dall’Italia a Nizza, il gruppo affronterà il Tourmalet e il Col du Galibier

dall’Italia a Nizza, il gruppo affronterà il Tourmalet e il Col du Galibier

Quale sarà il menù del prossimo anno? Se lo chiedevano tutti i campioni del ciclismo, riuniti come di consueto al Palais des Congrès di Parigi, mercoledì 25 ottobre, per l’evento di fine stagione: la presentazione, in pompa magna, del percorso della 111e edizione del Tour de France. Vincitore, il giorno prima, del Vélo d’or – premio assegnato dalla rivista al miglior ciclista dell’anno Rivista di biciclette – Jonas Vingegaard era presente in sala, per scoprire dove avrebbe difeso i suoi titoli, acquisiti nel 2022 e 2023.

Leggi anche: Quattro tappe fuori dalla Francia e una finale sulle Alpi nel programma del Tour de France Femmes 2024

Prima che Christian Prudhomme, direttore dell’evento, sollevasse il velo sul menu completo di questa annata 2024, il danese aveva già sentito parlare dell’antipasto e del dessert. La gara inizierà prima del solito, il 29 giugno – colpa di un calendario bloccato dai Giochi Olimpici di Parigi (26 luglio-11 agosto) – e terminerà il 21 luglio.

Altra conseguenza diretta della presenza dell’evento quadriennale nel calendario estivo: la Grande Boucle si concluderà per la prima volta nella sua storia lontano dalla regione parigina e dagli Champs-Elysées. Dirigendosi quest’anno verso sud-est e più precisamente a Nizza, dove i big della classifica generale avranno un’ultima occasione per fare la differenza nel corso di una cronometro di 34 km con partenza da Monaco, passando per La Turbie (8,1 km al 5,6%) e il Col d’Eze (1,6 km al 8,1%). Un percorso difficile, che potrebbe convincere il belga Remco Evenepoel, grande specialista delle imprese in solitaria e vincitore della Vuelta nel 2022, a debuttare nella manifestazione.

Prima dello scontro finale lungo la Costa Azzurra, il Tour partirà tre settimane prima dall’estero, come nelle due edizioni precedenti e per la 26e volte nella sua storia. Danimarca e Spagna sono seguite questa volta dall’Italia, l’occasione per porre fine a un’incongruenza: il gruppo non era mai partito da La Botte, terra rinomata per il ciclismo e che ogni anno ospita gare prestigiose, tra cui il Giro, una dei tre grandi Tour in calendario.

READ  L'Italia generalizza il pass sanitario di fronte alla diffusione del COVID
Leggi anche: Articolo riservato ai nostri abbonati L’ultima corsa di Thibaut Pinot, il corridore amato anche quando non vinceva

Nel paese, i corridori si sfideranno in tre fasi. E già il primo dovrebbe permetterci di farci un’idea abbastanza precisa delle forze presenti. Lunga 206 km, collegherà Firenze a Rimini – dove morì Marco Pantani, maglia gialla 1998 –, passando per sette difficoltà elencate, per un totale da capogiro di 3.600 metri di dislivello positivo. Antipasto appena digerito, il gruppo partirà il giorno successivo per un percorso di 200 km tra Cesenatico e Bologna. Una seconda giornata che passerà sulle alture di Imola, dove il francese Julian Alaphilippe ha conquistato il suo primo titolo di campione del mondo, nel 2020.

Il Col du Galibier dalla quarta tappa

Il giorno dopo, la terza tappa tra Plaisance e Torino sembra promessa ai velocisti, dopo 229 km di fatica. Una prima occasione per il britannico Mark Cavendish – presente anche mercoledì al Palais des Congrès e calorosamente applaudito al suo ingresso – di raggiungere questo famoso 35°e bouquet sull’evento, che lo renderebbe l’unico detentore del record di tappe vinte. Attualmente condivide il primo posto nella categoria con la leggenda belga Eddy Merckx.

Il Tour de France annata 2024 non offre lo stesso sollievo del suo predecessore, segnato dal passaggio attraverso le cinque catene montuose della Francia. Ma promette qualcosa di carino battaglie tra Jonas Vingegaard e il suo rivale, lo sloveno Tadej Pogacar, così come tutti coloro che vorranno – e soprattutto potranno – unirsi alla lotta per la maglia gialla. Dal quarto giorno i corridori si dirigeranno verso le Alpi per una tappa che passerà dal Col du Galibier (2.642 m sul livello del mare). “Il Tour non è mai salito così in alto, così velocemente”ha insistito Christian Prudhomme.

READ  "È sempre triste quando arrivi alla fine"

Il gruppo si dirigerà poi verso il Nord della Francia fino a raggiungere Troyes, la cui nona tappa farà il giro della città. Prima di raggiungere l’Aube, i corridori avranno trascorso tre giorni in Côte-d’Or, occasione per disputare una prima cronometro individuale tra Nuits-Saint-Georges e Gevrey-Chambertin (25 km).

Sarà poi il momento di scendere verso i Pirenei, ma il percorso non sarà una serie di tappe transitorie. Una menzione speciale per l’undicesima (211 km), tra Evaux-les-Bains, nella Creuse, fino alla piccola stazione sciistica di Lioran nei monti del Cantal. “È una tappa pazzesca: i primi 150 chilometri sono tortuosi, si sale, si scende, è faticoso. E poi boom: una serie di muri”ha dichiarato entusiasta il direttore della corsa all’Agence France-Presse, prima della presentazione.

Notiziario

“Parigi 2024”

“Le Monde” decifra le novità e le sfide dei Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024.

Registrati

Il direttore dell’evento e gli spettatori potranno assistere ad uno spettacolo emozionante a fine giornata, poiché negli ultimi 50 chilometri saranno in programma quattro salite: il Cols de Néronne (3,8 km al 9,1%), il Pas de Peyrol (5,4 km al 8,1%), du Perthus (4,4 km al 7,9%) e Font de Cère (3,3 km al 5,8%). Nove mesi prima della gara, Christian Prudhomme sta già immaginando lo scenario: “Se quel giorno Evenepoel e Pogacar unissero le forze… Su queste strade tortuose non si vede nulla e sarà molto difficile controllarle. »

Due passaggi attraverso le Alpi

Divenuta passaggio obbligato o quasi, la città di Pau darà il via ai Pirenei in occasione di una 14e Tappa (152 km) che termina a Saint-Lary-Soulan Pla d’Adet e passa per il mitico Col du Tourmalet (Alti Pirenei). Una vetta, prima di arrivare il giorno successivo all’altopiano della Beille (198 km), dove il francese Thomas Voeckler difese coraggiosamente la sua maglia gialla nel 2011.

READ  una top 10 per Fouillet e H

Finiti i Pirenei, i corridori non avranno ancora finito con la montagna poiché attraverseranno nuovamente le Hautes-Alpes prima dell’epilogo. Vingegaard, Pogacar e gli altri dovranno mantenere le forze per il 19e tappa (145 km), tra Embrun e Isola 2.000, con un totale di 4.600 m di dislivello positivo da digerire in giornata e un arrivo a oltre 2.000 m di quota.

Privati ​​quest’anno del prestigioso traguardo sugli Champs-Elysées, i velocisti avranno ancora altre occasioni per mettersi in luce nelle tre settimane di gara. Ad esempio, potranno brillare durante l’8e tappa tra Semur-en-Auxois e Colombey-les-Deux-Eglises (176 km) o durante la 13e giornata di corsa da Agen a Pau (171 km).

Leggi anche: Il ciclista britannico Mark Cavendish rinvia il ritiro

Questi campi da gioco saranno l’occasione per assegnare la maglia verde della classifica a punti, che giorno dopo giorno potrebbe perdere contro le contendenti. L’inizio dei Giochi Olimpici, a soli cinque giorni dalla fine della Grande Boucle, potrebbe spingere alcuni corridori ad abbreviare la loro presenza sulle strade del Tour per affinare la propria preparazione. Nel 2021, l’olandese Mathieu van der Poel, ad esempio, ha deciso di rinunciare dopo sole otto tappe per concentrarsi sull’evento di mountain bike dei Giochi di Tokyo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *