Carles Bardelis in casa si allunga per completare il periplo » Explorersweb

Carles Bardelis in casa si allunga per completare il periplo » Explorersweb

Carles Bardelis ha iniziato gli ultimi 5.000 chilometri del suo viaggio intorno al mondo utilizzando la forza umana. Va in bicicletta da Kilifi, in Kenya, a Lüderitz, in Namibia, dove ha iniziato il suo viaggio otto anni fa.

L'avventuriero lettone credeva di poter completare questa fase finale adesso. Ma poi, nel gennaio 2022, ha iniziato una linea di 10.000 chilometri dalla Malesia alla Tanzania. Quando arrivò in Africa, divenne la prima persona conosciuta a remare dall'Asia all'Africa. Sfortunatamente non è sbarcato in Tanzania. Venti più forti del previsto lo hanno spinto molto a nord. Si è imbattuto nella corrente costiera dell’Africa orientale ed è finito nella sempre pericolosa Somalia nel giugno 2022.

Lì, il Ministero degli Affari Esteri, il Servizio di Sicurezza dello Stato e la Guardia Costiera lo hanno aiutato ad atterrare in sicurezza, ma ha dovuto abbandonare la sua barca. Il piano era sempre quello di tornare in Somalia e riprendere il lavoro, ma logisticamente è stato un incubo.

Infinite complicazioni in Somalia

All'inizio l'esercito stava sorvegliando la sua barca. Hanno detto a Bardelis che l'avrebbero rimorchiato al porto e lo avrebbero immagazzinato in un container marittimo. Ma una volta che Bardelis è tornato in Lettonia, l’esercito ha smesso di rispondergli. Bardelis ha spiegato che i pescatori locali alla fine hanno sequestrato la barca e “l'hanno tenuta in ostaggio per un riscatto”.

Alla fine, ha stretto un accordo con loro e ha trovato un agente logistico per trasportare la barca a Mogadiscio. Ma ancora una volta le cose non sono andate secondo i piani. Poiché le strade erano controllate da un'organizzazione terroristica islamica, la barca ha dovuto salpare. A Mogadiscio, la barca è stata caricata su un container marittimo diretto a Dar es Salaam, in Tanzania. Bardelis ha aspettato lì la barca nel gennaio 2023.

Remando da solo dall'Asia all'Africa. Foto: Carles Bardelis

Lì la dogana e la burocrazia fermarono la barca per altri due mesi.

READ  France – Un homme sage-femme condamné pour 11 viols de patientes

È possibile effettuare la breve traversata dalla Somalia al Kenya solo tra gennaio e marzo a causa delle forti correnti e dei venti. La barca è arrivata così tardi che la traversata nel 2023 è diventata impossibile. Successivamente, alla barca è stato permesso di rimanere in Tanzania solo per tre mesi, quindi Bardelis ha dovuto portarla in Kenya.

Ovviamente, in alcune avventure, la logistica è altrettanto difficile o addirittura più dura del lavoro fisico.

Molti potrebbero chiedersi perché Bardelis si è dato tanto da fare per salvare la sua barca. Avrebbe potuto prenderne in prestito un'altra per l'ultima tappa di remi, ma ha insistito per usare la sua barca. “Questa barca è come casa per me”, ha spiegato. “Sei sopravvissuto così tanto e mi hai tenuto al sicuro. È stato il mio compagno più affidabile in questo viaggio.

L'inizio del mantello e del pugnale

All’inizio del 2024, ha spostato la barca dal nord del Kenya fino al punto in cui ha terminato l’ultima parte della sua linea, a soli 90 chilometri dal confine somalo-keniano. Ha fatto tutto questo in segreto a causa del pericolo che ha corso l'ultima volta che è stato in Somalia.

“Sono andato sotto il radar”, ha spiegato. “So che un buon numero di somali mi seguono e guardano i miei social media… È stato spaventoso tornare là fuori in quella situazione, in Somalia. Non avevamo le luci accese e remavamo alla massima velocità possibile.” potrebbe spostarsi di lato.” Il keniano più sicuro.

Nonostante lo stress della ripartenza, “è stato fantastico tornare in barca e riavere la barca”.

Carles Bardelis e Arturs Skruderis sono al limite.

Carles Bardelis e Arturs Skruderis alla fine della loro disputa dalla Somalia al Kenya. Foto: Carles Bardelis

Ha remato questo breve filmato con il suo amico ed esperto marinaio Arturs Skruderis. Hanno percorso il percorso di 385 chilometri fino a Kilifi, in Kenya, in soli tre giorni e mezzo. Solo nelle prime 24 ore hanno remato per 155 chilometri perché le correnti erano molto forti.

READ  Phiến quân Myanmar tấn công thị trấn khai thác ngọc

Il duo è atterrato il 30 gennaio. Bardelis ha trascorso alcuni giorni a preparare la barca per tornare in Lettonia e prepararsi per l'ultima tappa del suo viaggio. Oggi è partito in sella alla sua bici e ha sparso la voce sui social media affinché altri avventurieri si unissero a lui nelle sezioni mentre si dirigeva a ovest verso la Namibia.

Alcune gambe sono singole, altre no

Bardelis non ha mai considerato questo un viaggio in solitaria. Ora ha compagni in quattro fasi dell'avventura. Nel 2016, ha iniziato in Namibia e ha remato con Gintis Barkovskis in Brasile. Nel 2018, ha ripreso la sua attività in Brasile e ha guidato una bicicletta tandem a Lima, in Perù, con la sua allora fidanzata, Linda Zusi. Hanno percorso 5.400 chilometri in 102 giorni.

Nel 2018, ha remato per 26.000 chilometri in solitaria attraverso l'Oceano Pacifico, arrivando in Malesia dopo sorprendenti 715 giorni. È diventato la prima persona a remare dal Sud America all'Asia. Poi nel 202.2 iniziò la sua regata dall'Asia all'Africa con il compagno navigatore Dimitri Kiefer. Kiefer si è unito allo Sri Lanka dalla Malesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *