Abbiamo dormito bene? Samsung risponde all’annosa domanda con il Global Sleep Health Study – Samsung Global Newsroom

Abbiamo dormito bene?  Samsung risponde all’annosa domanda con il Global Sleep Health Study – Samsung Global Newsroom

Oggi sempre più persone danno priorità al sonno in relazione alla salute. Il crescente interesse per il sonno è evidente dalle recenti tendenze osservate attraverso l’app Samsung Health. Negli ultimi due anni c’è stato un aumento del 182%1 Nel numero di utenti che hanno monitorato attivamente il sonno2 Almeno una volta alla settimana per un anno. La domanda però resta: abbiamo dormito bene?

Samsung ha deciso di rispondere a questa domanda conducendo uno dei più grandi studi relativi alla salute del sonno3 Come mai prima d’ora: analisi di 716 milioni di notti di comportamenti legati al sonno degli utenti Samsung Health in tutto il mondo. Sebbene l’interesse per la salute del sonno personale sia salito alle stelle, la triste verità è che la qualità del sonno che le persone ricevono ogni notte sta diminuendo. Il mondo si trova di fronte al dilemma del sonno.

Il mondo dorme meno ed è meno efficiente

In tutto il mondo, la durata media del sonno è scesa da 7 ore e 3 minuti a 6 ore e 59 minuti a livello globale, un valore inferiore alla soglia fondamentale di sette ore raccomandata dalla National Sleep Foundation. (Grafico 1)

Un altro aspetto preoccupante è l’aumento del tempo di veglia durante il sonno, che porta a una diminuzione dell’efficienza del sonno, che è un fattore chiave per la qualità del sonno che viene monitorata calcolando il rapporto tra il tempo effettivo di sonno e il tempo totale trascorso a letto ogni notte.

Questo modello non è isolato da alcun dato demografico o regione specifica. Diminuzioni della durata e dell’efficienza del sonno sono state segnalate in tutti i sessi e in tutti i gruppi di età Le aree studiate:

  • Sebbene l’efficienza del sonno continui a diminuire per i maschi, le femmine hanno registrato un calo significativo nell’ultimo anno. (Grafico 2)
  • I dati demografici più anziani hanno mostrato un calo maggiore nell’efficienza del sonno. Vale la pena notare che gli individui di età superiore ai 70 anni hanno visto un calo quasi doppio rispetto a quello osservato nelle persone di 20 anni. (Grafico 3)
  • Il Nord America ha visto il più grande calo dell’efficienza del sonnomentre l’ASia si è mantenuta sui livelli più bassi. (Grafico 4)
  • Ad eccezione dell’Europa e del Nord America, la durata del sonno in tutte le altre regioni è stata inferiore a sette ore. (Grafico 4)
READ  GeForce è ora disponibile per i browser M1 Mac e Chrome

Il debito del sonno colpisce molto i giovani

Anche i modelli di sonno incoerenti influiscono sulla qualità del sonno. Anche il debito di sonno, una misura dell’incoerenza del sonno che si riferisce al divario tra la quantità di sonno durante i giorni feriali e quella dei fine settimana, contribuisce negativamente ai problemi globali del sonno.

Il debito di sonno è più alto tra i giovani adulti, con i ventenni che hanno quasi il doppio del debito di sonno rispetto ai settantenni: rispettivamente 49 minuti contro 29 minuti. (Grafico 5) Per area, ettari dell’AsiaDott IL il più corto Debito di sonno in 41 minuti mentre l’America Latina haDott Il più lungo a 47 minuti. A livello globale, le persone dormono in media 44 minuti in più nei fine settimana. (Grafico 6)

Contare i pinguini, non contare le pecore

Nel tentativo di ottenere una visione più approfondita dei modelli di sonno globali prevalenti, Samsung ha deciso di analizzare e classificare diversi tipi di dormienti in animali addormentati..4 Ciascuno rappresenta uno degli otto animali addormentatiS Un modello di sonno distinto con caratteristiche uniche legate alla durata del sonno, alla consistenza del sonno e al tempo di veglia, che influenzano collettivamente la qualità del sonno. (Programma 7)

È interessante notare che la maggior parte degli individui in tutto il mondo si identificava strettamente con i modelli di sonno dei “pinguini nervosi”, comprendenti un terzo dei partecipanti. Mantengono ritmi circadiani sani, ma spesso subiscono interruzioni durante il sonno, che contribuiscono a ridurre l’efficienza del sonno. Questo modello è coerente con la tendenza al ribasso osservata nell’ultimo anno. (Programma 8)

READ  Ora di punta! Amazon Prime Video è integrato nella Polestar 2

  • Gli utenti più anziani hanno riscontrato percentuali più elevate di “cervi diffidenti”, il che significa che la persona aveva una durata del sonno più breve e tempi di veglia più elevati. Quasi il 40% dei settantenni ha come animale addormentato il “cervo diffidente”, una percentuale quasi 10 volte più comune rispetto ai ventenni. La percentuale di animali ha mostrato un aumento costante con la progressione della fascia di età. (Programma 9)
  • Le persone tra i 20 e i 20 anni – oltre a una maggiore rappresentanza di “ricci sensibili” – hanno visto anche più “talpe che odiano il sole” rispetto ai gruppi di età più avanzata. Questi gruppi, quelli che hanno problemi con la regolarità del sonno, stanno diventando sempre più diffusi con il calo demografico dell’età. (Programma 9)

Come le piccole abitudini possono garantire un buon sonno

Oltre a Sleep Animals, esistono una serie di programmi di allenamento del sonno volti a migliorare la qualità del sonno. Sono guidati dalla forte convinzione che apportare piccoli cambiamenti alle abitudini quotidiane possa portare a un miglioramento della qualità del sonno. Fornisce un mese di coaching motivazionale sul sonno personalizzato in base al tipo di sonno dell’animale specifico dell’utente direttamente sul polso, incluso, ma non limitato a, alzarsi rapidamente dal letto al mattino, svegliarsi a orari regolari ed essere attivi durante il sonno. giorno. E altre abitudini positive.

Per testare l’efficacia dell’allenamento del sonno, Samsung ha analizzato quanti utenti sono passati al livello successivo di allenamento del sonno attraverso l’allenamento (grafico 10). Ad esempio, se sei un “coccodrillo a caccia” al livello 3, sarà considerato efficace passare a un animale addormentato al livello 1 o 2. E quando abbiamo visto i risultati, ha funzionato davvero. Un esempio dell’efficacia dell’allenamento del sonno deriva dal fatto che gli animali che dormono possono svilupparsi in direzioni positive con migliori abitudini di sonno.

READ  Il nuovo trailer di Final Fantasy 16 mostra il mondo di Valisthea

  • Alcuni utenti hanno riscontrato una migliore qualità del sonno quanto più hanno partecipato all’allenamento del sonno. Ciascun animale ha riscontrato un miglioramento maggiore dopo due mesi di addestramento rispetto a dopo un solo mese.
  • Il 94% degli “squali affaticati” – una classificazione dei dormienti più poveri identificata da coloro che sono chiaramente privati ​​del sonno ma non riescono a ottenere un sonno di qualità – hanno notato un miglioramento dopo soli due mesi di allenamento del sonno.

È possibile migliorare la salute del sonno con piccole abitudini. Con la serie Galaxy Watch6 e Samsung Health, Gli utenti possono Ottieni un sonno sano con una migliore comprensione Essi Schemi di sonno speciali, motivazione e allenamento personale.

Per saperne di più Serie Galaxy Watch6Per favore visita www.samsung.com/galaxy-watch.

1 È stato effettuato un confronto tra i dati degli utenti di Samsung Health da gennaio a maggio 2021 e lo stesso periodo del 2023.
2 Non destinato all’uso in esami medici, diagnosi o trattamenti. Destinato esclusivamente a scopi generali di salute e fitness.
3 I risultati hanno analizzato i risultati di circa 716 milioni di notti di sonno raccolte tra giugno 2021 e maggio 2023 sulla serie Galaxy Watch.
4 Richiede dati sul sonno per almeno 7 giorni, inclusi 2 giorni di riposo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *