoroso blocco, come il Belgio, la Francia o Israele? Ma una cosa del genere avrebbe conseguenze disastrose per lo stato e la politica perché l’economia potrebbe crollare su larga scala e dovrebbe essere sostenuta da nuovi aiuti. Lo stato difficilmente riesce a gestirlo. Il debito della Germania quest’anno è di 160 miliardi di euro. Prestiti per 180 miliardi di euro previsti per il 2021, un importo che non sarebbe sufficiente se il paese rientrasse in un rigoroso blocco. I politici in Germania dovranno quindi ammettere di aver commesso degli errori nel blocco parziale. Ma il ministro dell’Economia ha ammesso indirettamente, ma è chiaro che le misure fino ad ora nella seconda fase dell’epidemia non sono state sufficienti.

Resta da vedere se la Germania continuerà o meno i suoi sforzi per ridurre il gran numero di nuove infezioni con misure leggere. Questa decisione deve essere presa insieme agli Stati. Stephen Seibert ha detto che procedure più rigorose potrebbero essere fatte in qualsiasi momento. Tuttavia, nessun’altra data è stata fissata per le consultazioni prima del 4 gennaio.

Zambin Kincharts

A cura di: Demetra Kiranudi


Fonte: Onda tedesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *