La navicella spaziale, il razzo gigante di Elon Musk, completa con successo il suo quarto volo di prova

La navicella spaziale, il razzo gigante di Elon Musk, completa con successo il suo quarto volo di prova

La navicella spaziale, il razzo più potente di sempre, che dovrebbe riportare gli americani sulla Luna e che Elon Musk spera di vedere un giorno partire per Marte, ha adempiuto pienamente al suo contratto, giovedì 6 giugno, durante il suo quarto volo dall'articolo. La macchina SpaceX è decollata – vuota – dalla sua “base stellare” vicino al villaggio di Boca Chica (Texas). La maggior parte delle operazioni previste sono state effettuate, mentre il precedente volo di prova era stato caratterizzato dalla disintegrazione del missile durante il rientro in atmosfera. Dopo poco più di un'ora di suspense, il presidente di SpaceX è stato schiaffeggiato duramente dai responsabili del centro di controllo, mentre proseguiva il volo accompagnato da uno dei suoi figli.

Trentadue dei 33 motori del primo stadio Super Heavy hanno sparato all'unisono alle 14:50 (ora di Parigi) per spingere verso il cielo il razzo lungo 121 metri e pesante 5.000 tonnellate. Progettato per essere riutilizzabile, il palco è stato poi staccato per cadere verso il Golfo del Messico, rallentando all'ultimo momento in un finto atterraggio: il ritorno al punto di partenza, dove una torre dotata di bracci meccanici potrebbe accoglierlo, non è ancora previsto. pianificato. In questa fase dello sviluppo della macchina.

Nel corso del test precedente si era perso il contatto con esso mentre si trovava ancora a più di 400 metri sul livello del mare. Le immagini dal vivo questa volta lo hanno mostrato mentre si depositava temporaneamente sopra le onde, suscitando grida di eccitazione da parte dei team di SpaceX. Anche il Super Heavy ha espulso con successo l'interfaccia con lo stadio superiore, diventando più leggero durante questa discesa.

READ  Cosa hai visto per primo, scegli e scopri cosa nasconde la tua personalità

Progettato per essere completamente rimborsabile

Intanto la parte superiore del razzo, che per comodità venne chiamata Starship, continuava il suo viaggio, sospinta dai suoi sei motori, fino a un'altitudine di oltre 200 chilometri, raggiungendo una velocità superiore a 26mila chilometri orari, cioè inferiore a quella velocità del satellite (28.440 chilometri orari). H). L'ambizione, dopo una breve crociera spaziale, era quella di rientrare con successo nell'atmosfera, fallito nel tentativo precedente, il 14 marzo.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Al suo terzo volo, la navicella si disintegra al rientro nell'atmosfera

Dopo alcune manovre di virata, la navicella ha rallentato la velocità offrendo la protezione termica laterale coperta alle molecole dell'alta atmosfera e controllando il suo assetto mediante quattro piccole alette indipendenti. Il gas, riscaldato per attrito, è apparso sotto gli occhi delle telecamere a bordo dell'aereo sotto forma di un alone ionizzato di colore arancione, da un'altitudine di circa cento chilometri. Ad un'altitudine di 53 km, frammenti della pinna incandescente iniziarono a crollare e i detriti danneggiarono la telecamera che permetteva di seguire il volo. Tuttavia, i dati telemetrici hanno continuato ad essere trasmessi fino alla fine.

Ti resta il 52,16% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *