Funzionario statunitense: gli Stati Uniti sono “ottimisti” riguardo al commercio con l’Argentina

Funzionario statunitense: gli Stati Uniti sono “ottimisti” riguardo al commercio con l’Argentina

Marisa Lago, sottosegretario americano al commercio per il commercio internazionale, si è detta “ottimista” sulle opportunità commerciali tra l'Argentina e gli Stati Uniti dopo un viaggio di due giorni nel paese. Ha incontrato importanti funzionari economici e governativi, tra cui il ministro degli Esteri Diana Mondino.

“Sono arrivato con grandi aspettative in base a ciò che ho letto e parto più ottimista riguardo alle opportunità. C'è spazio per la crescita”, ha detto Lago in un'intervista esclusiva ad Ambito e Buenos Aires Herald. Ha aggiunto di essersi concentrata sui settori correlati la transizione energetica, perché è un ambito chiave di interesse per il management Biden.

Durante il dialogo, Lago ha parlato dell'importanza delle riserve di litio dell'Argentina, delle possibilità offerte dall'Inflation Reduction Act (IRA) – la legislazione statunitense sul clima – nonché della possibilità di cooperazione su progetti nucleari civili volti a ridurre i tassi di inflazione. Emissioni di carbonio. L'intervista è stata modificata per motivi di lunghezza e chiarezza.

Quali sono i tuoi insegnamenti dopo aver incontrato leader aziendali e funzionari governativi?

Ha riaffermato l’importanza del mio viaggio. Sapevamo che c’erano grandi opportunità per rafforzare il commercio e gli investimenti tra i nostri due paesi con i cambiamenti già avviati. Abbiamo notato che alcune di queste cose sono ben accolte. Forse il primo esempio è l’abolizione del sistema di registrazione delle importazioni [known in Spanish as SIRA], che di fatto ha portato a un calo degli scambi commerciali e non ha portato alcun beneficio significativo. Non solo è un’ottima notizia per le aziende degli Stati Uniti e del mondo, ma è anche un modo per segnalare il desiderio di essere più aperti al commercio e agli investimenti bilaterali.

READ  הר געש התפרץ בספרד ומתפשט לעבר כפרים באזור

Qual è l’obiettivo degli Stati Uniti nel tentativo di espandere il commercio con l’America Latina?

Attraverso la pandemia, abbiamo imparato l’importanza di non dipendere eccessivamente da un paese o addirittura da una regione. Cerchiamo quindi di diversificare la nostra catena di fornitura. Quando cerchiamo paesi in cui la diversificazione ha senso, le Americhe risaltano, poiché sono nostri vicini e hanno legami storici e commerciali molto forti. Inoltre, date le nostre connessioni geografiche, vediamo opportunità positive.

Su quali settori ti sei concentrato durante questo percorso?

Se dovessi riassumerlo, sarebbe la transizione verso l’energia pulita e i minerali critici. Uno dei punti di forza dell'Argentina a questo riguardo è che sono disponibili molte fonti di energia pulita. Non è solo il vento. Non è solo energia solare. Non è solo acqua, vero? Sappiamo che i paesi di tutto il mondo hanno assunto impegni nell’ambito dell’accordo di Parigi. Adempiendo a questi impegni, crediamo che le aziende americane, con le loro tecnologie e soluzioni all’avanguardia, possano aiutare altri paesi. Ho diffuso questo messaggio nei miei incontri con aziende argentine e americane che operano nel campo energetico.

Marisa Lago, sottosegretario americano al Commercio per il commercio internazionale, parla con l'Herald/Ambito

Come immaginano gli Stati Uniti la cooperazione con l’Argentina nel campo dell’estrazione del litio?

Il potenziale dell'Argentina in questo settore è ampiamente riconosciuto. Il fatto che potrebbe essere il terzo maggiore esportatore di litio con meno di un terzo delle sue riserve sfruttate dimostra quale sia il lato positivo. L’Agenzia Internazionale per l’Energia prevede che la domanda di litio crescerà di circa 26 volte entro il 2050. Questo è un segnale per la domanda globale, che rappresenta un’opportunità per l’Argentina. E penso che rappresenti un’opportunità anche per gli Stati Uniti, perché, ancora una volta, siamo un’economia creativa. Abbiamo aziende che forniscono servizi e prodotti che possono aiutare l’Argentina a trarne vantaggio.

READ  Home Borse di bronzo nella festa di distinzione globale

Le aziende argentine non possono ottenere finanziamenti IRA per progetti di energia pulita perché l’Argentina non ha un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. E' qualcosa di cui si può discutere?

Ci sono due modi per affrontare questo problema. Il primo è che quando si parla di legge sulla riduzione dell’inflazione, ciò significa 369 miliardi di dollari per la transizione all’energia pulita. Questa è una buona cosa per gli Stati Uniti e per il mondo. Stiamo inviando un forte segnale di domanda attraverso gli investimenti pubblici. Per quanto riguarda questo tipo di accordo, lascerò la decisione all'USTR

Gli investimenti dell'IRA includeranno tecnologie a cui oggi non possiamo nemmeno pensare. Tecnologie a cui nemmeno le persone nelle nostre università pensano. L’innovazione per cui gli Stati Uniti sono famosi non si limiterà agli Stati Uniti. Si tratterà piuttosto di nuove soluzioni, nuove tecnologie e nuovi approcci, che gli Stati Uniti cercheranno di esportare ai suoi alleati in tutto il mondo. Quindi vedo ancora una volta che l’Argentina è in grado di partecipare.

Il presidente Miley ha detto di non credere nel cambiamento climatico. Gli Stati Uniti sono preoccupati per la mancanza di consenso su una questione così cruciale?

Lascerò le opinioni sul cambiamento climatico agli scienziati e ai capi di stato. Sappiamo che alcuni paesi in tutto il mondo si stanno concentrando sul cambiamento climatico come imperativo morale. Altri lo vedono come una questione di attuazione dei cambiamenti previsti dall’Accordo di Parigi. Al Dipartimento del Commercio, vediamo questa come un’opportunità per la crescita economica e la creazione di posti di lavoro. Sono molte le funzioni che possono essere sfruttate nell’ambito della transizione energetica, indipendentemente dalle politiche adottate.

READ  Macron attacca Le Pen per i suoi legami con la Russia mentre si avvicinano le elezioni presidenziali

L'Argentina sta attualmente costruendo un progetto chiamato CAREM, il primo piccolo reattore modulare (SMR) al mondo. Questi saranno necessari come strumenti utili nella transizione energetica. Gli Stati Uniti vedono spazio per la cooperazione in questo tipo di progetto nucleare?

Sono così felice che tu abbia fatto questa domanda. Nel 2023, ho avuto l’onore di guidare la delegazione del Dipartimento del Commercio alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) a Dubai, il più grande vertice sul clima mai realizzato. Sebbene le aspettative fossero alte, non sono sicuro che molte persone si aspettassero l’impegno assunto da molti paesi in quel vertice di triplicare la propria dipendenza dall’energia nucleare. [22 countries including the U.S., Canada, the UK, and France pledged to triple nuclear power capacity by 2050 from 2020 levels]. Ciò rappresenta una grande opportunità, perché gli Stati Uniti hanno aziende nel settore delle PMI e il nostro Paese sta cercando di avere un ambiente normativo così forte. Vediamo opportunità di collaborare e lavorare con paesi che cercano di integrare piccole armi nucleari civili nel loro mix.

Tutte le foto sono di Mariano Fuccella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *