Cinque ragioni per cui il Manchester City ha vinto la Premier League inglese

Cinque ragioni per cui il Manchester City ha vinto la Premier League inglese

Il Manchester City festeggia il suo storico quarto titolo consecutivo nella Premier League inglese, confermando il suo completo dominio nel calcio inglese, ma diversi fattori chiave hanno contribuito alla sua storica vittoria.

SuperSport evidenzia le cinque ragioni del successo del City, il sesto titolo inglese in sette stagioni.

La parata decisiva di Ortega

Martedì, quando Son Heung-min è esploso dal centrocampo con il solo Stefan Ortega a battere la sua squadra, il tempo si è fermato allo stadio Tottenham Hotspur.

L'intera stagione è rimasta in bilico verso la fine della partita, quando i tifosi degli Spurs sono rimasti indecisi se voler negare punti al City e dare così una spinta ai loro acerrimi rivali locali, l'Arsenal.

Ortega, il portiere numero 2 del City, che ha sostituito l'infortunato Ederson al 69', è corso fuori dalla sua area e ha parato con le gambe per mantenere il punteggio sull'1-0 del City.

Pochi minuti dopo, la squadra di Pep Guardiola si porta in vantaggio per 2-0 grazie a un rigore di Erling Haaland, assicurandosi un vantaggio di due punti sull'Arsenal e tenendo in mano il destino del titolo.

Foden sta avanzando

Phil Foden è emerso dall'ombra di Kevin De Bruyne in questa stagione con uno stile straordinario, diventando una forza creativa cruciale per la squadra.

Il centrocampista belga De Bruyne si è infortunato nella prima partita della stagione ed è tornato in campo solo a gennaio.

Ciò ha dato all'inglese Foden più opportunità di giocare nella posizione di centrocampo, una posizione che ammette di preferire, e ha risposto segnando 27 gol in tutte le competizioni, oltre a 11 assist.

READ  Sveglia presto per andare a caccia di uova

L'ex difensore del Manchester United Rio Ferdinand ha recentemente affermato che Foden è un sostituto già pronto di De Bruyne all'Etihad Stadium, aspettandosi che “il testimone venga passato presto”.

De Bruyne, uno dei più grandi centrocampisti della Premier League, ha ancora solo 32 anni, ma Foden, che ha segnato una doppietta nella vittoria per 3-1 del City sul West Ham domenica, sta sostenendo una tesi più convincente.

Rodri: il portafortuna del Manchester City

Quando Rodri è nella squadra del Manchester City, non perde. È semplice matematica.

I numeri del centrocampista spagnolo con il Manchester City sono poco credibili, dato che non perde una partita in cui gioca da febbraio 2023.

Il 27enne a volte passa inosservato nel club, che è messo in ombra da nomi di stelle come Kevin De Bruyne, Erling Haaland e Phil Foden, ma Rodri è l'uomo che rende speciale il City.

Rodri ha avuto il maggior numero di passaggi e tocchi di qualsiasi giocatore nella stagione della Premier League 2023-24 e ha anche contribuito con otto gol in Premier League.

L'allenatore del City Guardiola apprezza sicuramente il lavoro che svolge, descrivendolo a febbraio come “il miglior centrocampista attuale al mondo di sempre”.

Arsenal, Liverpool vacilla

Il 14 aprile sarà inserito nel calendario di Guardiola come il giorno in cui la corsa al titolo penderà decisamente a favore del City.

All'inizio di questo fine settimana, c'è stato uno scontro a tre tra City, Arsenal e Liverpool.

Il City ha battuto il Luton 5-1 il 13 aprile, ma gli uomini di Jurgen Klopp sono rimasti scioccati 1-0 in casa contro il Crystal Palace il giorno successivo, mentre l'Arsenal ha perso 2-0 in casa contro l'Aston Villa.

READ  Il veterano ministro britannico è l'ultimo a dimettersi dopo l'annuncio del sondaggio di Rishi Sunak

Il Liverpool ha poi abbassato il ritmo mentre l'Arsenal ha continuato a vincere per mantenere alta la pressione. Ma alla fine non è bastato.

Hotchot Haaland

Si ritiene che Erling Haaland sia fuori dai guai dopo un'impressionante prima stagione al Manchester City, ma ha comunque vinto il premio Scarpa d'Oro della Premier League.

Il norvegese è stato frustrato dagli infortuni e dai brevi periodi di magra a volte, ma ha finito per segnare ben 27 gol nella massima serie, cinque in più del secondo classificato Cole Palmer.

L'ex capitano del Manchester United Roy Keane il mese scorso ha descritto Haaland come “si avvicina al livello della Lega Due” dopo lo 0-0 del City contro l'Arsenal.

Ma Haaland ha risposto in modo sorprendente, segnando nove gol nelle ultime sette partite di Premier League, mentre il City ha battuto l’Arsenal per vincere il titolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *