Chi si qualifica per il prossimo dibattito repubblicano?

Chi si qualifica per il prossimo dibattito repubblicano?

Lui gioca

WASHINGTON – Il quarto dibattito delle primarie repubblicane è previsto per mercoledì a Tuscaloosa, in Alabama, poche settimane prima delle primarie cruciali del New Hampshire e del caucus dell’Iowa.

Ma solo quattro candidati si presenteranno per affrontarsi all’Università dell’Alabama.

L’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley, il governatore della Florida Ron DeSantis, l’ex governatore del New Jersey Chris Christie e l’uomo d’affari Vivek Ramaswamy si sono qualificati per il dibattito, ha annunciato lunedì il Comitato nazionale repubblicano.

Per qualificarsi, i candidati repubblicani devono aver ottenuto almeno il 6% in due sondaggi nazionali o il 6% in un sondaggio nazionale e un sondaggio da due distinti stati con voto anticipato riconosciuti dal Comitato nazionale repubblicano.

Devono inoltre avere almeno 80.000 donatori unici e aver firmato l’impegno “Beat Biden”, accettando di sostenere in definitiva il candidato repubblicano del 2024.

Il quarto dibattito vede una folla più piccola e alcuni volti familiari sono assenti dal palco, tra cui il senatore della Carolina del Sud Tim Scott, l’ex governatore dell’Arkansas Asa Hutchinson e il governatore del Nord Dakota Doug Burgum.

Scott, che ha partecipato al terzo dibattito repubblicano il mese scorso, si è ritirato dalla corsa presidenziale poco dopo l’evento. Burgum, che ha partecipato ai primi due dibattiti repubblicani, lunedì ha sospeso la sua campagna.

Hutchinson, che si era qualificato solo per il primo evento, non è salito sul palco.

READ  COVID-19: 8.338 nuovi casi, più di 4 milioni di persone hanno ricevuto tre dosi di vaccino

Nel frattempo, l’ex presidente Donald Trump ha affermato che salterà del tutto i dibattiti, citando il suo significativo vantaggio nei sondaggi nazionali e statali. L’ex presidente ha anche detto che non firmerà l’impegno di “Beat Biden” a sostenere nessun candidato del GOP, anche se non è lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *