Dramma italiano nel diciassettesimo secolo: meccanismi ed effetti speciali

http://italian-renaissance-theatre.weebly.com/italian-renaissance-scenic-design.html

a Dramma italiano Il paradigma neoclassico ha dominato il diciassettesimo secolo, che ha sostenuto la conservazione delle tre unità (tempo, luogo e lavoro), realismo, virgole e opera. Come in ogni stagione, ci sono stati cambiamenti simili nel palcoscenico. I meccanismi e gli effetti speciali sono stati davvero impressionanti.

Il Ingegneri Questa stagione Ha reso le pratiche medievali più elaborate. Apparentemente hanno creato trasformazioni magiche, hanno creato dei, mostri e creature che sono apparse in mareE il Nell’aria, in paradiso e all’inferno. Si sono rivolti a soggetti classici. La meccanica è stata presa dalla lista di Polydefkis e basata sul termine aristotelico “volto”, che è una delle sei parti principali del dramma. In l’opera E il I mediatori.

https://www.learning-italy.it/italian-opera/

Gran parte dello scenario era basato su meccanismi di volo. Gli dei, come altri personaggi mitici, aleggiavano sul palco in carri, Nuvole o aspetto di animali. Da uno a cinquanta figure possono essere presentate in un paradiso di nuvole illuminate.

Per ottenere gli effetti, hanno realizzato forme ben formate come carri e cavalli, quindi le hanno dipinte su legno e tela. Alcune strutture sono supportate in modo che possano essere arrotolate. Le sovrapposizioni sono state inventate per spostare le cose su e giù. Altre influenze sono costruite sulle aperture sul pavimento del palco.

Spazio funzionale sotto Lo scenario era limitato, ma gli effetti erano fantastici. Per creare l’aspetto di un fantasma che emerge dal terreno, hanno disegnato una figura su tela, l’hanno sostenuta su una chiglia e sollevata attraverso un buco nel terreno. Anche il fuoco e il fumo erano molto comuni. C’era un meccanismo con delle fiamme che sembravano uscire da terra e incendiare davanti e dietro gli attori, in modo che le fiamme sembrassero danzare.

Per saperne di più

David Morse

Sono stati inventati anche diversi simulatori di onde per scene di mare. In uno di essi, hanno agitato un grande pezzo di stoffa rivestita, simmetricamente su e giù, con le corde che lo attraversavano. In un altro, una serie di sculture bidimensionali si muoveva sotto forma di onde, viste frontalmente, in modo che quando una serie di onde si alzava, l’altra scendeva per imitare il movimento del mare. Nel terzo set, una serie di lunghi cilindri a spirale ruotavano uno dopo l’altro per creare una sensazione di rigonfiamento e onde cadenti.

https://bachtrack.com/baroque-opera-theatres-gallery

Sono stati utilizzati diversi meccanismi per imitare i cambiamenti dalla calma alla tempesta, dall’oscurità alla luce e varie altre condizioni in mare. In una pausa disegnata da Boudalendi a Firenze Nel 1589, mostrò un’anfitrite che si muoveva in onde su una conchiglia accompagnata da delfini e tritoni. Poi apparve una nave di venti uomini nello stesso momento in cui un marinaio cantava nella torre di guardia sull’albero maestro e un delfino danzava tra le onde.

Infine, il sipario può essere considerato un effetto speciale poiché lo hanno usato per mascherare le meraviglie del palcoscenico e aggiungere alla sorpresa con la loro improvvisa ispirazione. Viene adottata la tenda che può essere arrotolata o divisa in due parti.

Bibliografia: Brocket, Hildy Theatre History Volume A, pubblicato da KOAN, 2013

READ  Jodi Comer è la moglie di Napoleone Bonaparte di Ridley Scott

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *