E un sito a parte per la “follia” italiana dello Stato Giorgio Rosa, i bombardamenti del governo italiano.

In effetti, la quarantena non ti lascia molte opzioni per divertirti. Il modo migliore per rilassarsi allo stesso tempo è bere un bicchiere di vino e scegliere il film giusto …

Stavros Zaganas

Quindi, mentre cercavo un film adatto, il mio sguardo è caduto sulla “nazione fluttuante” (L’isola delle rose / L’insolita storia dell’isola delle rose) Il regista italiano Sidney Cebelia con Elio Germano, Matilda De Angelis, Tom Lachiha e Francois Closet. Netflix True Story mi dà più fiducia nella qualità di qualsiasi film con questa funzione …

La leggendaria storia dell’isola di Rodi – la trama del film di 1 ora e 58 minuti – è più interessante e assurda di quanto anche lo sceneggiatore più creativo avesse immaginato.

Alla fine degli anni ’60, nella società italiana apparve molto cinismo. Il governo conservatore di Aldo Moro ha reagito in modo diverso al modo in cui si sono svolti gli eventi pubblici. Uno dei più inaspettati – ma anche un tipico esempio di ciò che è accaduto in quasi ogni angolo del mondo negli anni ’60 – è stata la creazione di Insulo de la Rosa o Isola delle Rose, che si traduce in greco come “isola delle rose” o “isola delle rose”. .

Dall’inizio del 1968, l’ingegnere bolognese Giorgio Rosa è stato il primo a costruire una piattaforma industriale di circa 400 mq sulla base di 9 colonne, prevalentemente in noce, al largo di Rimini e dell’Adriatico settentrionale.

Questa piattaforma aveva, tra le altre cose, un ristorante, una discoteca, un bar e un ufficio postale.

Il 24 giugno 1968, l’isola dichiarò la sua indipendenza come piccolo paese che porta il nome internazionale “The Rose Island Republic”. Rosa, da cui prende il nome, si è dichiarata presidente, designando addirittura l’esperanto come lingua ufficiale.

READ  Divieto di traffico a Milano e Napoli - Notizie - Notizie

La bandiera dell’isola di Roses era arancione con tre rose al centro. Quasi immediatamente, questo strano posto ha iniziato ad attirare hippy e politici di sinistra, oltre a un gran numero di turisti che lo hanno visitato per curiosità e sono finiti lì per giorni.

Rosa ha persino progettato un secondo piano sulla sua piattaforma, dove, oltre ai negozi di souvenir, potrebbe essere adattato un eliporto. Non era necessario rilasciare una licenza, poiché il diritto internazionale afferma che non esisteva una giurisdizione statale in questo settore.

Il governo italiano non ha preso sul serio la questione e ha accusato Rosa di cercare di fare soldi aggirando le leggi fiscali italiane. Le voci si sono sparse sul luogo fino a diventare leggende e descrizioni come “Hippie Paradise” o “Communist Cave” confermano che questo posto è sicuro.

La nazione fluttuante di Rodi 1


Lo stesso governo ha affermato, tra le altre cose, che una stazione radio illegale operasse sul canale di propaganda di sinistra Isola Daily Rose, sostenuta dalla sua vicinanza alla costa jugoslava, vicina ai rappresentanti del mondo sovietico.

La nazione fluttuante di Rodi 5


La decisione di “fermare” l’isola non è tardiva: i gendarmi sono stati mandati ad occupare “la città”, per protestare contro Rosa ei suoi “sudditi”, ma non hanno ricevuto appoggio da nessuna parte.

55 giorni dopo la formazione dell’etnia, tutti i “cittadini” dell’Isola delle Rose furono espulsi e Rose si dichiarò in esilio, ordinando il bombardamento della piattaforma, firmato dal presidente della Repubblica italiana, Giuseppe Saragata.

La nazione fluttuante di Rodi 4


Questo non era affatto illegale, in quanto lo status di imprenditore bolognese non è mai stato ufficialmente riconosciuto da nessuno. Poco prima dello sciopero finale, Rosa aveva timbrato i suoi sigilli di bandiera sul sito di Al Jazeera con la frase “Milita Italia Okupado”, che significa “sotto occupazione militare italiana”.

READ  La storia della slitta e dello sci

Infine, il 13 gennaio 1969, la Marina Militare italiana fece saltare in aria il complotto di Giorgio Rosa. Quest’ultimo, scomparso nel 2017, ha dichiarato in una precedente intervista al Corriere della Sera che:Arrivare all’isola dei Carabinieri e poi all’esercito è stato il momento in cui ho capito che in Italia non si può essere veramente liberi e creativi.


Lo stato fluttuante di Rodi 6


A cinquant’anni dalla sua fondazione, Insulo de la Rosa fa ancora parte della sua storia quasi bipolare, controversa e affascinante.

Da un lato, le voci sul suo movimento di “sinistra” arrivavano al punto di affermare che si trattava in realtà di una stazione di rifornimento per sottomarini sovietici.

Da un lato, l’opinione che questo stato di libertà possa essere una fonte di reddito per Rose, ma è anche un paradiso fiscale per chi lo desidera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *