Attica occidentale: i protocolli sanitari e assicurativi sul posto di lavoro “non si applicano”

Nei primi giorni del secondo blocco, vedendo macchine per le strade, molte persone hanno chiesto: “Dove vanno così tante persone?” La risposta è semplice come la domanda: “Al lavoro”.

La produzione funziona normalmente

In effetti, come lo chiamiamo Chiusura completa In pratica, ciò significa che ad eccezione della ristorazione e dell’intrattenimento oltre che di una parte dei negozi, il resto della filiera economica e produttiva opera normalmente. Infatti, nel secondo blocco, la percentuale di lavoro a distanza è molto più bassa, il che significa che il lavoro viene svolto nel loro spazio fisico.

Quasi tutti i dipendenti vanno a lavorare normalmente, fanno la spesa per beni molto necessari e vanno a chiudere le loro case. La mobilità limitata è fondamentalmente la mobilità associata a varie forme di svago e relax umano, come camminare.

Questo fornisce una spiegazione del perché nel secondo blocco che ha completato le sei settimane complete, la seconda ondata di epidemia si è rivelata molto mortale per la Grecia, che ha un bilancio delle vittime di 3.418 persone, mentre il numero totale è stato dall’inizio dell’epidemia. 4.044 morti.

8 morti su 10 per coronavirus nel mezzo … chiudi

In poche parole, l’84,5% dei decessi per Coronavirus si è verificato nel mezzo del blocco con il coprifuoco nel pomeriggio e nella notte, con ristoranti, intrattenimento e alcuni negozi chiusi, mentre il restante 15,5% dei decessi è avvenuto in 8 mesi e un semestre senza restrizioni. Il divieto è severo, anche se è necessario tenere conto delle diverse condizioni meteorologiche. Tuttavia, i dati sono enormi e la tendenza principale non può cambiare con il mutare delle stagioni.

I luoghi di lavoro occupati vivono e prevalgono. Il problema è che questa visione che si concentra sul posto di lavoro è assente dal discorso pubblico prevalente, ma anche dall’approccio delle autorità competenti, e l’attenzione non è concentrata lì. Anche i dati ufficiali pubblicati da EODY e dalle autorità competenti non sono utili per la registrazione statistica del problema e il corrispondente approccio per quanto riguarda l’adozione delle misure sanitarie pertinenti.

Luoghi di lavoro occupati

Anche i test che vengono eseguiti con piccole eccezioni in un numero limitato di aziende non vengono condotti secondo la direttiva sul posto di lavoro, in particolare le grandi aziende, ma secondo standard puramente regionali. Ad esempio, EODY può condurre test campione nei quartieri nel centro di Atene o in regioni e province specifiche in cui il virus si sta diffondendo, ma spesso ci sono iniziative simili per grandi unità industriali o aree con grandi mercati commerciali per le materie prime. Ancora lavorando.

READ  L'Europa lancia la sua campagna di vaccinazione

Nel periodo precedente ci sono state numerose denunce da parte della Federazione del personale commerciale di Atene a causa di vari protocolli “gommosi” da supermercato a supermercato dove i casi erano decine o centinaia sulla base di reclami esistenti. Spesso non c’erano istruzioni chiare da parte di EODY su quando sarebbe entrata in vigore la quarantena preventiva dei dipendenti, che è considerato in contatto con un caso sospetto, ecc.

In Grecia l’epidemia doveva colpire il colore rosso per eccellenza Una regione industriale come l’Attica occidentale Centinaia di migliaia di lavoratori si riuniscono in grandi fabbriche e altri stabilimenti per definire il problema nella sua reale portata.

Denunce, contestazioni

Da notare che la regione che è diventata il punto di riferimento mondiale per la prima ondata di pandemia è stata soprattutto il nord Italia Area prevalentemente industriale in Lombardia (Brescia e Bergamo), che rappresentano un quarto dei casi di Coronavirus in Italia e un terzo dei decessi da Coronavirus nel Paese confinante.

In effetti, recentemente ci sono state numerose denunce da parte di sindacati e sindacalisti nell’Attica occidentale a causa della mancanza di misure sanitarie, abusi dei datori di lavoro e violazione dei protocolli sanitari, misure come la quarantena dopo aver contattato il caso per timore di licenziamento. Mentre ci sono anche reclami sull’esistenza di dipendenti, durante il loro licenziamento, obbligati dai datori di lavoro a lavorare normalmente per recarsi in azienda, in quanto i reclami corrispondenti vengono presentati attraverso i sindacati e nel caso di lavoro a distanza.

Inoltre, abbiamo raggiunto livelli ridicoli in cui il Ministero del lavoro, secondo una denuncia dell’Unione degli ispettori tecnici e sanitari, era tenuto a imporre multe non ai datori di lavoro ma ai dipendenti perché erano nel normale posto di lavoro mentre si registravano per lavorare a distanza.

Naturalmente, questo non riguarda solo l’Attica occidentale, ma l’intero paese. Inoltre, in Macedonia e soprattutto a Salonicco, quanto di volta in volta è stato segnalato per l’assenza di meccanismi di controllo come l’ispettorato del lavoro e la mancanza di coordinamento tra le autorità competenti per condurre i controlli nella zona industriale di Sindus non dovrebbe essere separato dal quadro epidemiologico.

Ping pong

In un certo senso, tutto quanto sopra è stato magnificamente descritto da Van Papaevangelo al briefing ufficiale del Ministero della Salute all’inizio di dicembre quando ha parlato di “il ping-pong costante tra il posto di lavoro e la dispersione della famiglia” nel tentativo di spiegare i molti casi tra di loro. Il blocco è stato completato e definisce ulteriormente questa dimensione di il problema:

READ  Trieste sulla Nuova Via della Seta

Cioè quando una zona si calma, una serie di casi scoppia in un ambiente di lavoro, in una struttura chiusa, che funge da fonte di trasmissione del contagio e provoca la dispersione delle case di tutte queste persone, nelle loro famiglie.

Inoltre, la professoressa di epidemiologia, Athena Leno, che ha parlato specificamente di West Attica, si è concentrata sulla dimensione di classe del problema, sottolineando che “in West Attica, abbiamo molti residenti che vivono in piccoli appartamenti con un po ‘di affollamento”. Abbiamo molti dipendenti che lo sono. Il loro tipo di lavoro non consente di lavorare da remoto e sono affollati sul posto di lavoro, e potremmo avere gruppi di persone che usano molto MMM, cioè le persone non hanno la capacità di implementare le procedure. ”

Non ci sono controlli nelle fabbriche e nelle industrie

Da segnalare che alcuni mesi fa per le aziende sono stati forniti alcuni spunti dal Vice Ministro della Protezione Civile Nikos Hardelias, in occasione dello scoppio dei casi nel centro di Atene, mentre l’attuale La “distribuzione professionale” dei casi nell’Attica occidentale A cui fa riferimento il Sig. Hardelias, secondo cui più della metà dei casi sono dipendenti e operai del settore privato.

Nello specifico, il 24,31% dei casi nell’Attica occidentale sono dipendenti privati ​​e il 29,22% sono lavoratori associati al carico, scarico o coltivazione di terreni, costruttori, venditori ambulanti, collezionisti riciclabili, meccanici auto autonomi e concessionari di automobili.

In realtà, non è un incidente Syriza E il Alexis Tsipras ma anche KKE Sono ferocemente critici nei confronti del governo, specialmente per l’Attica occidentale, per essersi nascosto dietro il blocco in un momento in cui non ci sono controlli di conformità in atto nelle grandi unità industriali e fabbriche nella regione e nelle aziende di tutto il paese.

Anche i reclami presentati alla MEGA Camera rivelano che oggi circa 250 dipendenti in un cantiere edile ad Aspropyrgos vengono sottoposti a un test rapido da EODY e poiché i dipendenti del cantiere si lamentano, le procedure sono inesistenti. Non c’è il termometro all’ingresso e gli autobus che li portano al lavoro, il numero che entra è un numero più.

Ricerca dell’Istituto di salute e sicurezza sul lavoro

La drammatica situazione di cui sopra con la totale assenza di controlli per l’osservanza dei protocolli sanitari negli edifici è stata registrata nelle indagini statistiche del periodo precedente in cui erano registrate le responsabilità del datore di lavoro.

READ  "La vaccinazione dei gruppi vulnerabili sarà completata nelle prossime settimane".

Secondo un sondaggio (questionario elettronico su 1288 persone) Istituto greco per la salute e la sicurezza sul lavoro (ELINYAE), Avvenuto a livello nazionale prima del secondo blocco (8 settembre – 13 ottobre), ha portato al miglior caso di conformità incompleta ai protocolli di salute sul lavoro.

Misure incomplete anche di base

Le misure di protezione di base, come un’adeguata ventilazione e la pulizia regolare dei luoghi di lavoro, il posizionamento delle istruzioni in luoghi importanti e la fornitura di dispositivi di protezione individuale, non vengono generalmente applicate sul posto di lavoro, poiché circa 3 partecipanti su 10 non hanno risposto di essere stati presi sul posto di lavoro.

Meno del 50% ha risposto che i luoghi di lavoro erano stati disinfettati, la distanza tra i luoghi di lavoro era stata aumentata o che i sistemi di ventilazione e aria condizionata venivano mantenuti regolarmente.

Solo da 2 a 3 intervistati su 10 hanno risposto che misure come la regolare termometria dei dipendenti, test del coronavirus, evitare l’uso di condizionatori d’aria che riciclano l’aria, fornire strumenti di lavoro e attrezzature separati per ogni dipendente, ecc.

Rischi professionali

La responsabilità del datore di lavoro per la completa assenza di misure per proteggere la salute e la sicurezza dei dipendenti si riflette in una serie di risultati di ricerca:

Meno del 40% ha risposto che la valutazione del rischio professionale è stata aggiornata. Meno del 40% ha anche risposto che i dipendenti hanno ricevuto istruzioni da un tecnico della sicurezza o che i dipendenti sono stati addestrati all’uso dei dispositivi di protezione individuale. Poco più della metà degli intervistati che lavorano in attività con più di 50 dipendenti (dove c’è l’obbligo di lavorare come professionista medico) ha risposto di aver ricevuto istruzioni da un medico del lavoro.

Soprattutto per quanto riguarda i gruppi vulnerabili di lavoratori che richiedono cure speciali, meno della metà ha risposto che erano state adottate misure di protezione speciali per questi gruppi. Nello specifico, nei luoghi in cui l’attività richiede il contatto con il pubblico, solo il 25,2% ha risposto positivamente alla domanda se esista una sponsorizzazione per assumere gruppi vulnerabili in lavori che non avranno contatto diretto con il pubblico (back office).

Segui lei Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità
Guarda le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *