Non esiste ancora un protocollo sanitario paritario nelle scuole!

Fonte immagine: AFP Ludovic Marine

Con l’arrivo della variante Omicron, la politica sanitaria del governo per le scuole crea una nuova ondata di protesta. Mentre Jean-Michel Blanquer continua a negare l’ovvio, i casi di inquinamento sono già esplosi dall’inizio di novembre, soprattutto tra i bambini. in un Colonna pubblicata questa domenica in dinaro giordanoPertanto, il personale sanitario ha chiesto di posticipare l’inizio dell’anno scolastico per ridurre l’epidemia nella scuola, mentre il Consiglio Scientifico prevede Un insegnante su tre assente a gennaio. E così gli annunci del governo sull’inizio del nuovo anno scolastico erano una delle grandi aspettative di lunedì e, ancora una volta, sono ben lungi dall’essere nel segno.

Tra i sintomi delle sue procedure deboli per la scuola, il governo non ha ritenuto necessario coinvolgere il ministro dell’Istruzione nazionale durante la sua conferenza stampa di lunedì sera. Dopo annunci superficiali sui sensori di anidride carbonica e la possibile evoluzione del protocollo presentati da Olivier Veran, è stato finalmente questa mattina Blancaire è intervenuto a France Inter per improvvisare un altro discorso sul protocollo sanitario nelle scuole, attestando ancora una volta la sua incompetenza e disprezzo per la cittadinanza operatori dell’istruzione. Infatti, in totale incredulità, dichiarò che probabilmente sarebbe tornato a scuola dopo caso in classe “Non avresti dovuto dare un test negativo una volta, ma almeno due volte, diversi giorni prima dell’intervallo”. È difficile immaginare l’applicazione concreta di questa misura, dato che nelle scuole non è stata lanciata una massiccia campagna di test.

tornato anche a Aumento del rischio di assenteismo “E” Caos Che questo possa nascere. parla” assenteismo “Discutere di futuri congedi per malattia e contaminazione del personale è un vero insulto per gli operatori dell’istruzione nazionale che saranno sovraesposti al Covid-19 all’inizio dell’anno scolastico perché non viene proposto alcun protocollo coerente. Per superare il potenziale caos nelle istituzioni, suggerisce Blanquer revocare il divieto” Tutti i modi per affrontarlo in termini di capacità di sostituzione e assunzione di lavoratori temporanei e contrattuali e di mobilitazione dei giovani pensionati. »

Il Ministro non solo accetta fino in fondo il rifiuto di assumere dipendenti a tempo indeterminato e di creare posti di lavoro, ma propone anche di esporre la popolazione più vulnerabile, cioè i pensionati! Tutto questo nel bel mezzo di un’epidemia e mentre la scuola è un vero focolaio di inquinamento. Inoltre, è difficile immaginare che tutti gli insegnanti e il personale contagiati dal Covid-19 saranno sostituiti dalla stregoneria all’inizio dell’anno scolastico quando ci sono già assenze inferiori ai 15 giorni, che spesso corrispondono alla durata dell’assenza per un motivo. . da covid, C’è una soluzione solo nel 20% dei casi.

READ  Accetteremo afgani dopo il 31 agosto

Di fronte a questa impreparazione e alla mancanza di una sana strategia, il ministro dell’Istruzione nazionale nasconde le reazioni di protesta. Infatti, nel tweet in cui annunciava che l’inizio dell’anno scolastico non sarebbe stato posticipato e l’assenza di un successivo protocollo sanitario, Blanker ha trattenuto le risposte, impedendo così a tutti gli insegnanti e operatori dell’istruzione nazionale di descrivere la realtà del campo e puntando il dito contro la mancanza di un protocollo sanitario per la scuola e il pericolo che questo rappresentava. In altre parole, sii un insegnante e stai zitto.

Su scala più ampia, il caso della scuola rivela una gestione disastrosa e fatale del governo dall’inizio di questa crisi sanitaria. Lungi dalla retorica umanitaria che descrive la scuola come essenziale per i bambini, è soprattutto essenziale come centro diurno MEDEF. Inoltre, il presidente del MEDEF Geoffroy Roux de Bézieux lo ha espresso chiaramente in un’intervista a giornale della domenica. spiega che” Non c’è motivo di farsi prendere dal panico oggi. “Ma questo è d’altra parte.” Se le scuole fossero chiuse, per esempio, sarebbe una difficoltà enorme Esprimendo la necessità che le scuole rimangano aperte fino a quando l’economia non gira a scapito dei lavoratori esposti al virus. L’ipotesi di ridurre i tempi di isolamento durante la contaminazione da Covid è sul tavolo e fa parte di una strategia per evitare Caos Loro stessi provocano. È chiaro che il governo non propone alcuna strategia sanitaria contro il Covid-19 ma piuttosto una strategia a favore dei datori di lavoro di cui la scuola è uno dei capisaldi.

READ  Incontra Lola, il gatto che ha attraversato il deserto e il mare per raggiungere l'Italia

Di fronte a questa amministrazione sanitaria criminale che mette a rischio gli operatori dell’istruzione nazionale e gli studenti, dobbiamo prima di tutto chiedere la fornitura di apparecchiature come sensori di anidride carbonica e depuratori d’aria, che, contrariamente a quanto afferma Blanquer, non sono stati installati, sono mascherine gratis per tutti con distribuzione di materiali FFP2 o 3, come accaduto in Italia, materiali per la disinfezione e una campagna di screening su larga scala nelle scuole. Chiediamo soprattutto l’assunzione massiccia di personale per consentire doppie classi, che ridurrebbero il rischio di diffusione del virus in aule sempre più affollate, e la sostituzione del personale assente. Più in generale, dobbiamo organizzarci per un piano sanitario all’altezza che metta al centro gli operatori educativi, che sono alla base, e solo in grado di proporre un protocollo sanitario che mantenga una vera continuità educativa che non si fa nella salute dei studenti e le loro famiglie.

Per questo, è essenziale che i dipendenti siano supportati dai sindacati. Oltre all’indignazione iniziale che potrebbero aver mostrato, ora devono fare la loro parte nell’organizzare l’opposizione al governo e difendere non solo i dipendenti, ma anche le famiglie, la cui salute, persino la vita, il governo si prepara a rischiare, soprattutto per non disturbare il MEDEF.

Dopo due anni di crisi sanitaria, tutte queste richieste non possono essere ottenute senza il conseguente equilibrio di potere che può essere costruito solo attraverso uno sciopero. Oggi è la strada intrapresa da molti settori che erano sulla prima e sulla seconda linea della crisi sanitaria, come la grande distribuzione, che ora sta vivendo scioperi senza precedenti. Di fronte a questo governo che insieme ai datori di lavoro offre profitti prima delle nostre vite, è tempo di far capire loro che senza insegnanti e lavoratori di prima e seconda elementare non c’è niente.

READ  Il roaming entra nell'era del 5G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *