Figure inquietanti con enormi teste dipinte trovate in un rifugio roccioso in Tanzania: ScienceAlert

Figure inquietanti con enormi teste dipinte trovate in un rifugio roccioso in Tanzania: ScienceAlert

Nel 2018, gli archeologi hanno fatto una straordinaria scoperta nella Swaga Swaga Game Reserve, nella Tanzania centrale: 52 rifugi sotto roccia precedentemente non documentatiSono stati deliberatamente dipinti con arte rupestre. La maggior parte di essi è stata distrutta dalle intemperie, tranne una manciata. Ma tra quelli che si sono conservati, c’era un mistero assoluto.

Il sito, chiamato Amak’hee 4, è riccamente dipinto con un fregio di collage, tra cui tre figure oscure e antropomorfe con teste sovradimensionate.

Questi, secondo l’archeologo Maciej Grzelczyk dell’Università Jagellonica in Polonia, potrebbero essere un indizio su quali potrebbero essere altri trittici simili di figure trovati in altri dipinti di arte rupestre.

È difficile datare Amak’hee 4, ma Grzelczyk è riuscito a valutare che avesse almeno qualche centinaio di anni.

È quasi interamente dipinto di rosso, ad eccezione di cinque figure in bianco.

Gli agenti atmosferici su questo colorante e l’assenza di animali domestici suggeriscono che sia piuttosto antico, risalente all’epoca delle società di cacciatori-raccoglitori della zona.

(M. Grzelczyk, Antichità, 2021)

Il dipinto mostra animali che sembrano somigliare a gnu, antilopi, bufali e persino una giraffa, oltre a un piccolo gruppo di figure umane con grandi teste. Ma un gruppo si distingue.

“Tra i dipinti di Amak’hee 4 particolarmente degna di nota è la scena incentrata su tre immagini,” Grzelczyk ha scritto nel suo articolo del 2021.

“In questo trittico, le figure sembrano rappresentare teste di bufalo stilizzate. Queste figure ricordano la depressione centrale nel profilo di una testa di bufalo da dove salgono le corna e poi si curvano verso l’esterno lontano dalla testa, così come le orecchie all’insù.”

READ  Telegram per Mac ottiene una nuova modalità di risparmio energetico

Le aziende arancioni(M. Grzelczyk, Antichità, 2021)

La cultura di Gente di Sandawaydiscendente da coloro che abitavano la zona, non comprende decorazioni di persone con teste di bufalo o persone che potevano trasformarsi in bufalo (o viceversa), quindi le immagini potrebbero raffigurare qualcos’altro.

Ma, come sottolinea Grzelczyk, le corna di bufalo svolgono un ruolo importante in alcuni rituali Sandaway.

Non importa quanto strani siano questi numeri, non sono senza precedenti. Non lontano da Amakhi 4, nella regione di Kondoa, nella Tanzania centrale, due dipinti di rifugi rocciosi in particolare hanno una forte somiglianza con il trittico.

A Kolo B2 sono raffigurate tre figure in piedi insieme. Nel Colo B1 tre figure sono raffigurate orizzontalmente, sebbene siano distese a terra.

Altri fichi(M. Grzelczyk, Antichità2021)

Tutti e tre i siti mostrano figure simili, con grandi teste, anche se le figure Kulu recano un motivo a strisce, interpretato come un copricapo. (Gli altri personaggi Kondo sono interpretati come Acconciature elaborate).

In tutte e tre le posizioni, le figure sono collegate da una linea che passa attraverso la loro parte centrale. Tutti e tre hanno disposizioni e orientamenti simili delle mani e delle braccia.

Amak’hee 4 presenta alcune differenze importanti. Le teste sembrano piene di colori solidi e appaiono più significative per il movimento intorno a loro.

“Le figure in Amakhi 4 sono notevolmente più grandi di quelle in Colo, e rendono questa figura principale un punto focale centrale attorno al quale sembra ruotare il resto della narrazione. Al contrario, le immagini in Colo sono rappresentazioni isolate, senza una chiara connessione con il resto dei dipinti ” Grzelczyk ha scritto.

READ  Quando esce lo stendardo Ganyu? Data di rilascio e competenze - HITC

Ci sono alcuni siti di arte rupestre a Kondwa È ancora in uso Da Sandawe per una varietà di attività rituali. Le posizioni recentemente documentate sono note anche alle comunità locali, quindi potrebbero far luce sul significato dei numeri misteriosi.

Nel frattempo, gli archeologi continueranno a lavorare per documentare i siti da aggiungere alla documentazione pubblicata.

Il documento è stato pubblicato in Antichità.

Una versione di questo articolo è stata pubblicata per la prima volta nel febbraio 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *