Dallo studio è emerso che il Coronavirus circola in Italia da settembre 2019

La tempistica della pandemia di coronavirus dovrebbe essere riscritta? Il Covid-19 circolava già in Italia nel settembre 2019, cinque mesi prima del conteggio ufficiale del primo caso del Paese, secondo uno studio dell’Istituto nazionale dei tumori italiano, pubblicato l’11 novembre.

Studiando campioni di sangue di 959 partecipanti allo screening del cancro al polmone tra settembre 2019 e marzo 2020, i ricercatori hanno scoperto che l’11,6% di loro aveva sviluppato anticorpi contro il Covid-19 ben prima di febbraio. Il 21 febbraio è stato diagnosticato ufficialmente il primo caso di coronavirus in Italia, nel piccolo comune di Codogno in Lombardia.

Ulteriori ricerche su questi anticorpi sono state condotte dall’Università di Siena ei loro risultati sono stati pubblicati nello stesso studio, pubblicato sulla rivista scientifica. Giornale di oncologia. Sembra che quattro pazienti abbiano sviluppato anticorpi contro il Covid-19 già nella prima settimana di ottobre 2019, il che significa che sono stati infettati a settembre, secondo Giovanni Apollon, coautore dello studio, di Reuters.

Una misteriosa data di inizio

Non è la prima volta che gli studi mettono in dubbio la data ufficiale di comparsa del virus in Italia. Già lo scorso aprile qualcuno ha concluso che i primi casi risalgono a gennaio, o anche prima. A giugno, tracce del virus sono state trovate in campioni di liquami provenienti da Milano e Torino risalenti a dicembre 2019. Un ricercatore italiano aveva riferito, lo scorso marzo, di aver sentito da medici di “casi di polmonite grave. Strani e molto pericolosi” da novembre 2019 .

Secondo questo studio dell’Istituto Nazionale Tumori Italiano, il coronavirus sarebbe comparso in Italia prima del primo caso in Cina, culla dell’epidemia, che risale ufficialmente all’8 dicembre 2019, a Wuhan. Ma anche qui quella storia è in discussione. Documenti segreti del governo cinese sono già stati rivelati Giornale South China Morning A marzo si è riscontrato che le prime infezioni sono state rilevate già dal 17 novembre. Uno studio della Harvard Medical School, basato in particolare sulle immagini satellitari dei parcheggi degli ospedali di Wuhan, suggerisce che il coronavirus potrebbe aver iniziato a diffondersi in Cina dall’agosto 2019.

In Francia, dove le prime infezioni sono state registrate ufficialmente il 24 gennaio, il Colmar Hospital ha sollevato i suoi primi casi sospetti dal 16 novembre, sulla base di una rianalisi degli scanner toracici.

Trova tutte le notizie sul Coronavirus qui

READ  La versione base della KTM Duke 890 è stata rivelata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *