Due astronauti trasportati dalla navicella spaziale Starliner della Boeing sono entrati nella Stazione Spaziale Internazionale

Due astronauti trasportati dalla navicella spaziale Starliner della Boeing sono entrati nella Stazione Spaziale Internazionale

“Che posto meraviglioso, bello essere di nuovo qui!” » L'astronauta della NASA Butch Wilmore non ha nascosto la sua gioia dopo essere entrato nella Stazione Spaziale Internazionale (ISS) giovedì 6 giugno, con il suo collega Sonny Williams. I primi due astronauti trasportati dalla navicella spaziale Starliner della Boeing compiono un passo avanti decisivo in questa missione attesa da anni.

Durante il loro terzo soggiorno a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, sono stati accolti da sette persone: astronauti della NASA e cosmonauti russi. Ma prima di attraccare al laboratorio volante, la capsula ha dovuto superare alcuni problemi tecnici.

Dopo essere decollata dalla Florida il giorno prima, giovedì la nave si è avvicinata lentamente alla Stazione Spaziale Internazionale, che si trova a 400 chilometri sopra la Terra e si muove ad una velocità di circa 28.000 chilometri all'ora. L'attracco è avvenuto alle 19:34, ora di Parigi, circa un'ora e venti minuti dopo rispetto a quanto inizialmente previsto.

Problemi con alcuni motori della nave utilizzati per apportare piccole modifiche alla rotta hanno ritardato l'avvicinamento finale. La NASA ha affermato che cinque di questi piccoli motori, su 28, ad un certo punto si sono guastati. Ma quattro di essi alla fine furono riavviati, fornendo i numeri necessari all'operazione. Questi sono problemi di guida “Non deve preoccupare (…) per le altre fasi della missione”.Lo ha annunciato Steve Stich, alto funzionario della Nasa, in una conferenza stampa.

Il portello della nave è stato aperto circa due ore dopo l'attracco. I due astronauti dovranno trascorrere poco più di una settimana sulla Stazione Spaziale Internazionale, prima di ritornare sulla Terra, a bordo dello Starliner.

READ  I tuoi piedi rivelano il tuo modo di essere, scopri...

Tre perdite di elio

Questa missione rappresenta una grande sfida per il colosso aerospaziale e la NASA. Dieci anni fa, l’agenzia spaziale americana ha ordinato a Boeing e SpaceX due nuovi veicoli per trasportare i suoi astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Se SpaceX svolge questo ruolo di taxi spaziale già da quattro anni, il programma di Boeing è in ritardo di anni. Questa prima missione Starliner con equipaggio mira a dimostrare che il veicolo è sicuro per iniziare le operazioni regolari.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati La capsula Starliner della Boeing è in viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale

Durante il volo però è sorto un altro problema: nella notte tra mercoledì e giovedì la NASA ha annunciato che sulla navicella spaziale erano state scoperte due nuove perdite di elio, oltre a una perdita già nota. Steve Stitch ha annunciato giovedì che è stata identificata un'ulteriore fuga di notizie. Queste quattro fughe di notizie e il problema delle difese “Non correlato affatto”Lui ha spiegato.

Una delle perdite è stata identificata prima del decollo, ma si è poi deciso di non ripararla, perché dopo l'analisi la NASA l'ha classificata come ” piccolo “ Si è ritenuto che non rappresentasse alcun pericolo. L'elio non è un gas infiammabile, ma viene utilizzato nel sistema di propulsione delle navi.

Con l'emergere di altre tre fughe di notizie, “Dobbiamo dare un’occhiata a cosa questo significa per il resto del viaggio.”Steve Stitch ha detto. “Dobbiamo avere un grande margine”. Ha aggiunto in termini di quantità di elio a bordo. Attualmente non viene rilasciato elio nello spazio, poiché il sistema è stato spento dopo l'attracco.

READ  I buchi nelle ruote di Curiosity sono enormi e non potranno che peggiorare

La causa esatta di entrambi i problemi – perdite e carburante – non è stata ancora determinata, ma questi problemi sono stati descritti come “piccolo” Di Mark Nappi, Direttore, Boeing. “Lo risolveremo per la prossima missione.”una promessa.

Guida manuale

La navicella spaziale vuota è già arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale una volta nel 2022, ma questa è la prima volta che trasporta astronauti. Butch Wilmore (61 anni) e Sonny Williams (58 anni) si allenano da diversi anni per questa missione. Poche ore dopo il decollo, hanno pilotato temporaneamente manualmente la navicella per testarne le corrette prestazioni. “La precisione è davvero incredibileLo ha annunciato Butch Wilmore, in una registrazione trasmessa mercoledì dalla Boeing. Ancor più che nella simulazione. »

Guida all'acquisto di Le Monde

Aspirapolveri robot

I migliori robot aspirapolvere

sta leggendo

“Le prime sei ore sono state assolutamente fantastiche e hanno superato le nostre aspettativeHa aggiunto. E' semplicemente una nave fantastica. »

Il programma di sviluppo dello Starliner è stato rovinato da molteplici delusioni che hanno portato a successivi rinvii. Boeing ha così superato SpaceX, che già dal 2020 trasporta gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Ma la NASA vuole avere un secondo mezzo di trasporto per poter affrontare meglio eventuali problemi in una delle capsule o in caso di emergenza situazione.

“Quando lo Starliner sarà certificato, gli Stati Uniti disporranno di due sistemi per il trasporto di esseri umani sulla Stazione Spaziale Internazionale che nessun altro paese possiede”.Ricorda Jim Frey, amministratore associato della NASA.

Leggi la colonna | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Starliner: “Per Boeing continua la striscia nera”

READ  Anche dopo 60 milioni di stelle, c'è ancora un segno di vita extraterrestre Scienza e pianeta

Il mondo con l'Agence France-Presse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *