Wolffia, la pianta miracolosa per vivere e sopravvivere su Marte?

Wolffia, la pianta miracolosa per vivere e sopravvivere su Marte?

Come Matt Damon in “Alone on Mars”, i primi astronauti ad andare su Marte dovranno trovare un modo per nutrirsi e sopravvivere, in un ambiente privo di acqua o ossigeno. Anche se la prima missione è prevista per il 2030, gli esperimenti si moltiplicano e i ricercatori dell’Università Mahidol in Thailandia potrebbero aver trovato il cibo perfetto. Buone notizie, questa non è una patata che si nutre di feci…

Questa è la Wolffia, una piccola pianta da fiore che galleggia sulla superficie di laghi e stagni asiatici. Così piccola che è considerata la pianta da fiore più piccola della Terra con un diametro di 1 mm! Questa lenticchia d’acqua senza radici potrebbe fornire cibo essenziale e una fonte di ossigeno per gli esseri umani nello spazio. E non solo su Marte.

I campioni di lenticchia d’acqua sono stati posti in scatole dotate di luci a LED che imitano la luce solare naturale © ESA-J. Van Loon

Una centrifuga che simula le condizioni di crescita nello spazio

Per misurarlo, gli scienziati hanno testato questa pianta acquatica in condizioni di ipergravità, fino a 20 volte superiori a quelle osservate sulla Terra. Per diversi mesi centrifugano il materiale in una centrifuga a quattro bracci larga 8 metri. Il dispositivo si trova presso il centro tecnico dell’Agenzia spaziale europea (ESA) nei Paesi Bassi e all’estremità di ciascun braccio ci sono contenitori dotati di LED per simulare la luce solare naturale. Ciascuna camera ruota fino a 67 giri al secondo.

“Eravamo interessati alla lenticchia d’acqua perché volevamo modellare il modo in cui le piante rispondono ai cambiamenti nei livelli di gravità.” Tatpong Tulyananda spiega, capo del gruppo di ricerca. “Poiché la lenticchia d’acqua non ha radici, steli o foglie, è semplicemente una palla che galleggia su uno specchio d’acqua. Ciò significa che possiamo concentrarci direttamente sugli effetti che i cambiamenti di gravità avranno sulla sua crescita e sviluppo.”

READ  La NASA ha un’idea molto semplice di ripulire lo spazio, tutto quello che devi fare è pensarci

“Wolvia” è una soluzione “promettente”.

Secondo questi scienziati, Wolffia è una soluzione tanto affidabile quanto praticabile perché produce molto ossigeno attraverso la fotosintesi. Secondo loro, è una buona fonte di proteine. Altro punto importante: non ci sono sprechi. Tutto è commestibile! “Lo consumiamo nel nostro Paese da molto tempo”. Tatpong Tulyananda ricorda. “Consumiamo il 100% della pianta quando la mangiamo, quindi è promettente in termini di agricoltura spaziale”.

Per i ricercatori questa pianta ha anche un grosso vantaggio: il suo ciclo di vita va dai cinque ai dieci giorni. Ciò consente di eseguire i test in modo semplice e rapido. “Finora abbiamo visto poca o nessuna differenza tra la crescita delle piante a 1G (gravità sulla Terra) e la microgravità simulata. Ma vogliamo espandere le nostre osservazioni per avere un’idea di come le piante rispondono e si adattano all’intera gamma di fenomeni gravitazionali. ambientali”, conclude lo studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *