Airchat di Naval Ravikant è un'app social basata sulla conversazione, non sugli SMS

Airchat di Naval Ravikant è un'app social basata sulla conversazione, non sugli SMS

Chiacchierata aerea È una nuova app di social media che incoraggia gli utenti a “semplicemente parlare”.

La versione precedente di Airchat era Rilasciato l'anno scorso, ma il team, guidato dal fondatore di AngelList Naval Ravikant e dall'ex dirigente del prodotto Tinder Brian Norgard, ha ricostruito l'app e l'ha rilanciata ieri su iOS e Android. Attualmente, Airchat è solo su invito ed è classificato al 27° posto tra i social network nell'Apple App Store.

Visivamente, Airchat dovrebbe apparire abbastanza familiare e intuitivo, con la possibilità di seguire altri utenti, scorrere un feed di post e quindi rispondere, mettere mi piace e condividere tali post. La differenza è che i post e le risposte sono registrazioni audio, che poi l'app trascrive.

Quando apri Airchat, i messaggi iniziano automaticamente a essere riprodotti e puoi spostarti rapidamente tra di essi scorrendo verso l'alto e verso il basso. Se ne hai voglia, puoi mettere in pausa l'audio e leggere semplicemente il testo; Gli utenti possono anche condividere foto e video. Ma la voce sembra essere ciò su cui tutti si concentrano, che Ravikant descrive come una conversione dinamica rispetto alle app social basate su testo.

Screenshot del feed Airchat

Dopo essermi iscritto ad Airchat questa mattina, la maggior parte dei post che ho visto riguardavano l'app stessa, con Ravikant e Nordard che rispondevano a domande e chiedevano feedback.

“Gli esseri umani sono destinati ad andare d'accordo con altri esseri umani, ci vuole solo una voce naturale”, ha detto Ravikant. “I media online di solo testo ci hanno dato l'illusione che le persone non possano andare d'accordo, ma in realtà tutti possono andare d'accordo.”

Questa non è la prima volta che le startup tecnologiche scommettono sulla voce come prossima grande novità nei social media. Ma i post Airchat asincroni e con thread forniscono un'esperienza molto diversa dalle chat room dal vivo fiorite per un breve periodo in Clubhouse e Twitter Spaces. Questo approccio rimuove la barriera della paura del palcoscenico alla partecipazione, perché “puoi fare quanti passaggi vuoi scrivendo un messaggio qui, e nessuno lo sa”, ha detto Norgaard.

READ  Non ancora morto: WD lancia i nuovi dischi rigidi esterni da 2,5 pollici e 6TB

Infatti, ha affermato che nelle conversazioni con i primi utilizzatori, il team ha scoperto che “la maggior parte delle persone che utilizzano AirChat oggi sono molto introverse e timide”.

Personalmente non mi sono ancora convinto a pubblicare nulla. Ero più interessato a vedere come gli altri usavano l'app, inoltre ho un rapporto di amore-odio con il suono della mia voce.

Tuttavia, c’è ancora qualcosa da dire nell’ascoltare Ravikant e Norgaard spiegare la loro visione, piuttosto che limitarsi a leggere le trascrizioni, che possono perdere le sfumature dell’entusiasmo, dell’intonazione e così via. Sono particolarmente curioso di sapere come le battute impassibili e i post senza senso si traducono (o meno) in audio.

Faccio un po' fatica anche con il ritmo. Per impostazione predefinita, l'app riproduce l'audio due volte, cosa che pensavo fosse innaturale, soprattutto se l'idea è quella di migliorare la connessione umana. Puoi reimpostare la velocità tenendo premuto il pulsante Pausa, ma a 1x ho notato che iniziavo a sfogliare quando ascoltavo post più lunghi e poi di solito saltavo prima di ascoltare l'audio completo. Ma forse è un bene.

Screenshot del commento di Naval Ravikant che afferma che Airchat non è un concorrente di X

Allo stesso tempo, la convinzione di Ravikant nel potere della voce di ridurre la tensione non elimina necessariamente la necessità di funzionalità di moderazione dei contenuti. Ha detto che il feed è supportato da “alcune regole complesse per nascondere spam, troll e persone di cui tu o loro potresti non voler avere notizie”, ma alla data di pubblicazione non ha risposto a una domanda successiva di un utente sulla moderazione dei contenuti. . .

Alla domanda sulla monetizzazione – ovvero quando potremmo iniziare a vedere annunci, audio, ecc. – Ravikant ha risposto: “Non c’è alcuna pressione di monetizzazione sull’azienda”. (Si è descritto come “non l'unico investitore” ma il “principale investitore” della società.)

READ  Jack White presenta l'edizione anniversario del triplo pedale per chitarra

“Non potrebbe importarmene di meno della monetizzazione”, ha detto. “Se sarà necessario, gestiremo questa cosa con un budget ridotto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *