Bolsonaro torna in Brasile dopo tre mesi negli Stati Uniti | Notizie di politica

Bolsonaro torna in Brasile dopo tre mesi negli Stati Uniti |  Notizie di politica

L’ex leader Jair Bolsonaro dovrebbe guidare l’opposizione contro il presidente di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva, ma deve affrontare una serie di indagini legali.

L’ex presidente brasiliano di estrema destra Jair Bolsonaro è tornato in Brasile, dove centinaia di suoi sostenitori lo hanno accolto all’aeroporto della capitale, Brasilia, per dargli il benvenuto dopo tre mesi di esilio autoimposto.

I tifosi con le bandiere brasiliane sulle spalle hanno cantato l’inno nazionale e cantato “Leggenda” quando Bolsonaro è arrivato dalla Florida negli Stati Uniti giovedì.

Bolsonaro, 68 anni, che non ha mai ammesso la sconfitta alle elezioni dello scorso anno, dovrebbe guidare l’opposizione al presidente di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva, hanno detto i funzionari del suo partito liberale.

Prima di salire sull’aereo a Orlando, Bolsonaro ha minimizzato il suo ruolo di leader e ha detto che avrebbe usato la sua esperienza per aiutare la sua campagna elettorale nelle elezioni municipali del prossimo anno, aggiungendo che il voto che ha perso in ottobre è un capitolo chiuso.

“Abbiamo voltato pagina e ora ci stiamo preparando per le elezioni del prossimo anno”, ha detto alla CNN Brasile poco prima di salire sull’aereo.

Il sito di notizie brasiliano O Globo ha detto che il suo aereo è atterrato alle 6:38 (0938 GMT) e, come riporta El Pais, avrebbe dovuto recarsi al quartier generale del Partito Liberale per incontrare sua moglie, Michelle.

Il Segretariato per la Sicurezza del Distretto Federale ha mobilitato centinaia di agenti di polizia e la Piazza dei Ministeri è stata chiusa per impedire assembramenti di sostenitori di Bolsonaro.

READ  COVID-19: Joe Biden guarantees '100 million photographs in the initially 100 days' to transform the tide towards coronavirus | US News
Gli agenti di polizia parlano con i sostenitori di Bolsonaro mentre rafforzano la sicurezza all’aeroporto [Ueslei Marcelino/Reuters]

Bolsonaro è partito per gli Stati Uniti due giorni prima di consegnare la fascia presidenziale a Lula il 1° gennaio. Ha detto che aveva bisogno di riposare, ma i critici dicono che sta evitando più di una dozzina di indagini legali che potrebbe affrontare in Brasile.

Le indagini legali si sono concentrate sul suo presunto ruolo nell’incoraggiare i suoi sostenitori a prendere d’assalto gli edifici governativi in ​​una rivolta l’8 gennaio, una settimana dopo l’insediamento di Lula. Quel giorno, i sostenitori di Bolsonaro hanno sequestrato tre importanti edifici governativi a Brasilia, cercando di estromettere il nuovo presidente dal potere.

L’ex leader è anche oggetto di un’indagine della polizia che esplora le accuse secondo cui i dipendenti della sua amministrazione avrebbero tentato di portare nel paese gioielli per un valore di milioni di dollari senza dichiararlo dopo un viaggio in Arabia Saudita nel 2021.

I tribunali elettorali brasiliani stanno esaminando le sue azioni durante la campagna dello scorso anno, in particolare per quanto riguarda le sue affermazioni infondate secondo cui il sistema di voto elettronico era vulnerabile alle frodi. Se Bolsonaro viene dichiarato colpevole in uno di questi casi, perderà i suoi diritti politici e non potrà candidarsi alle prossime elezioni.

Non sono in pensione

Per la prima volta in 30 anni, il vice-presidente non ricopre cariche elettive.

Bolsonaro, che considera l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump il suo idolo politico, ha partecipato alla conferenza sull’azione politica conservatrice a Washington, DC, dove ha messo in dubbio l’esito delle elezioni di ottobre, che Lula ha vinto di misura. Ha detto che la sua missione in Brasile “non era ancora finita”.

READ  Komplikácie pri natáčaní jojkárskej Bez servítky: KARANTÉNA… Kontakt s pozitívnym!

“Sono senza mandato, ma non sono in pensione”, ha detto lunedì Bolsonaro a Jovem Pan TV.

Il suo ritorno in Brasile è stato ripetutamente ritardato e alcuni hanno ipotizzato che potrebbe essere a tempo indeterminato alla luce dei suoi problemi legali. Steve Bannon, alleato di lunga data di Trump e considerato uno stratega dell’estrema destra globale, questa settimana ha detto al brasiliano Folha de Espolo che Bolsonaro non avrebbe mai dovuto lasciare il paese, ignorando l’importanza delle indagini.

Ora che Bolsonaro è tornato, il suo primo obiettivo sarà quello di radunare l’opposizione al governo di Lula, ha affermato Maira Goulart da Silva, professoressa di scienze politiche dell’Università Federale di Rio de Janeiro.

“Bolsonaro ha deciso di tornare in Brasile perché non era emerso come un chiaro leader dell’opposizione al governo”, ha detto da Silva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *