Esperto di sicurezza avverte Chakwera che il Malawi potrebbe scivolare nel caos con l'aumento del costo della vita – Malawi Nyasa Times

Esperto di sicurezza avverte Chakwera che il Malawi potrebbe scivolare nel caos con l'aumento del costo della vita – Malawi Nyasa Times

L’esperto di gestione dei conflitti e della pace, Master Dex Mfuni, afferma che la serie di eventi nel paese stanno rivelando i primi segnali di allarme e potrebbero precipitare nel caos se il governo, in particolare il presidente Lazarus Chakwera, non riesce a gestirli e prevenirli.

Chakwera

Mfuni sottolinea la crescente ondata di frustrazioni che si riflette negli scioperi in corso o nel rischio di disordini sociali a livello nazionale, che si stanno verificando sullo sfondo degli operatori sanitari e del personale di supporto giudiziario insieme ai giudici che pianificano di allentare gli sforzi per fare pressione per l'implementazione dei bonus rivisti e della revisione. rispettivamente delle loro condizioni di servizio.

Proteste simili sono previste anche da parte degli appaltatori stradali, amareggiati per i ritardi nel pagamento di lavori che sono già stati accertati come completati.

“Questo modello potrebbe portare a manifestazioni a livello nazionale perché abbiamo assistito alla svalutazione del kwacha, causando miseria nella vita delle persone”, ha detto Mfuni. “Il governo sta compiendo sforzi di mitigazione come quello di Mtukula Bakhomo, ma sul posto di lavoro le persone non ne traggono beneficio. .”

“Le persone avvertono la frustrazione e la miseria che stanno attraversando, per quanto siano impegnate in servizi essenziali, si stancano e depongono i loro strumenti. Non vogliamo che sciopero, ma come ci si aspetta che sopravvivano? “

Mfuni ha espresso la speranza che intervenga anche il Comitato nazionale per la pace, ma ha osservato che potrebbe essere limitato dalla mancanza di risorse.

“La sfida è che crediamo di poter gestire le cose come erano nell’era del partito unico, dove se i lavoratori presentano reclami, li minacci di licenziamento”, ha detto.

READ  Il viaggio di Charles Charamba nel Regno Unito ad aprile - ZimEye

Parlando a titolo personale, il professor Adamson Mola, esperto di sanità pubblica presso l'Università di Scienze della Salute di Kamuzu, che ha assistito allo sciopero del 2001 degli operatori sanitari nel paese, ha espresso il timore che molte persone perderebbero la vita se lo sciopero avesse luogo.

Ha detto che numerose promesse fatte da funzionari governativi, anche a livello ministeriale, non sono andate a buon fine, creando una cultura di sfiducia, lasciando il presidente come un potenziale intermediario onesto.

“Se il governo non avesse promesso agli operatori sanitari sarebbe diverso, ma non si può lavorare in un ambiente dove ti viene promessa una cosa e poi non arriva nulla nemmeno di fronte al conciliatore”, ha detto Mola.

“Il buon senso dovrebbe intervenire e farlo rapidamente. L’unica posizione rimasta è quella del presidente perché gli altri hanno fatto promesse senza mantenerle.

Il segretario generale del Congresso dei sindacati del Malawi (MCTU), Madalitso Ngolumole, ha affermato che il Congresso dei sindacati del Malawi (MCTU) sta incoraggiando i suoi affiliati a concludere i negoziati prima di ricorrere agli scioperi.

“Abbiamo ascoltato sui social le preoccupazioni della magistratura e degli operatori sanitari. “Ma le loro denunce sono reali e hanno il diritto di sottoporre essi stessi i problemi al governo”.

Gli operatori sanitari attraverso l'Unione degli assistenti medici del presidente del Malawi Solomon Chomba e l'Organizzazione nazionale degli infermieri e delle ostetriche del presidente del Malawi Shots Simeza hanno affermato di non aver ricevuto alcuna risposta.

Ieri, Chumba ha accettato la richiesta di intervento di Chakwera, affermando di ritenere che il presidente abbia a cuore il benessere dei malawiani e degli operatori sanitari.

READ  sentirsi a proprio agio | Imprenditore "impressionato" dalla resilienza di Dumisani Ngobisi, offre allo studente un lavoro a tempo indeterminato

Da parte sua, Smiza ha elogiato gli altri sindacati fratelli per il loro sostegno.

Per ironia della sorte, il ministro della Sanità Khumbez Kandodo-Chibunda ha dichiarato ieri in un'intervista che sono in corso colloqui tra il governo e i rappresentanti degli operatori sanitari.

“Sono nostri figli, quindi abbiamo ancora a che fare con loro. Non posso anticipare ciò di cui si discuterà, ma quando tutto sarà finalizzato, sarete informati”.

Martedì il sindacato dei lavoratori dei trasporti e dei trasporti pubblici; Sindacato dei lavoratori delle comunicazioni del Malawi; Sindacato Lavoratori del Tessile, dell'Abbigliamento, del Cuoio e delle Guardie Giurate; Federazione del settore informale del Malawi; Sindacato dei lavoratori del settore alberghiero, della trasformazione alimentare e della ristorazione; Il sindacato dei lavoratori marittimi, doganali, di sdoganamento e affini e il sindacato dei lavoratori agricoli e agricoli hanno rilasciato una dichiarazione di solidarietà per gli scioperi degli operatori giudiziari e sanitari.

Nel frattempo, anche i membri dell'Associazione degli appaltatori edili del Malawi dovrebbero protestare oggi a Lilongwe per chiedere pagamenti alla Gestione del fondo stradale per un totale di 14 miliardi di dollari a partire da gennaio di quest'anno.

Segui e iscriviti al canale Nyasa TV:

Condividere significa prendersi cura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *