File: Blasfemia, Dio e Calcio

Cosa hanno in comune Milan Skriniar, Manuel Lazzari, Gianluigi Buffon o Bryan Cristante (per citarne alcuni)? Il loro colore di capelli? Ovviamente no. Il numero di minuti giocati in questa stagione? Assolutamente no. In realtà tutti erano – o rischiavano – una sospensione per commenti ritenuti blasfemi. In altre parole, tutti sono stati sotto i riflettori della Commissione Disciplinare Serie A per aver commentato. “Insultare, sprezzante o mancare di rispetto alla divinità”.

Questi fatti sono abbastanza sorprendenti per il nostro tempo, e che potrebbero facilmente svolgersi in una delle tante distopie alla George Orwell, poiché la libertà di espressione è oggi considerata fondamentale. Eppure in Italia e su tutti i prati di Calcio, sempre più giocatori si sono resi colpevoli di questo tipo di commento. E vengono così ripresi dalla giustizia del calcio italiano. Questo è l’argomento del nostro dossier che si apre oggi, con un primo approccio al panorama legislativo che circonda il reato di blasfemia al di là delle Alpi.

In Italia la blasfemia è ancora considerata un illecito amministrativo

È quindi ancora possibile, nel 2021 – quando l’umanità invierà sonde su Marte e dispiegherà ad alta velocità vaccini con tecnologia a RNA – essere condannati per aver fatto osservazioni sprezzanti o offensive nei confronti di tutto ciò che tocca il divino. Sì, la cosa ha qualcosa da sorprendere e da far alzare le sopracciglia. Soprattutto in Francia, dove l’arte della bestemmia è affermata come un costume quasi sacro e ultra rappresentativo della libertà di espressione (Charlie Hebdo, affare Mila, ecc.).

Tuttavia, con i nostri vicini transalpini, la situazione non è proprio la stessa. Peggio ancora, per i calciatori italiani la mancanza di rispetto per le religioni a volte può essere costosa. E non è il nostro nazionale Gigi Buffon a dire il contrario. Lui che è diventato il bersaglio delle autorità dopo aver fatto commenti che potrebbero essere considerati blasfemi (a seguito di una registrazione audio) durante l’ultima trasferta della Juventus a Parma.

READ  Chicago si proclama la capitale della pizza e gli italiani sono indignati!

Allora cosa dice la legge italiana sulla blasfemia? Disprezzare gli dei e il divino in qualche modo è ancora punibile dalla legge? Se la religione cattolica non è più la religione di stato in Italia, continua a svolgere oggi un ruolo sociale e politico molto importante. E anche se la blasfemia è stata depenalizzata dal 1999, costituisce ancora oggi un illecito amministrativo. “Chiunque giuri pubblicamente, con invettive o parole oltraggiose, contro la divinità è punito con la sanzione amministrativa che va da 51 euro a 309 euro” attesta così l’ultima versione dell’articolo 724 cp.

Un crimine dimenticato ma a volte represso …

L’Italia è quindi una delle rare grandi democrazie occidentali ad avere tribunali che condannano un cittadino per blasfemia. Nel 2015, a Milano, l’artista Xante Battaglia aveva ad esempio esposto nel centro della città tre fotografie che illustrano papa Benedetto XVI, il suo segretario Georg Gaenswein e un organo sessuale maschile in mezzo. Considerata molto volgare e favorevole alla diffamazione della religione cattolica, l’opera dovette essere ritirata e Xante Battaglia fu multato di 800 euro dalla Corte Suprema italiana.

Stessa storia per Nicolò De Paoli, questo giovane lambda di 27 anni, che nel 2017 ha postato su Facebook un suo video in cui insultava l’esercito di fucilieri e faceva commenti blasfemi. Gli sono stati inflitti 103 euro per le sue parolacce espresse in rete. Ancora più grande, il 18 ottobre 2014, il conduttore televisivo Tiberio Timperi, durante la registrazione di un programma, ha profanato la bestemmia contro la Vergine annunciando un ospite in studio. Il canale televisivo ha poi ricevuto una multa di 25.000 euro.

READ  Da Toleman ad Alpine, 40 anni di storia della squadra di F1

Tuttavia, nonostante questi esempi noti, e anche se in Italia il codice penale contiene diversi articoli che condannano la blasfemia, le sanzioni non sono sempre applicate. Come è il contrario nel caso di Calcio. Che ha fatto delle parole blasfeme la sua nuova passione.

… di chi Calcio ne ha fatto la sua nuova priorità

Dal 2010 la federazione italiana ha infatti inasprito i toni e reso blasfemie o qualsiasi altra dichiarazione che rechi danno alla divinità passibile di azione disciplinare. Gli arbitri possono così decidere liberamente di escludere un giocatore in caso di blasfemia, ma spesso è la commissione disciplinare a decidere le sanzioni dopo la rivisitazione delle immagini. E poiché la pandemia di coronavirus e la mancanza di Fan Negli stadi si sente praticamente tutto durante una partita di Serie A. E la federazione italiana si diverte ad analizzare e sviscerare tutte le parole di un giocatore che potrebbero essere associate ad un atto blasfemo. Questo è l’argomento della nostra seconda parte di questo file, che arriva molto rapidamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *