Francesco Moser: “Voglio che il ciclismo italiano trovi il gradino più alto del podio”

Francesco Moser, 69 anni, è una delle leggende del ciclismo. Sul suo conto, quello soprannominato “Lo sceriffo” (Lo sceriffo) ha vinto 3 Paris Roubaix, 1 Milan Sanremo, 1 Gand Welvegem, 1 Giro d’Italie e 27 Grand Tours, campione del mondo 77 e detentore del record Di tempo. Francesco Moser, sono 273 le vittorie in totale e tanti i podi sui monumenti.

All’inizio di dicembre il fratello Aldo (che ha indossato due volte e tre volte la maglia del Giro rosa nella Top 10 assoluta) ci ha lasciato travolti dal Covid-19. Fu lui a trasmettere la passione al fratellino Francesco. Tra i Moser, su 5 ragazzi, 4 erano professionisti: Aldo, Francesco, Enzo e Diego.

Francesco Moser ha parlato al sito AllBiciweb e ha fornito la sua analisi sull’attuale ciclismo italiano.

Aldo Moser, suo fratello maggiore

Natale senza Aldo

“Sarà un Natale completamente diverso, con così tante restrizioni e le problematiche che esistono con il virus che colpiscono tutti, dai grandi ai piccoli. Non ho paura, ma la realtà va affrontata

Aldo non stava molto bene, ma poteva restare con noi ancora un po ‘. Quando si è ammalato è stata una cosa surreale, ci ha lasciato in 5 giorni. L’ho visto venerdì, lunedì l’ho accompagnato a prelevare un campione e mercoledì è morto. Quando ci hanno detto che era risultato positivo al virus, ho subito capito che non lo avrei più rivisto.

Aldo il primo professionista della famiglia

“Eravamo fratelli e ho iniziato a seguire il ciclismo grazie a lui. Senza Aldo probabilmente non sarei diventato un corridore. Quando ho iniziato a capire qualcosa sul ciclismo era vincere e ho visto le maglie e le moto e così mi sono appassionato. Ma c’erano anche i miei altri fratelli, Diego ed Enzo che correvano.

READ  Elezioni consolari: Patrizia Pierfederici

Con Aldo sono andato a vedere il Trophée De Gasperi, la gara più importante per gli appassionati del Trentino. Avevo 10 anni ed Enzo aveva vinto e stavo seguendo la gara in macchina dietro Aldo. A Castel Tesino eravamo in salita e c’erano delle strade sterrate. Pioveva molto e anche la moto della polizia è finita a terra. Enzo ha vinto perché conosceva bene le strade e ha sterzato, districando tutti in discesa. Quel giorno, per la prima volta con Aldo, mi sono ritrovato davvero nel ciclismo ”.

Com’era la vita con il Moser?

“È stato davvero difficile. Perché quando ho smesso di andare a scuola, Aldo, Enzo e Diego correvano già, poi c’era un altro fratello che era diventato prete, ero troppo giovane e mi ritrovavo a lavorare come contadino. Qualche volta Aldo e Diego venivano ad aiutarmi nei campi, ma lavoravamo tanto perché nostro padre moriva prematuramente e c’erano le nostre sorelle. Uno di loro è morto di poliomielite e Rita ci ha lasciato in un incidente d’auto. In quegli anni nessuno ti dava niente e dovevamo rimboccarci le maniche “

4 professionisti e lui il più vincente. Un orgoglio per sua madre? No, perché il 5 ° era un prete

“Penso che la soddisfazione più grande sia venuta da mio fratello che è diventato prete. Mia madre era molto religiosa, era spesso ai banchi della chiesa e ci obbligava ad accompagnarla anche noi. Il nostro paese, Palù di Giovo, è stato molto speciale, con tanti ciclisti e tanti preti ”.

I corridori di oggi non possono entrare nel cuore delle persone come erano prima

Quanto è cambiato il ciclismo oggi rispetto ai suoi tempi

READ  Euro 2020 - L'elenco ampliato dell'Italia per Euro 2020

“Molto è cambiato, tutto è diverso, dalle squadre ai piloti. Penso che il nostro sia stato forse migliore del ciclismo attuale. Anche la televisione è cambiata molto (in peggio), le persone ora stanno comode sulle loro sedie a guardare le gare (…).

Poi, penso che i corridori di oggi non possano più entrare nel cuore delle persone come eravamo prima, forse anche perché i tempi sono cambiati ei corridori non sono più tra le persone dagli sfondi. come eravamo noi. “

I corridori che gli hanno lasciato un ricordo speciale?

“Prima Miguel Indurain, ho corso con lui per un breve periodo e l’ho adorato, poi Contador, che ha fatto cose incredibili. In arrivo sulla moto di adesso senza dubbio Filippo Ganna, che è un ragazzo eccezionale ”

Filippo Ganna può fare come Indurain: vincere un Grand Tour

Perché Filippo Ganna?

“È molto forte, vediamo tutti cosa può fare, ma può fare molto di più, ha la testa sulle spalle e ha un motore molto potente. È vero che ha un fisico imponente, ma credo che con un percorso giusto, meno duro, potrebbe anche vincere un giro importante, alla fine non è poi così diverso da Indurain ”.

La globalizzazione potrebbe aver influenzato negativamente il ciclismo italiano

Oggi vediamo motociclisti giovanissimi vincere nei Grand Tour. Cosa ne pensa lui?

“Forse gli stranieri si avvicinano al ciclismo in un modo diverso e sono istruiti in modo diverso rispetto a noi. Ricordo la Slovenia di Roglic e Pogacar, un piccolo paese che, con due corridori, ha messo in ginocchio il mondo. Ai miei tempi, l’Italia aveva molte squadre e piloti. Oggi la globalizzazione ha probabilmente colpito tutto e forse ha influito negativamente sul ciclismo italiano. “

READ  Italia in cerca di turisti scomparsi | Coronavirus

Cosa augura per il futuro alla bicicletta italiana?

“Vorrei che il ciclismo italiano tornasse protagonista di questo sport. Siamo sempre stati al primo posto e sarebbe bello tornare e vedere i nostri ragazzi salire sul gradino più alto del podio. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *