Claudio Cabio: “Adoro il divertimento del bretone!” Culture



Un milione di album per quattro anni, perché è un numero incredibile?

Il mercato della musica sta diventando molto complesso e sempre più difficile. I musicisti vivono in tour. Per me, il successo è stato forte sin dall’inizio, è decollato rapidamente con la canzone “Un Homme Upright”. Un milione enorme, ci vogliono tonnellate di dischi da vendere! Siamo felici, è pazzesco, è così raro. Oggi, 50.000 è un record per l’oro, mentre prima era 100.000 per ottenerlo.

Ho letto che eri il cantante più ascoltato alla radio dopo Ed Sheeran e Julian Doré?

Esatto, era così, ma è diminuito. La mania è svanita un po ‘, ma sto principalmente giocando per divertimento e divertimento!

Non solo sei stato un cantante ma anche un falegname per sei anni?

Hai fatto 1.000 scambi! Sono stato anche un decoratore, ho lavorato per un anno e mezzo sui metalli e ho lavorato alla catena di montaggio in una fabbrica di tubi di cartone, a casa mia, a Sirnai (in Alsazia, ndr), dove ho lavorato anche come mio padre. Ho iniziato a lavorare quando avevo 16 anni, senza finire il mio diploma di maturità professionale. Mio padre mi ha detto: “Se interrompi la scuola, stai lavorando”. Oltre al mio lavoro, ho pagato piccole tasse cantando a East, Dijon, Colmar, Mulhouse. Mi piace molto l’artigianato, che è quello che preferisco, e lo faccio anche quando sono a casa.

“Sono un po ‘fortunato, ma ho anche le bollette da pagare. È complicato per tutti. Ora è il momento del peggio dell’economia”.

Il passaggio a The Voice dovrebbe essere una grande esperienza?

Questo è sicuro. Non volevo farlo, non volevo, non era il mio genere essere in TV, volevo solo fare musica. Claudio Kibo era inizialmente un gruppo a corto di energia. I musicisti mi hanno detto: “Prova, non abbiamo niente da perdere!” E sono andato lì Ho fatto solo due spettacoli ma uno dei produttori si è offerto di stabilire un record.

READ  Sono iniziati i lavori su quattro edifici

Come sta andando la reclusione per te?

Finanziariamente e mentalmente, questo è difficile. Con lati positivi: conosci la tua famiglia, i tuoi figli, tua moglie, il tuo orto, un barbecue … prima ero per strada tutto il tempo, era tutto con una fionda. In Alsazia, abbiamo perso persone a causa della malattia, pensavamo davvero di essere in guerra, era strano, l’esercito è nelle strade … è strano. Ci siamo avvicinati ai nostri vicini, molto uniti. Gli esseri umani sono in grado di evolversi. Sono un po ‘fortunato, ma devo anche pagare le bollette. È complicato per tutti. Ora è il momento per il peggio dell’economia.

Ti ha ispirato le canzoni?

All’inizio non volevo scrivere, tendo davvero a scrivere cose difficili! Alla fine, è entrata in una canzone dell’album. Ho molte melodie nella parte posteriore della mia testa, ma ora non è il momento di scrivere canzoni sul dolore e la malattia. Non ho cuore per questo. Voglio stare con la mia famiglia, in Alsazia, giocare con i miei bambini e le loro macchinine e fare una passeggiata nei boschi.

(Foto di Diego de Guardo)

E album!

Ci lavoriamo da molto tempo. Due mesi dopo la mia prima prenotazione, ho noleggiato un camion per andare in Italia, con mia moglie ei miei figli, fino alle mie radici, è stato bello. Dovevo ricordare la cultura, gli odori e la lingua. Sono stati momenti potenti. Poi siamo tornati in anagrafe vicino a Firenze, con il cantante David Esposito in particolare, abbiamo parlato italiano, abbiamo cantato italiano e volevamo esserci al 10.000%. Questo album l’ho fatto per dire grazie a mio padre e alla mia famiglia italiana. È una piccola bolla di felicità. Un vero ritorno alle radici.

READ  Coronius: Cosa succede al lavoro scolastico nel mondo durante una pandemia

Alle tue radici italiane?

Sì, entrambi i miei genitori sono immigrati italiani, sono sempre cresciuto con questa cultura e questi profumi, e loro parlavano italiano a casa, e tutte queste canzoni sono quelle che avevamo in macchina mentre andavamo in Italia, dove vedevamo tutti ogni anno. Mio padre è di Bonfruit, un piccolo paese del Molise. Mia mamma è di Avola in Sicilia.

Ho suonato jazz africano, metal e fisarmonica … un enorme divario tra tutti gli stili!

Sì, perché mi ha fatto saltare in aria, per il divertimento della musica. Ascolto di tutto, amo la musica, il valzer, anche “Étoile des Neiges”! Canto musica di buon carattere, in modo onesto, esprimendo cose reali.

Les Enfoirés, è una grande avventura?

È incredibile, sì, vediamo amici e volontari. Anche se preferiamo non farlo. Ma stiamo lavorando da matti, perché le persone hanno bisogno di noi. Lo devo. Mi trovo bene con i miei anziani, Jean-Louis Aubert, Zazie, Thomas Doutronic … è un po ‘come la mia banda. Anche Salomone. Atmosfera molto familiare, molto vicina.

“Sentiamo che la gente vuole uscire e vedere il mondo e l’unione. Se tutti stanno attenti andrà bene e ce ne andremo tutti più uniti”.

Annuncia il tuo ritorno allo Zenith a gennaio. È credibile con l’epidemia?

Ci diciamo che le cose stanno migliorando, che il vaccino sta arrivando, ma che potremmo rimandare di nuovo. Forse a febbraio? Il tour si svolgerà in piccoli teatri e piccole stanze. Ma sentiamo anche che le persone vogliono uscire e vedere il mondo e l’unione. Se tutti stessero attenti, andrebbe bene e saremmo tutti più uniti, con più valori. Sapevamo anche che dovevamo smettere di correre. Spero solo che quando tutto tornerà alla normalità, manterremo ciò che abbiamo imparato da questo periodo.

READ  Nuove misure restrittive in Italia

Lo abbiamo fotografato a Penmarch (29) e nella penisola di Crozon. Amo la Bretagna, amo la Bretagna, amo andarci, c’è sempre molta vita, molto divertimento. Poi ho avuto un nonno pescatore e ho ricordi d’infanzia in cui andavamo a pescare sulla sua barca, eravamo felici, stavamo bene!

Come va il Natale?

Con i nostri genitori, ma non con tutti come facciamo di solito, a chiacchierare e ballare fino a tardi. Ma forse con più pasti? Con le maschere? Dobbiamo stare attenti, ma è ancora Natale.

E “I Think of You”, chez Jo & Co Avec le single, “Without a Woman”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *