Fratellanza è il nome della nuova area protetta delle Galapagos. Decreto oggi | approccio | Notizia

L’evento si svolge alle Isole Galapagos alla presenza di ministri ed ex presidenti.

Il presidente Guillermo Laso venerdì ha firmato il decreto esecutivo che ufficializza la creazione di una nuova area protetta nelle Isole Galapagos.

Questa riserva è stata battezzata come la Fratellanza Musulmana, e 60.000 chilometri quadrati, di cui 30.000 senza linee lunghe e 30.000 senza linee lunghe. Questo si aggiunge ai 138.000 chilometri quadrati che erano già protetti.

“Potremmo essere una piccola area e la nostra impronta ecologica è trascurabile rispetto ad altri paesi, ma siamo anche su questo pianeta. Oggi ci stiamo espandendo per proteggerti”, ha detto Lasso.

L’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton sarà un testimone d’onore alla firma della nuova ordinanza sull’area protetta delle Galapagos

Il decreto è stato firmato in un evento tenutosi nella baia di Puerto Ayora sulla barca della Sierra Negra.

“Ci sono luoghi che segnano la storia umana e oggi abbiamo l’onore di essere in uno di essi. Le isole che ci hanno accolto oggi ci hanno aiutato a insegnarci qualcosa su noi stessi. Se invece di agire da padroni assoluti di queste terre, le proteggiassimo? Lazo notato.

Inoltre, ha affermato: “Da queste isole che ci hanno insegnato tanto, abbiamo dimostrato che è possibile prendersi cura del pianeta. Questo governo crede nell’apertura e nell’integrazione globali. Maggiore è il nostro impatto sull’ambiente, maggiore è il nostro impegno per prendersi cura della natura”.

Tutto quello che c’è da sapere sulla nuova area protetta delle Galapagos

Il decreto è stato firmato alla presenza del presidente colombiano Ivan Duque e dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. Il lazo ha tagliato il nastro realizzato con materiali riciclabili raccolti durante le pulizie costiere.

READ  Un tribunal de Cabo Verde rechazó el fallo de la Corte de África Occidental que le ordenó conceder la prisión domiciliaria a Alex Saab

“Gli oceani, che costituiscono più del 60% della superficie mondiale, purificano gran parte dell’aria che viene respirata nei continenti. Secondo gli esperti, ciò equivale al 50% dell’ossigeno totale mondiale, ovvero quello in ogni due respiri di umanità dipende dall’oceano”, ha osservato il presidente.

Il decreto si compone di quattro articoli, due disposizioni transitorie e una finale.

Si ricorda nel secondo articolo che la nuova riserva denominata Reserva Marina Hermandad, Sarà inglobato nel Sistema Nazionale delle Aree Protette, attraverso il Sottosistema Statale.

“Bisogna preservare un’area di 30.000 chilometri quadrati dove non sono consentite attività estrattive e Conservazione di aree critiche dell’ecosistema oceanico, rotte migratorie e aree di alimentazione per le specie marine minacciate; E una zona di pesca responsabile di 30.000 chilometri quadrati, in cui sono consentite le attività di pesca, ad eccezione delle attività che prevedono l’uso di palangari”, si legge nell’articolo.

Il presidente Guillermo Laso con il suo omologo colombiano Ivan Duque e l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. Foto: per gentile concessione di Galapagos.

All’articolo 3, si afferma che è il Ministero dell’Ambiente, attraverso il Sottosegretario al Patrimonio e la Direzione del Parco Nazionale delle Galapagos, che assumerà l’amministrazione, la gestione e l’amministrazione della riserva.

Intanto la prima clausola transitoria chiarisce che entro un termine massimo di due mesi dalla firma del decreto esecutivo, il portafoglio statale, sulla base di una relazione tecnica che comprende una diagnosi della situazione e un’analisi di fattibilità della dichiarazione, rilascerà una decisione ministeriale. Accordo per la creazione di una nuova riserva marina.

La nuova riserva creerà un corridoio marittimo tra le Isole Galapagos e l’isola di Cocos in Costa Rica, È conosciuta come “migravía” per essere un luogo di passaggio per decine di specie protette.

Al Summit di Glasgow, i presidenti di Ecuador, Panama, Costa Rica e Colombia hanno firmato un accordo per proteggere il corridoio e hanno spinto per la creazione di un’area di decine di migliaia di chilometri quadrati per proteggere le specie uniche della regione tropicale orientale. Pacifico.

Con l’accordo raggiunto tra i quattro paesi del Pacifico equatoriale, si cerca la gestione sostenibile delle isole di Cocos (Costa Rica), Galapagos (Ecuador), Malpelo (Colombia) e Cuiba (Panama) e la conservazione di questa rotta marittima o “migravía”, che è considerata una delle più biologicamente diversificate al mondo.

All’evento si sono radunati anche attivisti, in particolare del collettivo Más Galapagos, e membri diretti della Camera Nazionale della Pesca.

La variante omicron ha ridotto notevolmente la lista degli ospiti internazionali.

La riserva “Hermendad” comprende 30.000 no take e 30.000 serie non lunghe. Foto: Ministero dell’Ambiente.

Per Duque la partecipazione a questo evento è stata importante e ha affermato che “la protezione di queste aree protegge il 40% delle specie mondiali. (…) Celebriamo la decisione del presidente Lasso. Oggi è chiaro che se il mondo ha bisogno di un accordo, Ecuador, Colombia e Panama danno l’esempio”.

Riguardo al meccanismo di scambio del debito con la conservazione, attraverso il quale si sarebbero ottenute le risorse necessarie per proteggere il nuovo territorio e l’intero arcipelago, sia Lasso che i ministri che li hanno accompagnati sono stati estremamente cauti. Hanno notato che è ancora in fase di analisi, ma che ci sono parti interessate.

Venerdì sera è prevista una cena al Royal Palm Hotel Galapagos con il presidente Guillermo Lasso e l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. Stanno in questo hotel. È in programma di parlare della nuova prenotazione e di altri argomenti. (IO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *