20 anni nell’euro: vincitori e vinti – scrive Argyris Argyaridis

Di Argyris Argyriadis, avvocato:

Nel nuovo anno 2022 sono passati 20 anni dalla circolazione dell’euro nel nostro Paese. In 11 dei 15 Stati membri della zona euro, l’euro è stato introdotto il 1° gennaio 1999 come metodo ufficiale di pagamento. Dapprima in forma elettronica e dopo tre anni – in tutti i paesi oltre che in Grecia – sotto forma di banconote e monete. All’inizio del 1998, il cancelliere Helmut Kohl si è rivolto al parlamento tedesco definendolo “una delle decisioni più importanti del ventesimo secolo”.

In occasione della suddetta ricorrenza, il Presidente del Consiglio dell’Eurozona, Costas Simitis, ha ricordato che “questo è stato un traguardo nazionale che abbiamo raggiunto. È stata una vittoria che ha protetto il nostro Paese in condizioni difficili e avverse. È stata una buona scelta, al momento giusto, con la mobilitazione nazionale». Questa affermazione corrisponde alla realtà?

Tutti i paesi della zona euro hanno beneficiato della moneta unica? E se hanno beneficiato, è stato fatto nella stessa misura?

Nel nostro paese siamo abituati a discutere ea giungere a conclusioni basate sui nostri desideri e convinzioni. Raramente ci affidiamo agli studi. Sfortunatamente, quando diventano gli ultimi, li sfidiamo per la maggior parte del tempo.

A livello europeo, la documentazione è necessaria per supportare le politiche. La maggior parte delle volte, gli studi relativi alle impressioni divertono e mettono in discussione comportamenti ben consolidati. Soprattutto nel caso dell’euro, è particolarmente interessante il relativo studio dell’European Policy Centre (disponibile su https://www.cep.eu/Studien/20_Jahre_Euro_Gewinner_und_Verlierer/cepStudy_20_years_Euro_–_Winners_and_Losers).

Il Paese più colpito è la Germania. Quest’ultimo ha visto aumentare la sua prosperità di 1,9 trilioni di euro, che corrisponde a un aumento della ricchezza di 23.000 euro pro capite. I maggiori perdenti sono Italia e Francia, la cui mancanza di concorrenza ha ridotto la loro prosperità rispettivamente di 4,3 e 3,6 trilioni di euro. Ciò significa ridurre il reddito pro capite di 56mila euro per i francesi e di 74mila euro per gli italiani. L’euro ha un segnale molto negativo sia per gli spagnoli che per i portoghesi. Soprattutto per quest’ultimo, ha registrato un calo di 40.604 euro pro capite.

READ  Quindi mi godrò la trasmissione in diretta dei concerti sul mio balcone! - Divertimento

Il caso della Grecia è stato presentato come un caso speciale. Secondo lo studio di cui sopra, l’adesione all’euro ha inizialmente prodotto guadagni significativi, che sono diminuiti notevolmente dopo il 2011. Tuttavia, anche oggi il saldo è positivo. Circa 2 miliardi di euro per paese o circa 200 euro per abitante (questo importo era di circa 3.140 euro nel 2008). I primi 10 anni di negoziazione dell’euro confermano in pieno l’apprezzamento di Costas Simitis. La gestione disastrosa del 2005-2010, la mancanza di reazione da parte dello staff politico, l’incapacità delle forze politiche di raggiungere un accordo, ma anche l’ossessione per i negoziati all’interno dell’euro, hanno annientato i benefici iniziali.

Tuttavia, partiamo dall’inizio. L’euro è uno strumento, ma non è uno strumento. Spesso non è più possibile esistere sterile in un ambiente economico vibrante. Dopotutto, è così che lo immaginavano le loro muse. Come primo passo verso una vera Unione Europea. Quest’ultimo non può esistere solo con una politica monetaria comune. Servono una politica fiscale collettiva e una vera unione economica. Come l’ha ricordato l’ex presidente del Consiglio quando rileva che “l’euro è stato il primo passo nel progetto di un’Europa unita. Un traguardo insormontabile oggi, nell’era delle grandi riorganizzazioni geopolitiche”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *