La Cina rafforza il commercio e la cooperazione strategica con i paesi del Golfo

Unico leader cinese a lasciare regolarmente il Paese da due anni, Wang Yi, il ministro degli Esteri, ha instaurato una nuova tradizione: al suo ritorno, approfitta di una quarantena legata al Covid per ricevere – in Cina, ma lontano da Pechino – i suoi omologhi stranieri. Al ritorno da un viaggio in Africa, dal 10 al 14 gennaio ha ricevuto i ministri degli Esteri di Arabia Saudita, Kuwait, Oman e Bahrain, oltre al Segretario Generale del Consiglio di Cooperazione del Golfo, Nayef Falah Al-Hajraf. . Da notare l’assenza del Qatar e degli Emirati Arabi Uniti, due paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo, la cui unità è stata violata negli ultimi anni.

Wang Yi ha anche ricevuto, mercoledì 12 gennaio, il ministro degli Esteri turco e venerdì 14 gennaio il suo omologo iraniano. Un modo per mostrare a Pechino che la Cina intende svolgere un ruolo politico importante in questa parte del mondo e che, a differenza degli Stati Uniti, mantiene buone relazioni con tutti i Paesi. Mercoledì è stato anche annunciato che la Siria ha aderito ufficialmente al programma di investimenti cinese “New Silk Road”, un altro insulto a Washington, che impone severe sanzioni economiche a Damasco.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri iscritti La Cina è un negoziatore molto interessato all’accordo nucleare con l’Iran

A questo mirava l’incontro con i ministri dell’Arabia Saudita e del Bahrain “Scambia le loro opinioni” Sulle trattative sul nucleare iraniano. Mentre gli stati del Golfo sono preoccupati per le ambizioni nucleari di Teheran, il ministro cinese avrebbe indicato che se si vuole rispettare il regime globale di non proliferazione, “Preoccupazioni giuste e ragionevoli” Dovrebbero essere presi in considerazione anche alcuni paesi della regione. Lo ha espresso martedì anche il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin Cina e Iran fermo sostegno reciproco su questioni fondamentali. Nel 2021, Cina e Iran sono entrati in un evento straordinario “Collaborazione strategica” Da venticinque anni.

READ  African Union approves January 1 for graduation of buying and selling under AfCFTA

Chiedi supporto ai paesi islamici

Sul fronte commerciale, Wang Yi e il Segretario Generale del Consiglio di Cooperazione del Golfo, dal canto loro, hanno individuato a «Piano d’azione 2022-2025» intende concludere un accordo di libero scambio e “Istituire una zona di libero scambio tra la Cina ei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo il prima possibile”. Tali negoziati, in corso dal 2004, finora non hanno avuto successo. Secondo Pechino, la Cina è diventata il primo partner economico dei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) nel 2020, portando alla detronizzazione dell’Unione Europea. Importa circa il 70% del suo petrolio da questa regione del mondo.

Hai ancora il 51,1% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *