Frontiere aperte da giugno con certificato di vaccinazioneشهادة

Il Parlamento Europeo ha approvato oggi una bozza del certificato di vaccinazione digitale dell’Unione Europea “Agathi” ovvero la protezione dei dati personali.

Passaporto per la libertà o discriminazione nei confronti di chi non ha ricevuto il vaccino? Tutto indica che il certificato di vaccinazione europeo sta arrivando. I paesi mediterranei, come la Grecia, lo considerano fondamentale per la stagione turistica. Altri Paesi, come la Germania, parlano di “strutture” aggiuntive per il laureato, come visite a musei, concerti o partite di calcio. In ogni caso, l’eurodeputato olandese Jeron Leiners, rappresentante del Partito popolare europeo (PPE) nella commissione per le libertà civili del Parlamento europeo, chiarisce che la testimonianza non dovrebbe essere discriminatoria. “Prima cambieremo il nome in Covid 19”, ha detto il politico olandese a Deutsche Welle. “È importante che il Parlamento non distingua tra chi è stato vaccinato e chi no. Crediamo che le persone non abbiano altra scelta che farsi vaccinare. I giovani saranno inevitabilmente vaccinati dopo gli anziani. Non vogliamo solo che i test negativi essere inclusi nel certificato, ma anche essere eseguiti gratuitamente, solo così eviteremo davvero le discriminazioni”.

La bozza del certificato di vaccinazione dovrebbe essere approvata dal Parlamento Europeo mercoledì 28.04, cosa che ha portato al negoziato con il Consiglio, che tutti sperano possa concludersi entro l’estate. Come eurodeputata di ND Maria Spiraki “Questa testimonianza è la chiave per iniziare a ripristinare gradualmente una delle nostre libertà fondamentali, la libertà di movimento all’interno dell’Unione europea. È importante che attraverso questa scelta, fortemente proposta e sostenuta da Kyriakos Mitsotakis”, l’Europa comincia a ritrovarsi perso. Penso che dovremmo restare prima lì.” Petros Kocalis L’eurodeputato SYRIZA, da parte sua, ha considerato la testimonianza una “risoluzione di necessità”. Questo perché, spiega, “è una soluzione temporanea per tutta la durata di questo disastro, questa emergenza , in previsione dei cambiamenti che dobbiamo apportare per uscire da quelli che chiamiamo tempi di pandemia. Spieghiamo questo: non stiamo parlando della fine dell’epidemia e purtroppo neanche il vaccino è la fine, ma solo una tregua temporanea, vediamo quanti mesi…”

READ  Programmi TV oggi, martedì 5 gennaio 2021. in onda su Rai1 al 1 ° TV Paola Cortellesi in "La Befana vien di notte"

Chi protegge i dati personali?

In tal caso, la preoccupazione per la protezione dei dati personali diventa ancora più acuta. Da quanto si sa finora, il certificato di vaccinazione verrà rilasciato solo su richiesta dell’interessato e conterrà tre elementi: il tipo e la dose del vaccino, i test negativi che ha eseguito e gli anticorpi che ha nel caso Ha uno. La malattia è passata. Ma molti temono che in futuro la memoria digitale si svilupperà in un manuale sanitario completo, comprendente più dati e forse anche dati medici e genetici sensibili. “Non dobbiamo soccombere alla prima difficoltà delle regole per la raccolta e l’utilizzo dei dati emanate dal Regolamento generale sulla protezione dei dati, che è stato un grande risultato alla luce della nuova era digitale”, ha detto Petros Kocalis a Deutsche Welle. “Al contrario, è nostro dovere dimostrare che possiamo servire la salute pubblica, ma anche proteggere i dati personali dei cittadini”.

Il Parlamento europeo assume spesso il ruolo di custode dei dati personali e delle libertà individuali. Ma è sufficiente implementare il già complesso GDPR per proteggere i dati sensibili di un cittadino in un certificato digitale? L’olandese Jeron Leiners ha dichiarato: “Ci siamo consultati continuamente con il Garante europeo della protezione dei dati e abbiamo incorporato le sue raccomandazioni nella nuova normativa. In generale, la proposta originale della Commissione è ancora in vigore, ma abbiamo modificato alcuni punti e proverò a cambiarne qualcuna” ancora in trattativa con il Consiglio. Questa certificazione non viola le informazioni personali e i diritti individuali, ma ci aiuta invece a ripristinare i nostri diritti individuali, in particolare la libertà di movimento nell’Unione europea”.

READ  Tsipras: Il mondo del lavoro darà presto al signor Mitsotakis e ai suoi ministri un riposo permanente

Nel paese di origine dati

Ma dove verranno raccolti i dati di ciascun interessato? Nel paese di destinazione, dove va in vacanza, o nel paese di origine, dove dovrebbe avere la residenza permanente? “La prima immagine che abbiamo è che il certificato è rilasciato dal paese di origine”, afferma ND MEP. Maria Spiracy. “Ad esempio, ho ricevuto la vaccinazione in Belgio e riceverò di nuovo la vaccinazione in Belgio per la seconda dose e sono nei registri belgi con un numero specifico, che indica che ho ricevuto la vaccinazione. Questo sarà noto in Grecia per certificato, quando ho deciso di viaggiare”.

Giannis Papademetriou

Fonte: onda tedesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *