Venti galattici rilevati per la prima volta nell'universo lontano

Venti galattici rilevati per la prima volta nell'universo lontano

Stelle massicce con almeno dieci volte la massa del Sole incontrano un'esplosione chiamata supernova che produce venti galattici. Tuttavia, i ricercatori hanno osservato questo fenomeno direttamente per la prima volta in molte galassie del lontano universo nelle prime fasi della loro formazione.

Flussi di gas su scala Parsec

Per la maggior parte della loro vita, le stelle massicce fondono l'idrogeno in elio nei loro nuclei attraverso reazioni nucleari. Quando il combustibile idrogeno è esaurito, si verificano successive reazioni di fusione con elementi più pesanti.

Ad un certo punto, la stella forma un nucleo di ferro. Ma a differenza delle precedenti reazioni nucleari, la fusione di questo elemento non apporta energia alla stella. Di conseguenza, la pressione risultante da queste interazioni diminuisce La forza di gravità prende il sopravvento provocando un'esplosione interna cuore. Quindi il rapido collasso del nucleo genera condizioni estreme. Gli strati esterni della stella collassano verso il nucleo, provocando un'onda d'urto che si diffonde attraverso la stella. Quando quest'onda d'urto raggiunge la superficie della stella, espelle violentemente la materia nello spazio, creando un'esplosione luminosa chiamata supernova.

Genera anche una supernova Venti galatticiFlussi di particelle cariche e gas emessi nello spazio interstellare ad alta velocità. Questi venti contengono elementi di nuova formazione e arricchiscono lo spazio circostante con materiali come ossigeno, carbonio e altri elementi necessari per la formazione di nuove stelle. Questi venti regolano anche la temperatura del mezzo interstellare. Espellendo materiale riscaldato a temperature estreme, influenza la densità e la temperatura del gas nella regione, che può influenzare la formazione stellare.

Un'osservazione senza precedenti

Gli astronomi hanno già osservato flussi di gas (o venti galattici) di questo tipo provenienti dalle galassie vicine. Recentemente, per la prima volta, un team guidato da Yucheng Guo del Centro di ricerca astrofisica di Lione ha potuto osservare questo tipo di struttura. In un gran numero di galassie nell'universo lontano In un momento in cui le galassie sono nelle prime fasi della loro formazione.

READ  Yasmine Belkaid, esploratrice dell'immunologia alla guida dell'Istituto Pasteur

Tradizionalmente, i venti galattici sono stati molto difficili da osservare, perché gli aloni gassosi sono quasi trasparenti. Qui, i ricercatori hanno superato questo ostacolo utilizzando lo strumento Multi-Unit Spectroscopic Explorer (MUSE), montato sul Very Large Telescope. ” Il dispositivo è in grado di osservare le galassie con spostamento verso il rosso z ≈ 1, che corrisponde a sette miliardi di anni di evoluzione cosmica.“, precisa il ricercatore. A questa lunghezza d'onda lo strumento MUSE è in grado di rilevare e monitorare direttamente l'emissione di atomi di magnesio nei venti galattici.

Le emissioni di raggi X (viola) sovrapposte a un'immagine in luce visibile di una galassia mostrano l'inizio dei venti galattici. Crediti: Radiografia: NASA/CXC/Ohio StateH-alpha e ottica: NSF/NOIRLab/AURA/KPNO/CTIO; Infrarossi: NASA/JPL-Caltech/Spitzer/Ottico: ESO/Osservatorio La Silla.

Un’altra caratteristica importante di questo lavoro è che i ricercatori sono stati in grado di osservare questi venti galattici in più di un luogo Cento antiche galassie. Sono stati anche in grado di determinare che avevano una forma simile a quella di A Gelato.

Infine, notiamo che questa osservazione diretta dei venti galattici al di fuori dell'universo locale è solo un primo passo. Non conosciamo ancora le loro proprietà fisiche, come dimensioni e forza, né come si evolvono nel tempo e nei diversi tipi di galassie. Pertanto, queste domande saranno oggetto di ricerche future.

I dettagli dello studio sono pubblicati in natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *