L’Italia e la Turchia hanno iniziato la loro attività in Nagorno-Karabakh

Mentre il primo ministro armeno Pashinyan è sottoposto a forti pressioni per arrendersi il 9 novembre, poiché l’Azerbaigian ha ottenuto importanti guadagni territoriali, gli azeri stipulano accordi con compagnie straniere nelle aree che dicono di aver liberato. Il 18 dicembre è stato firmato un memorandum di cooperazione tra la società italiana Ansaldo Energia e Azerenerji OJSC sulle relative infrastrutture.

Gli italiani parteciperanno alla costruzione di centrali elettriche nelle zone perdute dell’Artsakh, sotto la supervisione delle forze armate azere. L’accordo è stato siglato dopo un incontro telefonico tra il presidente di Ansaldo Marino Giuseppe, l’ambasciatore italiano a Baku, Augusto Massari, e il presidente dell’Azerbaijan, Baba Rife. L’azienda italiana fornirà agli azeri le attrezzature per quattro centrali elettriche da 110 kilowatt ad Agdam, Fizuli, Kalbazar e Kobandli, aree precedentemente detenute dalla Repubblica Autonoma dell’Artsakh.

Come ha affermato lo stesso Rayev, “L’accordo tra le due società contribuirà a relazioni non petrolifere tra i due paesi al di fuori della sfera commerciale, politica ed economica”.. Inoltre, gli italiani parteciperanno con la Turchia a progetti infrastrutturali simili in altre regioni, come la provincia di Zinjilan. Questi includono fabbriche, sottostazioni, linee elettriche e altri progetti che sono stati distrutti durante il recente conflitto.

Da segnalare che Ansaldo Energia è una società che opera da tempo in Azerbaijan ed è partecipata al 40% dalla cinese Shanghai Electric e al 59,9% dal fondo di investimento CDP, a sua volta di proprietà, in maggioranza, dello Stato italiano. Lo scorso febbraio, Baku ha firmato Memoranda of Understanding (MoU) in merito a un contratto decennale per la gestione dell’impianto e alla costruzione di un nuovo impianto (l’impianto da 1.000 megawatt di Yashma).

READ  Sviluppo sostenibile: il ruolo sociale dell'azienda - SmartGreen Post | Informazione green in Italia

E la conquista dell’Azerbaigian è economica

Da diverse settimane sono previsti progetti infrastrutturali su larga scala e relativi programmi di finanziamento. Infatti, ad esempio:

  • Il ministero dell’Energia azero sta preparando uno studio sulle possibilità di sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili nelle aree “liberate”. L’energia eolica nelle sole montagne è stimata in più di 500 megawatt, mentre la capacità massima in otto regioni supera i 4000 megawatt di fotovoltaico.
  • La State Highway Operation Corporation of Azerbaijan ha annunciato l’accelerazione della costruzione di una nuova rete stradale dalla provincia del Tartar a Madagiz / Sigovusan, che è ora sotto il controllo dell’Azerbaijan.
  • Annunciata la ricostruzione della rete ferroviaria che collega Barda e Agdam.

L’accordo con gli italiani e la cooperazione con i turchi sono solo una parte degli sforzi degli azeri per assicurarsi la loro presenza nei territori sequestrati con la resa del 9 novembre. Il personale finanziario di Baku sta pianificando interventi finanziari per rilanciare l’attività economica in queste aree.

Certo, la Turchia non poteva mancare tra queste “società”. Nella seconda settimana di dicembre, sono stati firmati contratti con società turche, secondo lo stesso presidente azero Ilham Aliyev. Inoltre, le banche centrali di Azerbaigian e Turchia hanno firmato nuovi accordi di cooperazione su questioni che vanno dallo scambio di informazioni e servizi di consulenza al finanziamento e al prestito.

Con l’obiettivo di “ricostruzione”

Tutti i progetti che vengono avviati e che verranno lanciati fanno parte della ricostruzione delle terre del Nagorno-Karabakh perse dagli armeni, con risarcimento, ovviamente, alle compagnie che parteciperanno. Sebbene il governo azerbaigiano non abbia ancora fissato un importo specifico per gli investimenti pubblici, gli economisti stimano che per ricostruire l’infrastruttura siano necessari più di 15 miliardi di dollari.

READ  13 auto di lusso sono state sequestrate per evasione fiscale

Anche i negoziati sono cambiati a favore degli azeri, poiché ora controllano gran parte delle risorse naturali del Nagorno-Karabakh, in particolare le risorse idriche di fondamentale importanza per i progetti idroelettrici. Il quadro comprende anche le società minerarie nei territori occupati. In effetti, è già stato formato un consorzio Azergold di proprietà statale con una società straniera per estrarre oro in quattro regioni. Nel frattempo, la Banca Basha ha aperto una filiale a Sochi (Sousse in Azerbaigian) per finanziare le partnership in corso. Va notato che la banca appartiene alla moglie del presidente Aliyev.

Infine, gli azeri mirano a completare la loro vittoria sugli armeni penetrando nel livello della cultura e del turismo. La musica e altri eventi sono già iniziati nel 2021, mentre le organizzazioni turistiche azere sono in trattative per preparare pacchetti turistici nelle aree controllate da Artsakh. Quest’ultimo passaggio conclude la “proprietà nazionale” che l’Azerbaijan vuole sottolineare agli occhi della comunità internazionale.

  • Le opinioni espresse nel testo sono personali dell’autore dell’articolo e non riflettono necessariamente la posizione di SLpress.gr
  • La ripubblicazione di articoli da altri siti Web senza autorizzazione è vietata da SLpress.gr. I primi 2-3 paragrafi possono essere ripubblicati aggiungendo un collegamento di lettura attivo su SLpress.gr. I trasgressori dovranno affrontare azioni legali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *