Il primo ministro pakistano Imran Khan provocato dai diplomatici Il governo serbo afferma che i conti dell’ambasciata serba sono stati violati

L’ambasciata pakistana in Serbia ha pubblicato un video sul mancato pagamento dello stipendio per tre mesi e sull’elevata inflazione e disoccupazione nel Paese. In questo video, il primo ministro pakistano Imran Khan mostra la sua canzone rap. Usando la dichiarazione di Imran Khan “Ghubrana Nahi Hai”, è stato detto che anche se non sei stato pagato per tre mesi e non hai cibo, non farti prendere dal panico. Il governo di Imran Khan è stato criticato in tutto il mondo per questo. Ora il ministero degli Esteri pachistano ha chiarito questo e ha affermato che gli account dei social media dell’ambasciata serba sono stati hackerati.

Il ministero degli Esteri pakistano ha twittato: “Gli account dell’ambasciata del Pakistan in Serbia, Twitter, Facebook e Instagram sono stati violati. I messaggi emessi in merito non sono stati twittati dall’ambasciata pakistana in Serbia. Tuttavia, anche in questo tweet del Ministero degli Affari Esteri del Pakistan, le persone sono feroci al riguardo. Un utente ha affermato che se il tuo governo non protegge gli account Twitter dall’hacking, quale dovrebbe essere la fiducia degli EVM. A causa di questo video, il Pakistan è stato diffamato in tutto il mondo.

Nel video condiviso sull’account Twitter dell’ambasciata, si dice che l’inflazione abbia battuto tutti i record precedenti. Per quanto tempo ti aspetti (Imran Khan) che noi funzionari del governo rimarremo in silenzio e continueremo a lavorare con te senza retribuzione negli ultimi 3 mesi? I nostri figli sono stati espulsi dalla scuola per non aver pagato le tasse. È questo il nuovo Pakistan? In un altro tweet, l’ambasciata ha detto che Imran Khan mi perdonerà. Non avevo altro modo. Vi diciamo che il governo del Pakistan è da tempo oggetto di critiche sul tema dell’inflazione.

READ  Tropische storm Elsa eist meerdere doden, onder wie 15-jarige jongen | Buitenland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *